Il lungo discorso di Angelina Jolie sulla violenza femminile in esclusiva su MarieClaire.com

"Chi ha commesso questi crimini ha bisogno che altri uomini gli ricordino cosa significhi essere un uomo".

Angelina Jolie Attends UNHCR Press Conference
Getty ImagesJordan Pix

Angelina Jolie continua la sua lotta contro la violenza sulle donne. Lanciato nel 2012 da Jolie e dal ministro degli esteri britannico William Hague, il programma Preventing Sexual Violence in Conflict è un'iniziativa globale incentrata non solo sull'arresto dei colpevoli, ma anche sulla lotta alla discriminazione sociale che sono costretti a vivere i sopravvissuti a stupri e altre forme di violenza.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

"La violenza sessuale nelle zone interessate da conflitti è ancora un argomento tabù", dice Jolie a Marie Claire USA in un'intervista esclusiva. "I sopravvissuti di sesso femminile e di sesso maschile e i bambini nati da queste violenze sono spesso trattati come se avessero fatto qualcosa di sbagliato, sono rifiutati e discriminati, mentre gli aggressori rimangono impuniti. Tutto questo deve cambiare".

Fin dal lancio del programma PSVI - Preventing Sexual Violence in Conflict, il Regno Unito ha fornito a migliaia di sopravvissuti assistenza medica, sociale e legale nelle comunità locali e addestrato oltre 17mila militari e agenti di polizia su come prevenire e affrontare le violenze sessuali e ha creato linee guida per contribuire a potenziare la raccolta di prove e documenti per assicurare che sia fatta giustizia. Oltre a cercare di rendere più facile per i sopravvissuti alla violenza denunciare gli stupri nei casi in cui non possano rivolgersi alle loro autorità locali, Jolie sta anche cercando di ottenere finanziamenti da parte dei governi per la protezione, il supporto psicosociale e altri programmi di aiuto per i sopravvissuti così da poterli aiutare a ricostruirsi una vita. Ha anche chiesto di istituire un corpo investigativo internazionale in grado di raccogliere prove e consentire un'azione rapida ed efficace.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Questo è solo l'inizio. "Collaborano con noi le vittime, le ONG locali, i governi di tutto il mondo e i militari", dice Jolie. "Questo dramma va risolto in modo esaustivo, dobbiamo andare al cuore del problema, là dove ci sono gli abusi e attuare un cambiamento e nuove pratiche e dobbiamo trovare i responsabili. Per esempio, 37 Paesi continuano a non condannare gli autori di stupro se sono sposati o sposeranno le loro vittime. Oltre 60 Paesi non includono i sopravvissuti di sesso maschile nell'ambito della legislazione sulla violenza sessuale. Dobbiamo, quindi, cambiare le leggi e trovare il modo perché ci siano dei procedimenti giudiziari, in modo che non ci siano più violenze impunite".

"Per sostenere il programma PSVI si è tenuto a novembre a Londra il festival cinematografico Fighting Stigma Through Film che ha lo scopo di affrontare l'aspetto sociale e le discriminazioni che i sopravvissuti alla violenza nella zona di guerra sono costretti ad affrontare. Penso che i film abbiano il potere di farci vivere l'esperienza di un'altra persona in un modo unico", continua. "E sono anche un modo molto efficace per aprire un dibattito e dire che sì, queste cose accadono o sono accadute nel nostro Paese e dobbiamo affrontarle. Troppo spesso dopo una guerra, la violenza sessuale è un argomento che nessuno vuole affrontare, che viene messo sotto il tappeto, di cui nessuno parla. Se non c'è giustizia non c'é guarigione. E non se ne deve parlare solo tra donne", sottolinea Jolie.

"Per fare in modo che ci sia un cambiamento, questo argomento deve essere affrontato sia dagli uomini sia dalle donne. Io non parlo solo con le mie figlie, ma anche con i miei figli. Questo non è solo un problema delle donne. La soluzione è collaborare donne e uomini, ragazze e ragazzi. E non solo le vittime delle violenze, perché chi ha commesso questi crimini ha bisogno che altri uomini gli ricordino cosa significhi essere un uomo: un uomo con un rapporto sano con le donne e tutte le società devono essere chiare sul fatto che la violenza sulle donne non può e non deve essere tollerata".

      Pubblicità - Continua a leggere di seguito