La nuova maschera di Jim Carrey oggi è una conquista (della felicità perduta)

Dopo due anni incredibilmente tosti, l'attore canadese ritorna sui piccoli schermi con una comedy. E ritorna a sorridere.

Alternative Views - 74th Venice Film Festival
Vittorio Zunino CelottoGetty Images

Certi eroi della comicità sono i primi a farti preoccupare. All’improvviso si rompe quell’involucro di divertimento che ti fa tenere la pancia dalle risate e le loro umanità e fragilità diventano tangibili. Jim Carrey oggi è l’emblema di tutto questo. Dopo lo splendido documentario Jim&Andy che ha spaccato il cuore come un’anguria a buona parte degli appassionati della sua vis comica, l’attore canadese ha attraversato la palude delle difficoltà per tornare finalmente a fare quello che gli riesce meglio: recitare. E incantare spettatori, fan, curiosi con le sue indiscutibili capacità, quelle che Jim Carrey film ci hanno ampiamente mostrato. Lo ha voluto Michel Gondry, il regista francese con cui ha fissato nell’immaginario collettivo il capolavoro Se mi lasci ti cancello. La nuova serie tv che si prospetta cult dove recita Jim Carrey Kidding, è profetica: “Scherzavo”. Forse. Però intanto l’attore canadese ripulito, attivo, sbarbato alla presentazione della comedy che andrà in onda da settembre su Showtime, è rinfrancante per lo spirito più di una risata.

La nuova vita di Jim Carrey passa da qui e dal personaggio della serie tv in cui recita superbamente da protagonista sembra essergli cucito addosso (di nuovo, come quello di Andy Kaufman in Man On The Moon, come molti dei personaggi più belli dei film di Jim Carrey). Talmente parallelo e somigliante da rialzare il livello di preoccupazione per l'immedesimazione. In Kidding Jim Carrey è Jeff/Mr.Pickles, icona della tv per bambini e simbolo di saggezza per l’America tutta, dai genitori ai figli. Ma quando la famiglia di Mr. Pickles inizia a sfasciarsi, il protagonista non trova nessun appiglio e nessuna salvezza, precipitando inevitabilmente verso un abisso di disperazione. La storia più che classica dell’uomo buono che perde completamente la testa per un problema personale profondissimo. La storia che il Jim Carrey 2018 ha deciso di interpretare mettendosi a completo servizio del suo personaggio, come solo lui sa fare. E varrà la pena aspettare qualche settimana in più per rivederlo al massimo splendore da set.


Guardare Jim Carrey oggi con un opinabile taglio di capelli (esigenze di copione?) e il suo solito sorriso squadrato che fa sparire gli occhi, sembra quasi un miracolo. Jim Carrey dimagrito e sofferente, Jim Carrey anni 56 tutti vissuti in ogni piega, sembra essere tornato nel migliore del suo splendore attoriale. Dopo una lunga pausa dalle scene, dopo il gossip, dopo le preoccupazioni, il New Yorker è andato a intervistarlo per scoprire la nuova (ma non troppo) passione di Jim Carrey per le vignette satiriche contro Donald Trump, parallelo creativo che l'ex The Mask porta avanti dall’elezione del nuovo Presidente USA. Che Jim Carrey dipinga non è un mistero, lo ha sempre fatto come hobby, ma le vignette contro il potere sono una forma espressiva tutta nuova anche per lui. Da bravo comunicatore, Jim Carrey Twitter lo ha usato come veicolo di un piccolo caso editoriale. “Mi fa sentire meglio se posso fare l’alchimista con tutto questo, renderlo qualcosa di creativo e far star bene le persone su Twitter”, ha ammesso Jim Carrey nell’intervista. L’eterno prezzo da pagare che il comico conosce bene. Sai le risate.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito