Il ritratto più intimo e illuminante di Jane Birkin è in mostra a Parigi

Tutto quello che sappiamo di Jane Birkin, dopo anni di audaci rivelazioni, è in mostra a Parigi con il suo fascino radioso che scalda più del sole

image
Courtesy Photo

Non servono giri di parole e cliché per raccontare Jane Birkin. La sua figura androgina da maschiaccio sensuale che indossa la rivoluzione di Mary Quant su gambe lunghissime, senza tacco, trucco e vestiti. Dalla Swinging London, Blow-Up di Michelangelo Antonioni incluso, all'amore con Serge Gainsbourg. Jane Birkin attrice e protagonista della rivoluzione sessuale: che sia con l’amplesso musicale di Je t’aime…moi non plus (canzone, però dedicata a Brigitte Bardot) al film omonimo diretto dallo stesso Gainsbourg (dove Jane si chiama Johnny, ha i capelli cortissimi e si innamora di un camionista omosessuale, Joe Dallesandro). Tutto quello che pensiamo di sapere di lei, dopo anni di audaci rivelazioni, sa ancora sorprendere, ma se i diari segreti pubblicati di recente, abbondano di dettagli intimi e senza censura, sono gli scatti di chi la inquadra da tutta la vita a svelarci la vera natura della donna dietro l’icona e della sua luce che scalda come il sole. Una missione per la nuova mostra di Julia Gragnon alla Galerie de l'Instant di Parigi, che ci lascia guardare Jane B fotografata da Tony Frank e Andrew Birkin (fino al 01 marzo 2020).

Andrew Birkin - Jane & Andrew, England, 1964
© Andrew Birkin / Art Storm Consulting, Courtesy Galerie de l'Instant, Paris
Andrew Birki - Jane Birkin, England, 1964
© Andrew Birkin / Art Storm Consulting, Courtesy Galerie de l'Instant, Paris

La mostra allestita nella galleria parigina in Rue de Poitou 46 e dalla sua direttrice capace di scovare fotografie mai viste anche di Marilyn Monroe, festeggia i primi 73 anni di Jane Birkin (14 dicembre del 1946), con le prospettive più intime colte da suo fratello e dal fotografo di tanti divi, partendo dagli scatti che inquadrano Jane con Serge nel 1969, a Régine presso Deauville.

"Ho trovato divertente confrontare le due serie e le loro opinioni in questo giorno. Poi, guardando le altre immagini di Andrew, ho voluto mettere in parallelo le opere di questi due fotografi, testimoni a modo loro di momenti unici di questa coppia indimenticabile. Tony, complice dei migliori anni di Gainsbourg, e Andrew, partner della vita di Jane, che ci consente, attraverso la sua generosità, di accedere ai momenti della vita di questi due artisti che hanno segnato così tanto il nostro spirito".

Andrew Birkin - Chez Régine, Normandie, 1969
© Andrew Birkin / Art Storm Consulting, Courtesy Galerie de l'Instant, Paris
Tony Fran - Chez Régine, Normandie, 1969
© Tony Frank, Courtesy Galerie de l'Instant, Paris


La vita pubblica e privata di Jane, intrecciata a quella artistica di Serge Gainsbourg per sempre, anima il percorso espositivo con le diverse prospettive dei due obiettivi, legati a lei da una relazione d'affetto e amicizia. L’affetto di un fratello come Andrew Birkin, sceneggiatore e regista inglese che con Stanley Kubrick ha condiviso ben più della passione per la fotografia, emerge da ogni inquadratura della sorella minore (di un solo anno), con la quale condivide i momenti più intimi e familiari sin dall’infanzia. Una sintonia intensa estesa anche a Serge, stando alle affermazioni di Jane al quotidiano britannico The Guardian, "Mi sono innamorata di Serge, Andrew si è innamorato di Serge e Serge si è innamorato di Andrew. Eravamo un trio".

Andrew Birkin - Jane Birkin, Serge Gainsbourg, A Régine, Normandie, 1969
© Andrew Birkin, Courtesy Galerie de l'Instant, Paris
Tony Frank - Jane Birkin, Serge Gainsbourg, Foire du Trône, Paris, 1970
© Tony Frank, Courtesy Galerie de l'Instant, Paris

Un legame fortissimo, raccolto anche nell’album di famiglia pubblicato da Taschen, presente in galleria con alcune copie firmate, insieme a quelle del libro che Tony Frank ha realizzato con le riprese di Histoire de Melody Nelson (1971). Per la critica uno degli album più compiuti e influenti di Gainsbourg e dei capolavori della storia della musica leggera. Non solo per i toni eroticamente espliciti e provocatori che raggiungono l’apice con il brano En Melody e la morale comune già scaldata nel 1969 da Je t'aime... moi non plus. L’amicizia che rende l’obiettivo professionale di Tony Frank sensibile alla vita pubblica e privata di Jane e Serge, scatta anche il ritratto della scandalosa Melody/Jane Birkin della copertina.

Tony Frank - Shooting album Melody Nelson, Paris, 1971
© Tony Frank, Courtesy Galerie de l'Instant, Paris

Lo sfondo è azzurro cielo, Jane ha i capelli corti rossi e indossa solo un paio di jeans a zampa d'elefante, mentre abbraccia Munkey, la scimmietta di pezza vinta a una tombola che la segue sin dall'infanzia. Munkey è anche il prezioso confidente dei suoi diari segreti scritti dall'età di 11 anni. Uno scrigno di desideri segreti e confessioni senza censura, tra l’ossessione del sesso e i demoni dell’alcool, pubblicato solo di recente in due volumi. Munkey Diaries. 1957-1982, appena tradotto in Italia da Edizioni Clichy, mentre il secondo volume esce in Francia con le Éditions Fayard.

"(Munkey) Ha dormito al mio fianco, ha condiviso la mia vita con John, Serge, Jacques, è stato testimone di tutte le gioie e di tutti i dolori. Di fronte alla devastazione dei miei figli, misi Munkey tra le braccia di Serge nella bara dove riposava, come un faraone. La mia scimmia per proteggerlo nell’aldilà. Rileggendo i miei diari, mi sembra ovvio che non cambiamo. Quello che ero a 12 anni, lo sono ancora oggi. L'ho preso come principio per non aggiustare nulla, e credetemi, avrei preferito avere reazioni più sagge di quelle che ho avuto".

Tutto quello che non svelano i diari e quanto già sappiamo della donna, madre e artista, passata dalla moda alla musica, dal cinema (anche come regista della sua vita) al teatro, si potrebbe trovare nel non detto degli scatti in mostra a Parigi, nel suo vivace splendore che non ha bisogno di parole.

Tony Frank, Jane Birkin, Chelsea, Londres, 1970
© Tony Frank, Courtesy Galerie de l'Instant, Paris
Tony Frank - Jane Birkin, 1970
© Tony Frank, Courtesy Galerie de l'Instant, Paris
Tony Frank - Jane Birkin, 1970
© Tony Frank, Courtesy Galerie de l'Instant, Paris
Andrew Birkin - Jane Birkin, Serge Gainsbourg, Oxford, 1969
© Andrew Birkin / Art Storm Consulting, Courtesy Galerie de l'Instant, Paris
Andrew Birkin - Jane Birkin, Serge Gainsbourg, Oxford, 1969
© Andrew Birkin / Art Storm Consulting, Courtesy Galerie de l'Instant, Paris
Tony Frank - Jane Birkin, Serge Gainsbourg, Foire du Trône, Paris, 1970
© Tony Frank, Courtesy Galerie de l'Instant, Paris
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gossip