Sexy senza tempo, Jessica Lange compie 70 anni

L'attrice originaria del Minnesota interprete di film cult come King Kong, Il Postino suona sempre due volte e Frances, festeggia il compleanno mantenendo del tutto inalterata la sua sensualità.

Jessica-Lange-film-Frances
Silver Screen CollectionGetty Images

Il 20 aprile Jessica Lange compie 70 anni. Ce la ricordiamo ancora fra le mani di King Kong col suo vestitino tutto dorato, bagnato fradicio, terrorizzata eppure sexy da morire. E facciamo fatica a pensarla splendida settantenne.

Ai Golden Globes del 1977
Frank EdwardsGetty Images

Per una generazione di cinefili (e non solo), Jessica ha rappresentato un oggetto del desiderio tutt’altro che oscuro. Non è stata solo la sensuale ragazza americana tutta boccoli biondi e sguardo ipnotico, ma anche un’attrice sofisticata e intellettuale che ha vissuto la sua vita sempre a 200 all’ora. Un matrimonio durato 10 anni con il fotografo Francisco Paco Grande, relazioni con Mikhail Baryshnikov e Sam Shepard (mica due qualsiasi…), due Oscar in bacheca, diversi Golden Globes: oggi l’attrice originaria del Minnesota è una signora del cinema a stelle e strisce che imperversa da almeno 8 stagioni nella serie American Horror Story, interpretando la torbida Costance.

Nel film King Kong
Getty Images

Ex fotomodella, deve parte del suo successo a un italiano: il produttore Dino De Laurentiis che le spianò il successo, scegliendola, nel 1976, come attrice nel suo King Kong. Ma ancor più del gorilla formato extralarge, il pubblico si innamorò di lei ne Il Postino suona sempre due volte, pellicola cult degli anni 80.

Jessica con Michail Baryšnikov
Getty Images

Atmosfere languide, spalline lente che scivolano sul seno: il film fu uno scandalo non solo per il tema trattato, il tradimento, ma anche per alcune scene decisamente hot. Su tutte quella in cui la disinibita (e tanto annoiata) Jessica e Jack Nicholson fanno sesso sul tavolo in mezzo a chili di farina bianca.

Con Jack Nicholson sul set de Il Postino suona sempre due volte
Getty Images

L’amplesso fu talmente realistico che per anni prese piede la leggenda secondo cui i due l’avevano fatto davvero. Anni dopo, ospite del Taormina Film Festival, fu la stessa attrice a dichiarare di essersi “divertita” molto sul set grazie all'attrazione scoppiata con Nicholson. «La macchina da presa - ha raccontato - ha un’intelligenza e sensibilità incredibile. Per me è come una persona che osserva e poi rilascia quello che vuole, la camera ama e odia, è un’entità a sé, così l’ho sempre percepita: un raggio di sole e luce».

Con l’Oscar
Getty Images

Nel 1983 è arrivato l’Oscar come miglior attrice non protagonista per il ruolo dell’ingenua Julie Nichols per Tootsie di Sydney Pollack. Sul set di Frances conosce il drammaturgo Sam Shepard, che diventa suo compagno di vita. Poi arrivano Prova d’accusa, Cape Fear, La notte e la città. Nel ’94 arriva la statuetta della consacrazione come miglior attrice per la sua interpretazione in Blue Sky. Una marcia trionfale, tanto che nel 1998 la rivista Entertainment Weekly l’ha inserita nella lista delle “25 più grandi attrici degli anni ’90”. Nel 2010 il primo Emmy Award per l'interpretazione in Grey Gardens (2009). Fra il 2011 e il 2014 vince il suo primo Screen Actors Guild Award, ovvero il premio che gli attori danno ai colleghi più bravi, il suo quinto Golden Globe e il secondo e terzo Emmy Award, tutto questo per la sua interpretazione nella serie American Horror Story (2011-2015).

Jessica oggi
Getty Images

Le rughe non l’hanno mai spaventata. Tanto che nel 2014 Jessica è stata testimonial della campagna pubblicitaria della linea cosmetica di Marc Jacobs. L'attrice è anche un’apprezzata fotografa (ha pubblicato tre raccolte di scatti di cui una con la prefazione di Patti Smith) ed è molto impegnata politicamente. «Hollywood - ha detto - è ostaggio del mercato e del maschilismo, che non è solo nel sistema, ma già nel pubblico. Solo un ruolo su quattro è pensato per le donne, e di questi solo il 40% è pensato per le ultraquarantenni. E la percentuale, ovviamente, si riduce sensibilmente se sali sopra i 50 o 60. Questo dovrebbe far riflettere». Noi intanto riflettiamo su di lei. E su come Jessica Lange sia la dimostrazione evidente di quanto bellezza e sensualità non abbiano età. Sarà banale ma è così.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip