C'è un nuovo, intimo, capitolo nella triste storia di Johnny Depp e Amber Heard

Gli avvocati dell'attrice hanno ottenuto un provvedimento che potrebbe essere risolutivo nella causa per violenza domestica contro il divo.

Johnny Depp e Amber Heard, Johnny Depp contro Amber Heard, Amber Heard contro Johnny Depp, nuovo capitolo legale pesante e delicato tra i due ex coniugi di Hollywood che ormai si parlano solo tramite avvocati. La causa di diffamazione da 50 milioni di dollari intentata dall’attore di Waiting For The Barbarians (presentato dallo stesso Johnny Depp a Venezia 2019) contro la ex moglie per la lettera aperta al Washington Post, e ribattuta da Amber Heard con una deposizione dettagliata sulle violenze subite da Johnny Depp, si allarga con una nuova mozione degli avvocati dell’attrice di Aquaman. Come riporta Deadline, il giudice Bruce White della contea di Fairfax, in Virginia, ha accettato la richiesta del pool di avvocati della difesa di Amber Heard e Johnny Depp avrà tempo fino al 15 novembre per presentare tutte le cartelle cliniche che testimonino l’utilizzo di alcol e droghe. Un bivio: da un lato sono strumenti necessari per dimostrare l’eventuale innocenza dell’attore (e peggiorare la posizione di Amber Heard), dall’altra potrebbero diventare dei boomerang e aggravare ulteriormente la questione per Johnny Depp. I due ex coniugi non si esprimono in merito, sono i loro avvocati a farlo. Lo scacchiere delle mozioni e dei botta e risposta ha rischiato di spostarsi dalla Virginia alla California su domanda dei legali di Amber Heard, cosa che il tribunale ha poi deciso di non accettare, e subito dopo era stata avanzata una richiesta di archiviazione che non si sa che fine abbia fatto. Amber Heard oggi ha assunto Roberta Kaplan, avvocata e fondatrice del legal team del movimento Time’s Up, e fa parlare direttamente la legale: "La posizione del signor Depp in questo caso è senza senso, come se fosse lui ad essere stato denunciato. Ma è lui che ha iniziato la causa basandosi sulla teoria che la signora Heard si sia inventata tutto per ottenere l’ordine restrittivo contro Depp nel 2016" ha dichiarato l’avvocata. "Ora che i fatti nella sua stessa causa lo stanno mettendo a disagio, il signor Depp vuole nascondere l’evidenza che solitamente viene legata alla violenza domestica: i decenni di abuso di droghe e alcol, la sua storia di violenza, e tutte le cartelle cliniche che dimostrano l’elenco infinito di prescrizioni mediche per i farmaci che prende tutti i giorni, oltre agli incidenti causati dalla sua rabbia da drogato" ha concluso la Kaplan.

Gli avvocati di Johnny Depp non sono stati in silenzio, e hanno ricordato innanzitutto che l’attore ha sempre detto di essere stato lui quello sottomesso agli abusi della ex moglie. "Amber Heard non fa nemmeno più lo sforzo di fingere su questa bufala degli abusi. Se avesse voluto davvero farlo, lei e gli altri cospiratori avrebbero smesso di presentare deposizioni" ha replicato seccamente al giornale uno degli avvocati del team Depp, Adam Waldman. "A scanso di equivoci, l’unica persona in questa causa che abbia picchiato una donna è la autoproclamata portavoce di #MeToo Amber Heard, ed è stata arrestata e incarcerata per questo. Picchia selvaggiamente le persone, lo dimostreremo in tribunale" ha poi concluso l’avvocato di Johnny Depp.

Come se non bastasse la complicata questione delle cartelle cliniche di Johnny Depp da presentare in tribunale nella causa sulla costa est, anche sul versante del Pacifico i tribunali hanno diverse cause in corso contro l’ex Pirata dei Caraibi (che non recita più nel franchising Disney e anche di questo ha incolpato Amber Heard e la sua lettera pubblica, anche se i rappresentanti degli studios non hanno mai chiarito l’argomento). Oltre al caso del location manager di City Of Lies picchiato da Johnny Depp, che verrà discusso nel maggio 2020, l’attore è stato denunciato anche dai suoi ex avvocati della California, che lo accusano di non aver mai saldato la parcella delle loro prestazioni. O meglio, saldata in parte: loro chiedevano quasi 550mila dollari, Depp ne ha pagati solo 187mila, e gli hanno fatto causa. La terza nel giro di pochi mesi. L'aria rasserenata del gennaio 2019, quando la causa degli ex bodyguard di Johnny Depp si era risolta con un accordo, torna ad essere molto tesa.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip