"Ho detto au revoir a Simone Veil"

A un anno dalla morte, le spoglie della celebre ebrea sopravvissuta ad Auschwitz sono state trasportate al Pantheon.

image
Getty Images

Tra le numerose posizioni, impegnate e onorate, che Simone Veil rivestì nella sua vita ci fu anche quella di prima presidente della Fondazione per la Memoria della Shoah dal 2001 al 2007 e di presidente onorario fino alla morte. "Sento che il giorno in cui morirò, penserò alla shoah", dichiarò nel 2009 la sopravvissuta all'olocausto. Ecco perché il tributo al Memoriale dell'Olocausto che ha preceduto quello al Pantheon è stato altrettanto potente.

Di solito, i visitatori camminano nella direzione che preferiscono. La visita è libera, si ha bisogno di spazio, di muoversi con agio per potere respirare, sfuggire alla pesantezza della memoria. Questo venerdì e questo sabato, il giorno prima della pantheonizzazione, non camminiamo sparsi, ma facciamo la fila. Siamo in gruppo. Parliamo a bassa voce e parliamo di lei. Ci sta aspettando con Antoine alla fine di questa fila a serpentina che va lungo il cilindro di bronzo inciso nel nome del ghetto di Varsavia e di 12 campi. In questa lunga fila, ci sono volti commossi, occhi commossi, molte donne, coppie di donne. È sorprendente. Madri-figlie, nonne-nipoti, sorelle, amiche. Due amiche sulla sessantina parlano di un'altra amicizia: quella tra Simone Veil e Marceline Loridan-Ivens, le jumelles contradictoires. Non ricordano subito il cognome composto di Marceline. Lo cercano du Google, lo trovano e riprendono la loro conversazione entusiastica su queste donne ispiratrici.

Un'altra figura femminile, Béate Klarsfeld, ricorre nelle conversazioni dei visitatori. È insolitamente caldo questo fine settimana a Parigi. Dal 7 dicembre 2017, il museo-memoriale espone documenti preziosi della coppia che ha è riuscita a ricreato un elenco partendo dalle ceneri. "Di noi due, Béate è la più affidabile e la più forte, è in grado di fare tutto, le cose più piccole e quelle più grandi, con coscienza, intelligenza e sangue freddo". Questa dichiarazione di Serge Klarsfeld è impressa su un muro nell'ultima stanza davanti a quella dove si trovano i feretri di Simone Veil e di suo marito. Grazie a questa mostra effimera, Béate Klarsfeld ci tiene per mano fino all'ultimo addio a Simone Veil. Come per sottolineare la forza delle convinzioni delle grandi donne. È stimolante, rivitalizzante, molto doloroso.

Si può entrare cinque alla volta. È pazzesco questo mondo. Di fronte alla stella di David in marmo nero, tomba simbolica di sei milioni di ebrei morti senza sepoltura, quelle di Antoine e Simone Veil. L'attualità si scontra con la storia. Alcune donne piangono, gli uomini fissano gli schermi dei loro smartphone che riportano la preghiera ebraica del Kaddish. Cercano di recitarla per rispettare il desiderio di Simone Veil, che nel 2005 dichiarò: "Entrambi (suo padre e sua madre, ndr) morirono durante la deportazione, lasciandomi in eredità solo questi valori che per loro incarnavano l'ebraismo. Non è possibile per me dissociare il ricordo onnipresente dei sei milioni di ebrei sterminati per il solo motivo di essere ebrei, sei dei quali erano i miei genitori, mio fratello e altri miei cari. Non posso separarmi da loro. Questo mi basta fino alla mia morte, il mio essere ebrea sia imprescrivibile. E alla mia tomba si reciterà il Kaddish".

Quattro uomini, due su ciascun lato delle bare, diritti e immobili come guardiani della Torre di Londra, conferiscono solennità all'omaggio meno pubblicizzato di quello che ci sarà il giorno seguente. Nella cripta rimbombano le voci di due donne che pronunciano ad alta voce i nomi dei dispersi. Se vogliamo pregare in silenzio, non possiamo. Nessun lavoro di memoria, è la memoria che lavora dentro di noi. Ci porta a ricordare che Simone Veil era "una vita" su sei milioni di vite. I nomi dei morti senza stele entrano in quella di Simone Veil prima di partire per il Pantheon. "Quelli che non sono più tornati, ma anche quelli che sono tornati malati, quelli che sono tornati e non hanno parlato, quelli che sono tornati e hanno testimoniato, quelli che sono tornati e i loro figli, sono entrati nel Pantheon con lei", pensa Jocelyne Savard, biografa dell'Accademica e autrice di Simone Veil, la force de la conviction (l'Archipel).

Dobbiamo uscire. C'è ancora una folla in fila che aspetta fuori. Diamo un'ultima occhiata al ritratto incorniciato della coppia. Pensiamo ai loro 67 anni di storia d'amore, ai loro figli, ai bambini presenti numerosi per rendere omaggio a loro che rappresentano la trasmissione desiderata dall'"Immortale". "Quando Simone Veil parlava ai bambini, agli adolescenti, quando testimoniava nelle scuole, si dava completamente a loro. Con dolcezza, senza spaventarli", ricorda la biografa.

C'è solo un'uscita, eccezionalmente, in questi due giorni un po' speciali per la Commemorazione, quella che porta al Muro di Nomi dove si leggono i nomi dei deportati e le loro date di nascita. Questa lista fa girare la testa. Ma devi trovare Simone, prenderti il tempo per trovarla e salutarla un'ultima volta, prima di lasciare il posto e prima che anche lei lo lasci prima di raggiungere il Pantheon. Eccolo. Tra Yvonne e Madeleine. Tra sua madre e la sua sorella maggiore. "Simone Jacob, 1927".

Pubblicità - Continua a leggere di seguito