Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Perché in amore chi fugge non vince MAI

Run baby run: alla scoperta dei motivi più comuni delle fughe più codarde.

Getty

In amore vince chi fugge (again?) probabilmente è una delle frasi più tipiche riguardo all’amore e in tanti credono che sia effettivamente così. Ce l'avranno raccontata un milione di volte. Ma in amore non sempre chi è restio alla fine avrà la meglio. Fuggire non è sempre la cosa migliore da fare: cerchiamo di scoprire il perché.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Tanto per cominciare chi scappa è perché evidentemente ha paura della vita, e in questo caso dell’amore. Chi lo fa dunque non è migliore o peggiore di chi “resta”, semplicemente non ha il suo coraggio. Per chi fugge questo comportamento è un po’ come quello del cane che si morde la coda, perché la paura di impegnarsi con qualcuno scaturisce dal fatto che si pensa che il problema sia all’esterno, quando invece è una cosa assolutamente interna e da ricercare in noi stessi.

Getty

Chi fugge mente al partner e a se stesso, inoltre adduce scuse ridicole, assenze frequenti e comportamenti ai limiti dell’assurdo (e contrariamente a quanto si pensi lo fanno tanto le donne quanto gli uomini). C’è chi fugge perché avverte il bisogno di farsi desiderare, ma è una necessità incosciente che può invece rendervi prigionieri, facendovi rimanere bloccati sempre allo stesso punto e rendendo impossibile trovare l’amore.

La paura di impegnarsi emotivamente rende vuoti dentro, ed è un vuoto che si può colmare soltanto guardandosi dentro. C’è chi fugge perché sogna un amore impossibile: in quel caso allora dovrebbe sapere che sofferenza, dolore e frustrazione sono là dietro l’angolo. Non ne vale la pena, ma rendersene conto non è certo una cosa facile. L'amore non ha regole, solo l'amore. Non ha senso, in un rapporto, parlare di vincitori e vinti, piuttosto di persone che la pensano allo stesso modo e che decidono di condividere o meno la vita con un’altra persona.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito