Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

E quindi Tom Cruise e John Travolta si odiano e non lo hanno MAI confessato: perché?

Un'antipatia con ragioni ben precise: le diverse gerarchie all'interno di Scientology su cui ora un ex adepto ha vuotato il sacco.

Getty Images

Tom Cruise e John Travolta nemici giurati? La prima cosa che viene da dire è: “Ma come, non sono tutti e due seguaci di Scientology?”. Vero. Però è inevitabile: metti insieme un gruppo di persone che hanno in comune un’ideologia, una fede calcistica, un credo religioso, e stai sicuro che dopo i primi entusiasmi cominciano le gelosie, le invidie, le divisioni e i complotti. Che spesso rimangono solo parole e mai azioni, in rispetto di un disegno più grande da seguire sotto la guida di un capo che cerca di tenere tutti buoni. Brenda Tighe è un’ex guardia della security della sede di Scientology a Clearwater, in Florida, e in 30 anni di servizio, da adepto lui stesso, ne ha viste parecchie e ha deciso di vuotare il sacco. È stato lui a spifferare la presunta antipatia fra i due attori e il motivo è scontato: la gelosia. No, non si tratta della curiosa notizia spuntata due anni fa secondo cui i due avrebbero avuto una storia d’amore gay. Probabilmente non potremmo essere più lontani dalla verità.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Tom Cruise, John Travolta e Kirstie Alley a un evento di Scientology
Getty Images

Per cominciare, John Travolta è un pioniere di Scientology. Chi ricorda il filmone di fantascienza Battaglia per la terra che girò nel 2000? Fu un mezzo flop perché il budget era altissimo e ci sarebbe voluto un bel po’ di spettatori per rientrarci, troppi. Travolta era uno dei produttori e lo aveva fortemente voluto perché tratto dall’omonimo romanzo di Ron Hubbard, lo scrittore fondatore di Scientology. Travolta ha fatto questo e altro, ha fatto di tutto per essere un personaggio di punta della famosa organizzazione religiosa, il cui presidente si chiama David Miscavige. Fra le tre star di Hollywood devote a Scientology, Travolta, Cruise e Kirstie Alley, Miscavige ha invece preferito sempre Tom Cruise, che pur essendo arrivato dopo, ha finito per diventare superiore in gerarchia agli altri due.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
John Travolta si congratula con Tom Cruise per il Golden Globe vinto con Jerry Maguire, 1997.
Getty Images

Secondo Tighe, che ha rilasciato un’intervista esclusiva al Daily Mail, John Travolta non gode degli stessi privilegi di Tom Cruise, non ha diritto a nulla di gratuito, men che meno a regali assurdi come un hangar per aeroplani, biciclette su misura, o i favori migliori che si presume siano stati invece accordati a Cruise. Quando nel 2008 a Tom è stato assegnato il Freedom Medal of Valor, il riconoscimento più prestigioso dei militanti dell’organizzazione, pare che Travolta si sia consumato per l’invidia e mai più sentito, come un tempo, il prediletto di Miscavage. “Non è poi un mistero che i due non si apprezzassero: Travolta non è stato invitato al matrimonio di Tom Cruise e Katie Holmes, Travolta non si considera in alcun modo un subalterno del collega”.

Tighe, che è nato all’interno della chiesa di Scientology perché sua madre ne è una figura apicale, ha raccontato inoltre che in qualità di addetto alla sicurezza di Cruise negli eventi dell'organizzazione, gli è stato vivamente consigliato di farsi sbiancare i denti per sorridere meglio all’attore. Da ragazzo faceva parte della divisione di adepti che svolgono anche lavori di manovalanza, e ha lavorato nella ristrutturazione dell’attico dell’albergo Osceola Inn, di proprietà della chiesa, quando questo è stato riservato a Cruise. Poi è stato assegnato alla sua security e si occupava specificatamente del controllo delle vie in cui l’attore camminava abitualmente. Secondo i portavoce di Scientology, si tratta solo di dichiarazioni senza fondamento di un apostata. Ma Brendan Tighe non molla: “In tutto quel tempo in cui mi ha visto tutti i giorni, Tom Cruise mi avrà detto ‘ciao’ tre volte”, dice . “Nei filmati lo si vede sempre stringere le mani di tutti gli altri membri, ma non è così. Anche quando in un seminario ci sono solo 200 persone ha sempre almeno tre guardie intorno a lui. E respingono chiunque lo avvicini”.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip