Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Hilary Duff nei panni di Sharon Tate è INSIPIDA: l'ira di Debra, sorella dell'attrice assassinata

Una speculazione di cattivo gusto piena di bugie: Debra Tate sorella della vittima più famosa di Charles Manson si scaglia contro l'attrice che ha postato una foto su Instagram.

Sharon Tate immagini del film con Hilary Duff sconvolgono la sorella
gettyimages.com/ courtesy of Instagram

Hilary Duff nei ruolo di Sharon Tate è una prova artistica "insipida", di “cattivo gusto”? Così sembra, a sentire Debra Tate la sorella dell’attrice assassinata, che l’ha dichiarato a People dopo aver visto sul profilo Instagram di Hilary Duff una foto in cui si mostra truccata come Sharon prima di entrare sul set. Hilary Duff ha appena girato il film indipendente The Haunting of Sharon Tate, in cui si racconta quel tragico 9 agosto 1969 quando la moglie di Roman Polanski, incinta all'ottavo mese, e altre quattro persone sono state trucidate dalla Family, la setta guidata da Charles Manson. Manson è morto il 19 novembre del 2017. Un romanzo che ha raccontato la genesi della strage, Le ragazze, di Emma Cline, è stato definito uno degli esordi letterari migliori di sempre. Sono passati quasi 50 anni da quella terribile notte e il mondo, ma soprattutto gli americani, non dimenticano. E un film sull’argomento fa ancora molta notizia ed è molto atteso. “Ho avuto l'incredibile opportunità di interpretare Sharon Tate nelle ultime due settimane in un film indipendente”, ha infatti scritto Hilary Duff sotto la foto. “Era una donna straordinaria ed è stato un vero onore”.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

“Non importa chi interpreta mia sorella”, ha replicato subito Debra Tate, che all’epoca dei fatti aveva 16 anni, “è solo un’operazione di cattivo gusto e di sfruttamento della vicenda, un modo per qualcuno di speculare sull’imminente anniversario della tragedia”. In particolare, secondo People, ad irritarla è quella che si presume sarà la scena d’inizio del film, in cui la bellissima Sharon Tate ha un sogno premonitore in cui muore con la gola tagliata insieme al suo ex fidanzato. Debra Tate ha protestato che quel sogno sua sorella non lo ha mai fatto, si tratta di pura fantasia e che per scrupolo ha chiesto ad amici e parenti se nessuno aveva ricordo di qualcosa del genere, ma la risposta è stata “no” da tutti. “Una buffonata”, ha tagliato corto la sorella dell’attrice. Una polemica molto simile a quella innescata da Antonio D’Amico, l’ex compagno di Gianni Versace, alla vista delle foto di scena della fiction sull’assassinio dello stilista calabrese, che secondo lui non rappresentano la verità.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
gettyimages.com/ courtesy of Instagram
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip