Michelle Obama e la prom night di Malia Obama alla Casa Bianca

Ovvero, son tutte uguali le mamme del mondo. Anche quelle presidenziali.

Getty Images

L’autobiografia di Michelle Obama Becoming è uno dei libri imperdibili di questo autunno. C’è la vita intera di una delle donne politiche-non-politiche più interessanti degli ultimi vent’anni, la First Lady per antonomasia (e quella che a molte manca di più, cfr l’ambiguità insita in Melania Trump), l’avvocato di successo, la moglie fenomenale di Barack Obama e la mamma di Malia e Sasha Obama via fecondazione assistita dopo un aborto, come ha recentemente rivelato . E va ribadito anche questo suo ruolo. In un’anticipazione pubblicata da People, è proprio la Michelle Obama mamma ad emergere in tutta la sua tenerezza. E pure inadeguatezza, in un certo senso. Perché l’incubo di tutti gli ex teenager dalla voglia disperata di non fare figuracce sono stati padri, madri, adulti con cui sono cresciuti. Pronti a sguainare la foto di bimbe paffute di fronte ai nostri amici, a ridicolizzare (non intenzionalmente, si spera) solo con un racconto. E Malia Obama figlia di Michelle e Barack Obama non è stata da meno, come ha ricordato la ex First Lady.

Getty Images

È il racconto della prom night di Malia Obama, il ballo di fine anno nell’ultimo periodo di presidenza di papà Barack, nella primavera del 2015. Malia era stata invitata da un ragazzo che “un po’ le piaceva” scrive Michelle Obama oggi nel libro. E di fronte ad un evento così importante per la vita della loro figlia è scattata l’eccezione alla regola severissima della Sicurezza Nazionale, uno sgarro voluto assolutamente dai due genitori presidenziali per regalare alla figlia maggiore un momento di normalità. “Il ragazzo è arrivato con la sua macchina, ha superato i servizi di sicurezza al cancello sud-est della Casa Bianca, è passato sul percorso dove di solito arrivano i capi di stato e gli altri dignitari e poi coraggiosamente è entrato nella Dip Room col suo vestito nero”. È stato lì che Malia Obama ha intimato ai suoi genitori la frase che tutti noi abbiamo pensato, in migliaia di lingue diverse, in situazioni simili: “Just be cool, ok?”. Dritta, diretta figlia di sua madre e suo padre. Niente figuracce, e non ve lo chiedo nemmeno per favore. L’ansia da prestazione colpisce pure le first daughters, a quanto pare la raccomandazione extra era d’obbligo. Specialmente visto che tuo padre è il Presidente degli Stati Uniti e scende a stringere la mano al ragazzo del tuo appuntamento del prom in infradito ai piedi, mentre la First Lady tua madre arriva a piedi scalzi (no, Michelle Obama i capelli naturali li ha tenuti nascosti). Un momento delicatissimo di privatissima esposizione di personaggi pubblici. Il terrore imbarazzato di Malia si è però sciolto rapidamente mano mano che raggiungevano la stanza dove il ragazzo l'aspettava: “Malia aveva una gonna nera lunga e un top elegante che le lasciava le spalle scoperte. Era bellissima, sembrava avesse 23 anni” scrive orgogliosa Michelle nel suo ricordo privilegiato.

Getty Images

Malia Obama oggi è fidanzata con Rory Farquharson e studia ad Harvard, sventola con orgoglio le treccine al vento e si fa allegramente, correttamente, la sua vita privata. I tempi del prom sono ormai lontanissimi, gli Obama sono tornati a Chicago, Michelle ha giurato che in politica non entrerà mai (sono in molti a sperarci, ma lei preferisce dedicarsi a consulenze, conferenze e libri). La vita alla White House è un pezzo di storia. Ma conoscere un dettaglio così normale sulla vita genitoriale media americana ribadisce un concetto semplicemente dolorosissimo: la pop family di Michelle e Barack Obama manca troppo.

Getty Images
This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip