Da sportivo a padre premuroso, Alberto II di Monaco ora è un 60enne.

Dalla passione per il calcio all'attenzione per l'ambiente passando per i suoi gusti musicali.

Diventato nel 2005 il 14mo principe di Monaco, Alberto II di Monaco

Dagli studi scientifici all'impegno militare. Nel 1976, Alberto II si diploma al liceo Albert-Premier. Fa uno stage presso la banca Paribas Bank of Monaco, prima di proseguire gli studi in scienze politiche negli Stati Uniti presso l'Amherst College vicino a Boston. Nel 1981 si laurea in scienze politiche. Dal settembre 1981 all'aprile 1982 è ufficiale cadetto presso la scuola navale francese a bordo della nave da trasporto per elicotteri Jeanne d'Arc. L'11 novembre 1986 viene nominato colonnello della compagnia dei Carabinieri del Principato e diventa, due anni dopo, luogotenente di vascello e poi capitano di corvetta di riserva nel corpo degli ufficiali della Marina francese.

È lui l'erede. Cresciuto insieme alle sue due sorelle, Caroline di Monaco nata nel 1957, e Stéphanie di Monaco nata nel 1965, Alberto è il principe ereditario. Molto presto, inizia ad adempiere ai suoi impegni, in particolare dopo la morte di sua madre Grace Kelly avvenuta nel 1982, quando ha solo 24 anni, succedendole come presidente della Croce Rossa monegasca e diventando vicepresidente della Fondazione Princess-Grace-de-Monaco. Poco a poco, Ranieri III gli affida parte delle responsabilità e delle attività del principato. Così, il principe diventa presidente della delegazione monegasca all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, poi guida la delegazione di Monaco a Strasburgo per la cerimonia ufficiale di adesione del Principato al Consiglio d'Europa come il 46mo Stato membro di questa organizzazione.

Un principe impegnato nella salvaguardia del pianeta. Per i suoi 14 anni, suo padre il principe Ranieri gli regala un poster della rivista National Geographic sui diversi tipi di inquinamento. Da allora, è molto attento all'ambiente. Nell'aprile 2006, decide di partire per una spedizione in slitta al Polo Nord per sensibilizzare l'opinione pubblica sul riscaldamento globale. Il principe è il primo capo di stato a raggiungere questo polo. Nel giugno 2006 crea la Fondazione Principe Alberto II di Monaco che lotta per la protezione dell'ambiente e lo sviluppo sostenibile. Il 14 gennaio 2009, va al Polo Sud con l'esploratore sudafricano Mike Horn. Oltre alla sua fondazione, è anche membro del comitato di supporto dell'Organizzazione mondiale per la protezione della natura.

È un amante dello sport. Il Principe Alberto II di Monaco è un grande sportivo. Pratica atletica, calcio, tennis, judo, canottaggio, vela, sci, squash, nuoto, bob e pentathlon. Non li pratica solo per hobby, ma partecipa come atleta monegasco ai giochi olimpici di bob del 1988, 1992, 1994, 1998 e 2002, così come al Rally Parigi-Dakar nel 1985 e nel 1986. Inoltre crea la Federazione monegasca di bob e skeleton di cui è presidente.

Sognava una carriera calcistica. Il Principe di Monaco da bambino amava il pallone. A quattro anni gioca con l'AS Monaco e da adolescente desidera intraprendere la carriera di calciatore. Da allora, è rimasto un grande sostenitore della squadra di calcio di Monaco (rosso bianca) e ha persino incontrato personalmente Radamal Falcao per convincerlo a entrare nell'ASM - Association Sportive de Monaco. In seguito, crea anche una squadra di calcio di amici calciatori, i Barbagianni, dal nome di una specialità regionale che ama. Gioca anche per partite di beneficenza con lo Star Team, composto da celebrità dello sport.

La sua band preferita? Gli Eagles. Oltre allo sport, il principe ama la musica. Egli e la moglie Charlène di Monaco adorano il pop-rock. In occasione del loro matrimonio nel 2011, i futuri sposi hanno chiesto agli Eagles di tenere un concerto il giorno prima della cerimonia civile. Nello stadio Louis-II, la coppia e 15mila monegaschi, ospiti, si sono scatenati in pista sulle note di molte canzoni del gruppo, che ha offerto ai promessi sposi una chitarra autografata. Per i suoi 60 anni, il principe ha programmato una cosa più tranquilla, uno spettacolo di musica classica nella Cattedrale di Monaco.

Quando abdicherà? Il principe ha preso il potere nell'aprile del 2005, alla morte di suo padre. Recentemente, in un'intervista televisiva, ha detto che rinuncerà al suo status quando si accorgerà di non esserne più all'altezza. Ieri ne ha parlato di nuovo a Le Figaro. Ora, però, i suoi gemelli Gabriella e Jacques hanno solo tre anni. Per Jacques, l'erede, Alberto desidera una giovinezza senza troppe responsabilità.

Via Marieclaire.fr

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip