Anthony Bourdain è morto: le sue confidenze culinarie sono finite per sempre

Adieu allo chef newyorkese che ha cambiato la percezione di ciò che mangiamo (e perché lo desideriamo).

image
Getty Images

Anthony Bourdain ci ha insegnato a mangiare le ostriche senza alcuna remora o snobberia inutile, a pulirci le mani nei pantaloni e poi stringere la stessa mano allo chef. Ha raccontato il sesso nelle cucine più disastrate d’America (e in quelle più fighette). Ha alimentato - a lungo - l’immaginario dello chef burbero, di fretta, in cerca di avventure culinarie folli. Dove lo chef burbero non era quello che presenziava in tv fingendo urla, grida e drammi da star. La notizia della CNN spegne un canale culinario e di vita: Anthony Bourdain morto a 61 anni nella notte di venerdì 8 giugno, e si parla già di suicidio (semi-confermato dalle prime fonti) mentre si trovava a Strasburgo a girare Parts Unknown programma della stessa CNN.

Getty Images

Il nome di Anthony Bourdain, primo chef a scardinare i crismi della letteratura culinaria - Kitchen Confidential è diventato un best-seller anche per la generazione Quattro salti in padella - chef viaggiatore per programmi come No Reservations e compagno di Asia Argento. In quest’ultima fase della sua vita il suo nome, più che per la rivisitazione potentissima che ha fatto della cultura dello street-food (in loco, non in gastro-risto stellati), è balzato alle cronache per quella relazione con Asia nel periodo peggiore per la vita di Asia. La sua assoluta difesa della compagna è arrivata quasi in contemporanea con l’auto-dichiarazione delle molestie nelle cucine (che hanno portato alla fine della carriera dello chef delle star Mario Batali, per esempio), situazioni #metoo narrate senza filtri tra droghe, piatti non finiti e alcol. Abbiamo perso l'ultimo degli chef più onesti al mondo, nudo e crudo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip