Linda McCartney, l'americana che conquistò Paul McCartney (per sempre)

Lui era uno dei Beatles più desiderati, lei una fotografa sconosciuta, ma chi fra i due dovette sudare per ottenere l'amore è stato lui, soprattutto lui.

image
Getty Images

Lovely Linda, come il titolo di una canzone a lei dedicata nel primo album da solista di Paul. Non è facile essere moglie di una superstar della musica come Paul McCartney, ma Linda Estaman, poi famosa come Linda McCartney, aveva sempre quell’espressione serena e priva di superbia come se l’invidia altrui non la sfiorasse, ma nemmeno ne comprendesse il motivo. Infatti non sacrificò la sua vita alla fama del marito. Coltivò le sue passioni, continuò la sua attività di fotografa, la allargò a quella di musicista, si farà conoscere come attivista per i diritti degli animali e pioniera dell’alimentazione vegetariana quando a nessuno passava ancora dall’anticamera del cervello l’idea di chiedersi se gli animali soffrono. Linda McCartney era tutto questo.

Linda McCartney, biografia. Linda Eastman era nata il 24 settembre 1941 a Scarsdale (sì, la città dove è nata la famosa dieta), New York. I suoi genitori erano Lee, facoltoso uomo d’affari newyorkese, e Louise Eastman. La mamma morì in un incidente aereo mentre lei entrava al college in Arizona per studiare storia dell'arte, e per lenire il dolore la ragazza si gettò fra le braccia di un compagno, John Melvyn See, con cui si sposò, ebbe una figlia, Heather, e divorzio presto trasferendosi a New York nel 1965 con la bambina. Lì si mantenne facendo la receptionist fino a quando non comprò una Leica e iniziò la carriera di fotografa. Incontrò Paul McCartney nel maggio 1967. Linda, che lavorava come fotografa, era nel Regno Unito per realizzare un servizio sui musicisti della swinging London. Una sera si è trovata in un locale di Londra chiamato The Bag O'Nails dove i Beatles stavano presentando quello che sarebbe diventato uno dei loro album più famosi: Sgt. Pepper Lonely Hearts Club Band. Si parlarono. Molto. Si incontrarono di nuovo quattro giorni dopo alla festa di lancio dell’album. Erano a casa del manager storico dei Beatles Brian Epstein, a Belgravia, ma sembrava che niente potesse impressionare la ragazza americana che, terminato il suo servizio, volò di nuovo a New York. D’altra parte, Paul era fidanzatissimo con l’attrice Jane Asher, aveva comprato un appartamento da 40mila sterline a Westminster, ne aveva spese 20mila per arredarlo e viverci con lei e accettato che i genitori di lei dessero un contributo per il restauro della facciata. Jane Asher era anche stata in India con lui nel 1968 e contavano di sposarsi prestissimo. Ma quando lei torna all’improvviso da una tournée teatrale e lo trova a letto con un’altra, un’aspirante scrittrice e sceneggiatrice di nome Francie Schwartz - che diventerà famosa solo per questo episodio -, il fidanzamento è rotto.

Non si sa perché dopo la rottura con Jane Asher, Paul abbia cercato Linda. È lecito pensare che ne fosse rimasto folgorato da subito, ma in un modo tale da non mortificarla con una relazione clandestina, mentre stava per sposarsi. Forse aveva pensato “se fossi stato libero, questa sarebbe la ragazza giusta per me”. Nel maggio del 1968, Linda si vide piombare a New York Paul a insieme a John Lennon. I due erano lì per annunciare la fondazione di Apple Corps, la loro compagnia discografica, ma Paul fece in modo che tra gli invitati ci fosse anche lei. Non successe ancora nulla. A settembre, Paul McCartney le telefonò e le chiese di raggiungerlo a Londra. Sei mesi dopo si sposarono con una piccola cerimonia civile all'ufficio del registro di Marylebone. Era il 12 marzo 1969 e Linda Eastman era incinta di quattro mesi della loro prima figlia, Mary McCartney. Paul adottò la figlia di Linda, Heather, e insieme hanno avuto altri tre figli: Mary, Stella, destinata a diventare la famosa stilista Stella McCartney e la figlia di Paul McCartney più famosa in assoluto, e infine James. Paul McCartney non voleva separarsi mai da Linda e per passare più tempo possibile insieme a lei le insegnò a suonare le tastiere e la incluse permanentemente nella formazione di Wings, la band che fondò dopo lo scioglimento dei Beatles. Lei si dedicò anche a Ram, l’album di Linda McCartney, come viene definito dai fans.

Getty Images

Nei primi anni 70, Linda McCartney vegana convinta, convertì anche il marito a questo tipo di alimentazione. Inoltre approfittò della popolarità acquisita come moglie di uno degli inarrivabili Fab Four per diventare una paladina dei diritti degli animali. Famosa la sua frase “se i mattatoi avessero le pareti di vetro, nessuno mangerebbe più carne da un pezzo”. Oltre a continuare nella sua carriera come fotografa, lavorò per una linea di cibi vegetariani e pubblicò nel 1990 un libro che diventò un best-seller: Linda McCartney Home Cooking. Tuttavia, non era solo rose e fiori. I fan britannici dei Beatles e soprattutto quelli che consideravano Paul un idolo, non accettarono mai questo matrimonio insultando sempre Linda con commenti sprezzanti, offendendola per essere statunitense e per essere stata una madre single. Nonostante questo, nonostante la convinzione dei fan che i Beatles si siano sciolti per colpa di Linda Eastman e Yoko Ono, Paul insegnò a Linda a suonare le tastiere, e insieme produssero, appunto l’album, Ram, nel 1971. Con i Wings vinsero anche dei Grammy Awards per l’album successivo, Band on the Run. Nel 1977, il singolo di ispirazione reggae Seaside Woman fu prodotto da una band sconosciuta chiamata Suzy and the Red Stripes per la Epic Records negli Stati Uniti. In realtà, Suzy and the Red Stripes erano gli Wings, mentre Linda (che scrisse la canzone) era la voce solista. Linda McCartney ha inoltre condiviso una nomination agli Oscar per la composizione di Live and Let Die, tema dell’omonimo film di 007 del 1973.

View this post on Instagram

What a couple of change agents....x Stella

A post shared by Stella McCartney (@stellamccartney) on

Linda McCartney, la malattia. Una devastante notizia colpì la famiglia McCartney nel 1995: a Linda venne diagnosticato un cancro al seno e dovette sottoporsi a diversi cicli di chemioterapia e subire un intervento chirurgico per rimuoverlo. Il tumore però ricomparse al fegato. Il 17 aprile del 1998, Linda morì all'età di 56 anni nel ranch di famiglia a Tucson, in Arizona: il suo corpo venne cremato e le sue ceneri furono sparse nella fattoria di famiglia nel Sussex, in Inghilterra. Un ultimo album di Linda, Wide Prairie che includeva Seaside Woman fu prodotto postumo nel 1998. Insieme ad altri otto compositori inglesi, mentre Paul ha prodotto l'album corale A Garland for Linda in suo onore. Il messaggio di rispetto per l’ambiente e per i diritti degli animali di Linda McCartney oggi viene portato avanti dalla figlia Stella, a dimostrazione che non era solo una “moglie di”, ma una donna intellettualmente così interessante da aver conquistato l’uomo che tutte, ma proprio tutte, volevano. Ma che voleva solo lei.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip