Se sposi uno dei Beatles sarai per tutta la vita “una delle mogli dei Beatles”. Il destino di Cynthia Lennon è stato esattamente questo dal 1962, anno del matrimonio con John Lennon, fino alla morte di lui, fino alla scomparsa di lei nel 2015. Forse anche perché mantenne il cognome dell’ex marito, il concetto John Lennon Cynthia Lennon ha accompagnato questa donna come un vestito per tutte le stagioni. Così come la sensazione che il paladino della pace e dell’amore stesse trattando molto male solo lei, dal giorno in cui lo aveva trovato in una vasca da bagno con quella bizzarra artista giapponese che gli ronzava intorno da un po’ (sì, Yoko Ono). E a Cynthia sembrava che John stesse dimenticando anche il loro unico figlio, Julian. Ma come poteva essere nata una relazione tra due persone apparentemente così diverse? La risposta è semplice: non erano così diversi.

Getty Images

Nata nel 1939 Cynthia Lilian Powell era una ragazza della classe media del North West England con molto talento artistico. All'età di 11 anni aveva vinto un concorso d'arte nel quotidiano Liverpool Echo inviando il disegno di una ballerina e a dodici anni era stata ammessa al Liverpool College of Art. Nell'istituto c'era un compagno che le riservava un trattamento diverso, rispetto alle altre compagne di scuola. Si chiamava John, e come succede spesso fra adolescenti, faceva battutine su di lei per attirarne l’attenzione, con la complicità del suo best friend, Geoff Mohammed. Siccome Cynthia vestiva molto bene nonostante la sua famiglia non se la passasse benissimo, e portava i capelli come Brigitte Bardot, aveva la reputazione di biondina un po’ snob. Per cui quando qualcuno diceva delle volgarità davanti a lei, John lo zittiva ironico e lo ammoniva: “Ehi, niente parolacce: c’è Cynthia!”. Quando le parlava, poi, la chiamava “Miss Hoylake”, la cittadina del Merseyside dove viveva. Non è passato molto tempo prima che Cynthia, vedendo John accarezzare il collo di un’altra compagna, si accorgesse di essere gelosa.

Getty Images

Arrivati al 1959 lei ha 20 anni, lui 19, e frequentano insieme il corso di Lettering. A una festa nel luglio di quell’anno si ritrovano a ballare un lento insieme. Non è chiaro se lui avesse già una cotta per lei, cosa probabile perché con la scusa di prenderla in giro una volta aveva portato in classe la chitarra e le aveva cantato una serenata. O forse l’ha capito solo tenendola fra le braccia. Fatto sta che alla fine del ballo le chiese di uscire con lui. Lei però, se la tirò. Come racconta lei stessa in Twist of Lennon, uno dei due libri biografici che ha pubblicato, si era lasciata da poco con un certo Barry che faceva il lavavetri a Hoylake ma disse a John di essere ancora impegnata. Lui, grandissima faccia di bronzo, non si lasciò scoraggiare e rispose semplicemente: “mica ti ho chiesto di sposarmi, solo di uscire”. Mentre andava via dalla festa, Cynthia beccò John che, senza accorgersi che lei poteva sentirlo, diceva a un compagno di corso: “Lo sai che Cynthia è proprio una suora?". Indispettita, rientrò alla festa, lo portò a ballare ancora e quella sera fecero l’amore per la prima volta. La loro lunga storia iniziò quel giorno. Nel 1956, il papà di Cynthia era morto e a vegliare sulla sua sprovveduta giovinezza c’era solo la mamma Lillian, una fiera donna di Liverpool. Che dichiarò subito guerra a quel ragazzetto un po’ troppo “artistico”, per colpa del quale i voti di Cynthia si erano subito abbassati drasticamente. Anzi, non poteva proprio sopportarlo. Anni dopo, la figlia nelle sue due biografie, racconterà che la madre non aveva tutti i torti perché John, il futuro pacifista John, era molto aggressivo con lei. E per nulla fedele.

John e Cynthia con Ringo Star e la moglie Maureen
Peter KeeganGetty Images


Nel 1960 sono nati i Beatles. John e Cynthia stavano ancora insieme, anzi, lei ne caricava l’autostima, lo spronava ben prima di suonare nei club di Liverpool. Quando la band si è trasferita in Germania per il famoso "periodo di Amburgo", Cynthia li ha seguiti ed è andata a vivere dalla zia Mimi, dove pagava l’affitto per una stanza. Due anni dopo si è accorta di essere incinta. John Lennon e Cynthia si sposarono il 23 agosto del 1962 nell'ufficio di Mount Pleasant a Liverpool, proprio un attimo prima che scoppiasse il fenomeno Beatles. Brian Epstein, il nuovo manager della band, era il testimone e Paul McCartney e George Harrison erano presenti. Durante la cerimonia un operaio iniziò a bucare l’asfalto con un martello pneumatico proprio davanti all’ingresso e nessuno degli invitati, tra cui non un parente dei due ragazzi, fu in grado di sentire ciò che diceva l’officiante. Quasi una premonizione. Come racconta l’Independent, Brian Epstein, stabilì subito con John di tenere segrete il più a lungo possibile sia le nozze che la gravidanza, per non infrangere i sogni delle ragazzine pronte a innamorarsi dei futuri Fab Four. La coppia viveva a Londra in un appartamento di proprietà di Epstein a Falkner Street dove, quando John era libero, conducevano un ménage relativamente normale. Nel 1963, però, la vita di Lennon era già diventata impossibile da gestire. Ormai era una star mondiale nel frullatore della celebrità e nonostante il manager continuasse a negare con la stampa che il 22enne Lennon fosse sposato, non passò molto tempo prima che l’indirizzo della loro abitazione diventasse di pubblico dominio. Per cui Cynthia, con un bambino piccolo nato l’8 aprile 1963, si ritrovò in una casa assediata giorno e notte da un’orda di fans urlanti. Una volta una di loro cercò anche di picchiarla sulla soglia di casa, per gelosia.

Getty Images

I due si spostarono allora nel Surrey in una lussuosa magione comprata da John con gli ingenti guadagni dei primi dischi, per crescere serenamente Julian. Ma ben presto, nonostante John le avesse comprato quattro automobili (una Mini, una Ferrari, una Porsche e un Maggiolino) Cynthia si ritrovò a praticamente in isolamento, visto che per lavoro John era sempre in giro, o a Londra, e non si sforzava molto di far coincidere gli impegni del lavoro con i doveri di padre e di marito. Già alla nascita del bambino si era presentato solo tre giorni dopo in ospedale e aveva commentato: “è maledettamente bello Cyn!”. Paul McCartney era il più contrariato dal comportamento superficiale dell’amico nei confronti del figlio, tanto che un giorno scriverà per compassione la canzone Hey Jude dedicata a baby Julian. Cynthia si trasferisce da sua madre in cerca di pace, ma anche lì viene rintracciata da fans e paparazzi. Nel 1964 parte con John per gli Stati Uniti dove i Beatles avrebbero tenuto il loro primo tour americano ed Epstein si infuria perché John si lascia fotografare con lei. Lui però tratta la moglie bruscamente. Quando devono infilarsi nelle auto per gli spostamenti, una volta lei viene bloccata dalla security ed è costretta a chiedere ai fan di testimoniare chi è. Quando finalmente raggiunge John, lui la accusa di essere stata lenta e imprudente: “non capisci che qualcuno potrebbe ucciderti?”, la rimprovera in un picco di esaltazione. Lei decide di non seguirlo mai più in tour, ma negli Uk la sua vita non è più semplice, con le fan che per dispetto gli riempiono continuamente la serratura di casa con le gomme da masticare, le strappano i vestiti di dosso per la strada e le intasano la cassetta della posta di lettere d’amore per John.

Evening StandardGetty Images

Una mattina del 1965 Cynthia si ritrova davanti alla porta anche un barbone che assomiglia come una goccia d’acqua a John e che dice di essere suo padre, Alfred Lennon, con cui il musicista non aveva più contatti. John è molto seccato dalla comparsa del padre 56enne, ma accetta la sua richiesta di assumerne la fidanzatina di 19 anni per dare una mano a Cynthia col bambino, e con la gestione della posta dei fan. In quel periodo Cynthia scopre che John fa consumo regolare di droga, anche di Lsd. In realtà, questo lo rende meno aggressivo e più comunicativo con la moglie, ma Cynthia comincia a pentirsi di non avere mai sviluppato il suo talento nelle arti figurative per seguire un uomo che si sta allontanando sempre di più da lei. Quando nel 1967 la band sale sul treno per Bangor per la famosa esperienza di meditazione trascendentale con Maharishi Mahesh Yogi, Cynthia viene dimenticata sulla banchina. Segue però la band nell'ashram di Maharishi in India, ma al ritorno, in aereo, John si sente pronto a confessare la lunga lista delle sue infedeltà. Però vuole stare ancora con lei.

Cynthia col giovane Julian
BettmannGetty Images

Cynthia trova tra i bagagli di John delle lettere di Yoko Ono, l’artista concettuale giapponese che lui aveva incontrato a un vernissage di arte contemporanea. La leggenda vuole che Yoko lo abbia visto e gli abbia fatto consegnare un biglietto. Cosa ci fosse scritto non lo ha mai saputo nessuno ma di sicuro fece colpo, tanto che lui ne divenne inseparabile. Con Cynthia che protesta, lui sminuisce il rapporto con Yoko, dice che c’è solo dell’interesse artistico in comune. Forse perché si sente in colpa, qualche tempo dopo però sarà lui a chiedere il divorzio da Cynthia perché sospetta che lo abbia tradito con un italiano, Roberto Bassanini, che gestiva un hotel a Pesaro dove lei si è recata in vacanza con la madre. Poi arriva la notizia bomba: Yoko Ono è incinta di John Lennon. Siamo nel 1968 e stavolta è Cynthia a scatenare gli avvocati per divorziare. John la umilia rifiutando di darle le 75mila sterline di alimenti che lei chiede, perché “non le vali”, le dice. Il divorzio si conclude con John condannato a versare invece 100mila sterline subito (un milione e mezzo di euro di oggi) e 2.400 sterline all’anno. Inoltre, la custodia di Julian viene affidata alla madre e a John viene imposto di versare altre 100mila sterline su un fondo fiduciario di cui il figlio fruirà da maggiorenne. Il fondo però riportava una clausola di partecipazione con altri eredi, per cui Julian in seguito dividerà la somma col fratellastro Sean.

Getty Images

Le strade dei due ex compagni di studi all’istituto d’arte si dividono. Cynthia lascerà a Yoko Ono il suo posto nella casa di Londra che il marito aveva comprato e si trasferirà nella magione di Kenwood. Con il divorzio ormai in corso, John la accuserà di aver avuto anche un flirt in India, accusa che lei respinge fermamente. Paul McCartney invece continua a preoccuparsi per lei e Julian e li visita spesso, molto più del padre. Lei prova a riprendere gli studi artistici e diventa un'apprezzata acquarellista. Il destino di John lo sappiamo tutti, l’8 dicembre del 1980 Yoko Ono lo vedrà morire a due passi dalla loro casa di Manhattan dopo che un uomo di nome Mark David Chapman, che poche ore prima si è fatto autografare un LP a una festa, gli spara quattro colpi alla schiena. Cynthia sposò davvero l’hotelier Bassanini nel 1970 ma divorziarono nel 1973. Si sposò ancora con John Twist, un ingegnere del Lancashire, e con lui il matrimonio finì nel 1983. Poi incontrò Jim Christie, con cui rimarrà per 17 anni. Nel frattempo aveva cambiato cognome sui documenti adottando definitivamente “Lennon”. Nel 2002 si è sposata una quarta volta con Noel Charles, proprietario di un locale notturno. Nel 1991 Cynthia ha messo all'asta tutti i suoi cimeli legati a John. Si è sbarazzata di ogni ricordo. Quando il 1 aprile del 2015 è spirata dopo una breve lotta contro il cancro, del grande amore con quel ragazzino che la prendeva in giro e le cantava serenate in classe le era rimasta una cosa sola. Il loro figlio Julian, che è stato con lei fino all’ultimo respiro.

Cynthia col figlio Julian
Dave Thompson - PA ImagesGetty Images