La New York segreta di Michael Kors

Le mete (olfattive) di un designer di NYC e i suoi indirizzi wonder

Clothing, Eyewear, Glasses, Vision care, Mouth, Collar, Coat, Goggles, Sunglasses, Outerwear,
Getty Images

Avere fiuto. Ci sono viaggiatori che non lasciano tracce, quelli che per mantenere segreti certi luoghi non ne condividono le emozioni. Michael Kors invece è un esploratore che ama amplificare così intensamente il ricordo di un’avventura da voler imbottigliarne le palpitazioni in un profumo.

Cosa significa Wonderlust? È la meravigliosa sensazione che tutto possa accadere. Si ispira proprio al viaggio: al senso di stupore che si prova quando ci si trova davanti all’inaspettato e, in questo caso, anche all’esotico.

Così è spesso descritta la sua città, New York. Ha un’incredibile energia dovuta alla natura multiforme: qui ci sono tanti tipi di persone, tutte in movimento verso direzioni diverse.

Perché per molti è “un sogno”? Per il continuo cambiamento che coinvolge il cuore della City. Unito a un senso di libertà, dà la sensazione che tutto sia possibile.

Ma qui ci “si perde” o ci “si ritrova”? Ci si può smarrire per un po’, ma le persone che vivono qui sono arrivate, si sono ritrovate, e non sono più andate via.

A lei dove piace perdersi? Al MoMA, per ammirare le opere di Rothko e Pollock. O alla libreria Three Lives & Company.

Dove va per un po’ di pace? Passeggio sulla High Line al mattino.

Se cerca confusione? Broadway! Voglio andare a vedere uno spettacolo almeno una volta la settimana: è il mio svago preferito.

A NYC non c’è niente di meglio di… Osservare le persone per strada: molto meglio di una passerella.

I luoghi con i più bei ricordi? Marie’s Crisis Piano Bar, Bergdorf Goodman (per il mio primo trunk show) e, anche se non esiste più, lo Studio 54, in pieno stile New York.

I film preferiti girati nella Grande Mela? All about Eve e The Thomas Crown Affair, anche se per il secondo non sono imparziale: ho vestito Rene Russo.

La migliore fotografia? Il murales di una New York City invernale dell’artista tedesco-americano Ludwig Bemelmans, esposto al Bemelmans Bar del Carlyle Hotel. Da ammirare sorseggiando uno dei migliori drink della città.

E noi seguiremo il suo consiglio.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip