Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Melanie Griffith: 3 matrimoni, una figlia da 50 sfumature e TROPPA chirurgia (but we love you)

Era il simbolo degli anni 80, quella col marito più figo, poi sono arrivati Banderas, la medicina estetica sbagliata e ora è solo la mamma di Dakota.

Melanie Griffith film dell'attrice ex di Banderas
Getty Images

È incredibile come basti il passare degli anni per far cambiare le definizioni delle persone, soprattutto quelle famose. Negli anni 80, al suo esordio, Melanie Griffith era la figlia di Tippi Hedren,l’attrice de Gli uccelli di Hitchcock (da cui era ossessionato). Poi la bionda sex symbol col corpo strepitoso, sposata con Don Johnson con cui formava la coppia più invidiata del momento, una sorta di Blake Lively e Ryan Reynolds. Adesso, per le nuove generazioni, è la madre di Dakota Johnson di 50 sfumature di grigio/rosso/nero. Del volto e del corpo invidiabile di Melanie Griffith è rimasto solo il ricordo, per colpa dell’abuso di chirurgia plastica sbagliata. Ha tre divorzi alle spalle. Ma resta sempre un’attrice memorabile, che però ha riempito le pagine dei giornali non soltanto per il suo lavoro sul grande schermo, ma anche per le vicende che testimoniano come la vita di una star può essere molto difficile e complicatissima. Oh sì se lo è.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

Melanie Griffith, biografia. È nata il 9 agosto 1957 nella città di New York figlia, come si diceva, dell'attrice Tippi Hedren e dell’attore e dirigente pubblicitario Peter Griffith. I suoi genitori divorziarono quando lei aveva solo quattro anni. Suo padre si risposò con la modella e attrice Nanita Greene e ebbe due figli: Tracy Griffith, anche lei attrice, e Clay A. Griffith, scenografo. Sua madre si risposò invece con l'agente e produttore Noel Marshall, famoso per aver prodotto nel 1973 il celebre film L’esorcista. Durante l’infanzia e l'adolescenza Melanie vive tra New York, con il padre, e Antelope Valley in California, con la madre, circondata da animali selvatici nel ranch di famiglia, compresi grandi felini che causano non pochi incidenti. Melanie Griffith, film iniziali. Mamma Tippi introduce la figlia alla recitazione sin da bambina. In California Melanie studia alla Scuola Professionale di Hollywood e allo Stella Adler Conservatory a Los Angeles. Modella di pubblicità fin dall'infanzia, il debutto cinematografico lo fa quando aveva solo 12 anni in Smith! (1969).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

Nel 1971 Melanie Griffith incontra Don Johnson. Con lui Melaine, adolescente, inizia una storia d'amore tumultuosa che la distoglie da qualsiasi altro impegno. Viene anche espulsa dalla scuola cattolica dove stava studiando. Cinque anni più tardi, nel 1976, la coppia si sposa, ma divorziano poco più di un anno dopo. Melanie gira quindi Bersaglio di notte (1975) di Arthur Penn. Si sposa con un altro attore, Steven Bauer, dal quale si separa nel 1986 dopo essere diventata madre di Alexander. Ma poi, un po’ come Liz Taylor e Richard Burton, Melaine Griffith e Don Johnson torneranno insieme. Lui è diventato il sex symbol degli anni 80, ha lanciato lo stubble style, la barba di un paio di giorni, in realtà regolata e curatissima, che fino a quel momento era considerata segno di sciatteria maschile e che diventa invece arma di seduzione. È il protagonista del telefilm cult Miami Vice, così innovativo che ha posto le basi per l’ondata delle serie televisive di oggi (come colonna sonora si usavano le hit del momento, cosa mai sentita prima). Lei è la star del film iconico Una donna in carriera, candidata all’Oscar. Si risposeranno il 25 giugno 1989 e avranno una figlia, Dakota.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images

Melanie Griffith, filmografia importante, mooolto. La Griffith ha girato molti film, ma per una filmografia essenziale è interessante vedere Roar – Il grande ruggito (1981), diretto dal patrigno Noel Marshall, in cui recita praticamente nel ruolo di se stessa con tutta la famiglia e le loro belve. Paura su Manhattan di Abel Ferrara (1984), Omicidio a luci rosse, di Brian De Palma (1984), Qualcosa di travolgente, di Johnatan Demme (1986) e Milagro, seconda prova alla regia di Robert Redford (1988). Il 29 Gennaio 1989, con Una donna in carriera, Melanie Griffith vince il Golden Globe come miglior attrice. La commedia, diretta da Francis Ford Coppola e con co-protagonisti Harrison Ford e Sigourney Weaver, diventa il simbolo degli anni 80 perché descrive il ruolo della donna nuova, indipendente e volitiva, e abbonda di spalline, l’accessorio più inflazionato dell’epoca. Questo film, come già detto, le porta anche la nomination per gli Oscar, pur non riuscendo a vincerlo. In seguito, sono da menzionare assolutamente Uno sconosciuto alla porta, insieme a Matthew Modine e Michael Keaton (1990) Il falò delle vanità, con Tom Hanks e Bruce Willis, diretto da Brian De Palma (1990) e in un’altra sfilza di pellicole, Pazzi in Alabama(1999) interessante prova da regista di Antonio Banderas in cui interpreta una madre piena di figli che uccide il marito violento e fugge a Hollywood per diventare una star, tenendo sempre con sé una cappelliera dove conserva la testa del morto (con cui litiga).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Melanie Griffith, Dakota Johnson e i problemi di famiglia. Una tappa semi obbligata per molte star di Hollywood: prima di risposare Don Johnson, Melanie Griffith entra in un centro di riabilitazione per superare l'alcolismo e la tossicodipendenza. Nel 1994 si separa ancora da Don Johnson, si riconciliano, poi divorziano ancora nel 1995. È il momento della coppia Melanie Griffith Antonio Banderas che renderà felici i giornali di gossip. Lo spagnolo Banderas è il pupillo di Pedro Almodovar che vuole diventare famoso a Hollywood. Non parla una parola di inglese eppure impara a memoria i copioni. Per lui Melanie rappresenta un idolo, l’attrice americana bionda e figlia di una grande star. Il 14 maggio 1996 i due si sposano nel Registro Civile di Westminster, a Londra. Quattro mesi dopo, il 14 settembre, nasce la loro figlia Stella del Carmen nell'ospedale di Marbella, a Malaga. Banderas la ama con una sorta di devozione. Praticamente scrive e dirige Pazzi in Alabama soprattutto per risollevare la carriera cinematografica della moglie, che negli anni novanta, pur girando molti film, non riscuote più grossi sussulti fatta eccezione per Celebrity di Woody Allen (1998). Questo matrimonio durerà a lungo, ma non sarà eterno. Il 6 giugno 2014 il portavoce di Melanie Griffith ha reso noto che l’attrice ha chiesto il divorzio da Banderas, contestando “differenze inconciliabili” a cui è difficile credere, dopo 18 anni di matrimonio. Nessuno saprà mai cosa sia successo fra i due. Nel dicembre 2015 il divorzio è stato formalizzato e Melanie Griffith è tornata una donna single. Recentemente l’abbiamo vista in due produzioni importanti, The disaster artist, diretto da James Franco, e The pirates of Somalia, entrambi del 2017. Ultimamente ha dichiarato anche di essersi seriamente pentita delle varie chirurgie plastiche a cui si è sottoposta per sembrare più giovane, ottenendo invece l'effetto contrario. La povera Melanie sessantenne non è ridotta molto bene, in confronto a colleghe ancora affascinanti come Jessica Lange o Helen Mirren. Ma pazienza, il pubblico le vuole bene lo stesso.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip