I leggendari 90 giorni d'amore tra Brigitte Bardot e Serge Gainsbourg

Tre mesi: tanto è durata la relazione tra il cantante e l'attrice, tre mesi brevi ma estremamente intensi, e di una passione senza eguali.

image
Getty Images

Brigitte Bardot e Serge Gainsbourg si incontrano per la prima volta nel 1959, sul set di Sexy Girl (Voulez vous danser avec moi?). Folgorato dalla bellezza della giovane attrice, il cantante con “la tête de choux" ("L’uomo con la testa a forma di cavolo", dal titolo del suo futuro album del 1976, ndr) non osa nemmeno avvicinarsi alla giovane attrice. Lui non lo sa ancora, ma anche lei è molto intimidita da lui. La timidezza prenderà il sopravvento sui loro sentimenti ed entrambi non riusciranno a parlarsi.

Getty Images

Un amore a prima vista al gusto di champagne. Ma il destino a volte prende il verso giusto, e le due star francesi sono destinate a incontrarsi ancora nel 1967. Questa volta il cantante e compositore si sente più sicuro di sé ed è lui a prendere l’iniziativa con la giovane donna, telefonandole una giornata di fine 1967. Lui vuole scrivere una canzone per lei. Serge Gainsbourg chiede alla ragazza se per caso non possieda un pianoforte. Vuole farle sentire alcune canzoni che ha composto.

Quel primo incontro tra BB e Serge Gainsbourg è breve e silenzioso. Il compositore inizia a canticchiare le prime parole di Harley Davidson. Lei prova a sua volta, ma paralizzata dalla paura ha problemi ad articolare le parole. Ci vorrà qualche bicchiere di champagne per scaldarla. Soggiogato, Serge Gainsbourg osserva rapito una fiduciosa Brigitte Bardot che canta con grande sensualità quel pezzo destinato a diventare una celebre hit. È amore a prima vista. Il giorno dopo lui si precipita a farle consegnare una confezione di Dom Pérignon. Una storia d'amore che avrà inizio su uno sfondo di un perlage dorato.

Getty Images

Ama in fretta e intensamente. I due iniziano un idillio che durerà tre mesi. Sono tre mesi di pura felicità, durante i quali vivono la loro storia senza che la minima nuvola ne oscuri il cielo. Stregata dal cantante, Brigitte Bardot gli chiede una sera, mentre è accoccolata fra le sue braccia, di comporre la più bella canzone d'amore di sempre. Nel bel mezzo della notte il cantante si mette subito al lavoro al pianoforte. Dando alla luce Je t’aime... moi non plus. BB non esita un secondo a registrare quella canzone. Ma di fronte alle minacce di suo marito - Brigitte Bardot è sposata con Gunther Sachs – il brano non verrà mai pubblicato. Anni dopo, sarà Jane Birkin a sostituire BB. Una vicenda che farà soffrire molto l'icona francese, da come confesserà anni dopo a Paris Match: "Credevo di morire. Ma era un risultato prevedibile, non volevo perdere l'uno o l'altro. Questa canzone è stata un mattone che ha schiacciato il mio cuore".

Getty Images

Una rottura dolorosa. Se i loro momenti insieme sono idilliaci, la situazione è difficile da gestire per la giovane donna, divisa tra il marito e l’ amante. È lei che prende l'iniziativa di interrompere la relazione, mentre si prepara a girare le riprese del film Shalako. Serge Gainsbourg è devastato. "Serge era sconvolto dall'ansia di perdermi. Ogni incontro fra noi per lui era un miracolo. Contava molto su un futuro con me, ma la situazione era insostenibile, infernale", disse lei. Nel 1968 lui pubblica Initials BB, la canzone con un chiaro riferimento all’indiscutibile sex appeal dell’attrice, e che in seguito verrà ripresa in una pubblicità Guerlain, a riprova che non viene dimenticata.

Getty Images

Complicità incompleta. Pur separati, i due rimarranno eterni complici. Per molto tempo si telefoneranno ogni sera, mantenerranno una parvenza di intimità. L'attrice si allontana quando il cantante inizia a perdere colpi. Gainsbourg scompare, l’alter ego Gainsbarre fa la sua apparizione, l'alcol diventa la sua nuova campagna. Alla sua morte, nel marzo del 1991, l'attrice è annientata. Ancora oggi Brigitte Bardot dice che la morte del compositore l’ha messa a dura prova, che lei non lo dimenticherà mai. "Da quarantaquattro anni, penso a lui. Soprattutto a venti anni dalla sua morte. Penso spesso a una frase che lui ha pronunciato o scritto, non ricordo più: quando Bardot mi ha lasciato, è come se qualcuno mi avesse strappato il cuore con i denti", ha confessato a Paris Match nel 2016. Appassionante ed effimera. Ma la storia d'amore tra Brigitte Bardot e Serge Gainsbourg è una di quelle che non finirà mai di affascinarci.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip