Alain Delon: "Anch'io sono stato molestato ma l'ho accettato"

Dopo la recente denuncia di Shia LaBeouf, persino l'indimenticabile sex symbol de La Piscine si unisce al coro del #MeToo.

11th Liege Thriller Film Festival - Festival Du Film Policier : Day Two
Sylvain LefevreGetty Images

A marzo Shia LaBeouf confessò di essere stato stuprato nel 2014 da una donna durante una performance artistica. A unirsi al gruppo degli uomini abusati dalle donne è oggi Alain Delon, che prossimamente vedremo nell'attesissimo La maison vide di Patrice Leconte, l'ultimo film in cui l'attore 83enne reciterà, come ha affermato lui stesso venerdì 21 settembre a Le Monde.

Sunset BoulevardGetty Images

Alain Alain Delon e Romy Schneider sul set di La Piscine 1969

Il sex symbol del cinema francese che non ama stare sotto i riflettori, ma che non si è mai fatto problemi nel criticare apertamente l'attuale produzione cinematografica così come alcuni politici, non si era ancora pronunciato sul movimento #MeToo. Lo ha fatto qualche giorno fa in un'intervista di tre pagine al sopracitato quotidiano francese: "Le molestie sessuali non sono nate con Harvey Weinstein che ha approfittato della sua autorità. Per questo si meritava un bello schiaffone. Ma non si può negare che alcune donne ti tirano un vaso in testa e altre accettano".

Michel GINFRAYGetty Images

Alain Delon con Dalila Di Lazzaro sul set di Trois Hommes à Abattre nel 1980

Per Alain Delon le molestie sono un argomento che l'indimenticabile protagonista di La Piscine conosce piuttosto bene. Da ragazzo scatenò la passione e il desiderio di molte donne. "Posso affermare di essere stato molestato quando ero giovane. Alcune donne mi sono saltate addosso. L'ho accettato, sono stato felice e non ho chiamato la polizia". Vive la sincérité!

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip