È morto Amos Oz, lo scrittore della pace adorato da Natalie Portman (e da "qualche" milione di lettori)

L'intellettuale più rispettato e amato di Israele se n'è andato dopo una lunga malattia: un evento che influenzerà il mondo?

image
Getty Images

Amos Oz è morto e la cosa più banale che viene da dire su di lui è che qualcuno lo ricorderà come lo scrittore preferito di Natalie Portman che nel 2015, per il suo debutto da regista con Sognare è vivere ha scelto proprio di lanciarsi nella riduzione della famosa biografia di Oz Una storia di amore e di tenebra. Ma chi era Amos Oz, per il resto del mondo? Scrittore per intenditori, per chi si interessa in profondità delle cose del mondo e dei conflitti che sembrano non avere una soluzione, come quello doloroso fra Israele e Palestina. Amos Oz anni 79, nato a Gerusalemme nel 1939 e per più della metà della sua vita è stato un sostenitore della “soluzione dei due Stati”, l’accordo apparentemente utopico che premetterebbe il riconoscimento dello stato della Palestina.

Amos Oz con Natalie Portman
Getty Images

La famiglia di Amos Oz era originaria dell’Europa dell’Est e non c’è stato un solo membro su cui non valesse la pena scrivere una biografia, compresa la mamma, suicida quando Amos aveva solo 12 anni. Oz ha studiato a Londra ma non ha mai scisso il legame da Israele, dove si svilupperà la sua carriera di giornalista, scrittore, saggista, sempre mantenendo quel senso critico e l’ironia tipica della cultura ebraica, anche se né lui, né la famiglia ha mai praticato pienamente la religione. Ha fondato insieme ad altri intellettuali il movimento progressista pacifista Peace Now e delle sue quote, che ne hanno fatto l’ideologo più amato del suo paese, rimane famosa la frase “anche l’invasione più inevitabile è un’invasione ingiusta”. Malato da tempo, ha pubblicato quest’anno il romanzo Finché morte non sopraggiunga (Feltrinelli), e nel 2017 Tocca l’acqua, tocca il vento e il saggio Cari fanatici. Una mente pensante, una voce in grado di diluire le ostilità universali che se ne va, purtroppo, e abbassa subito nel pianeta la quota di sensibilità di cui tutti, in questo periodo storico, abbiamo molto bisogno.

Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito