Perché con gli incendi in Australia è andato in fumo anche il nostro sistema immunitario

Gli effetti dei climate change non sono più una minaccia: li stiamo vivendo e compromettono anche la nostra resistenza a tutte le malattie.

Wytaliba and Torrington Communities Start To Rebuild Following Devastating Bushfires
Brook MitchellGetty Images

Questa storia è originariamente apparsa su thebulletin.org ed è stata ripubblicata qui come adesione al Covering Climate Now, una collaborazione di giornalismo globale per rafforzare la copertura sulle questioni climatiche.

Mentre ci addentriamo in un nuovo decennio, i titoli dei giornali di tutto il mondo rendono fin troppo chiaro che gli effetti dei cambiamenti climatici non sono più qualcosa che incombe. Sono già qui e ora e stanno devastando intere comunità in tutti i continenti. In Australia, incendi senza precedenti hanno emesso nell'atmosfera circa 400 milioni di tonnellate di carbonio, ucciso almeno 25 persone e distrutto 2.000 case. In Indonesia una terribile alluvione ha ucciso almeno 67 persone e ne ha costrette 400.000 persone ad abbandonare le loro case. Lo scioglimento di ghiacci marini nell'Artico sta restringendo l'accesso a risorse alimentari sulle quali numerose comunità indigene hanno fatto affidamento per generazioni.

Ma gli effetti sulla salute dei cambiamenti climatici vanno oltre le conseguenze più immediate e ovvie di incendi, inondazioni e scioglimento dei ghiacci. Nel novembre 2019, la rivista medica Lancet ha pubblicato un rapporto dettagliato che esamina gli effetti che i cambiamenti climatici avranno sulla salute umana in due diversi scenari: uno è nel mondo che riporta le emissioni ai parametri stabiliti nell'accordo di Parigi. L'altro in un mondo in cui questo non accadrà. In entrambi i casi, i bambini saranno più vulnerabili agli attacchi alla salute che risalgono alle decisioni prese dai loro genitori e nonni. È molto probabile che i bambini soffriranno degli effetti dei cambiamenti climatici per molti motivi: i loro sistemi immunitari e organici si stanno ancora sviluppando, bevono relativamente più acqua, respirano più aria rispetto agli adulti rispetto al loro peso corporeo e tendono a trascorrere più tempo all'aperto. Comprendere l'intera portata delle conseguenze sulla salute pubblica di un clima che cambia implica un'esame di quali sono i rischi a cui vanno incontro gli organismi dei giovani.

Secondo il rapporto di Lancet l'inquinamento atmosferico, in particolare l'esposizione alle polveri sottili note come PM 2.5, rappresenta il più grande fattore di rischio ambientale per i decessi prematuri in tutto il mondo. Quando le persone pensano agli effetti sulla salute pubblica dell'inquinamento atmosferico, spesso immaginano gli scenari peggiori. Ad esempio, il fumo degli incendi in Australia è attualmente così grave che una giornata trascorsa a inalare l'aria nella zona est di Sydney rappresenta l'equivalente del fumo di 19 sigarette.

Ma l'inquinamento atmosferico non deve raggiungere livelli così estremi per causare gravi danni. Molto più comunemente, le persone non sono consapevoli dell'inquinamento quotidiano che stanno respirando a causa della combustione di combustibili fossili, come carbone e gas. In effetti, oltre il 90% dei bambini è esposto a concentrazioni di PM 2,5 superiori alle linee guida dell'Organizzazione mondiale della sanità sull'inquinamento atmosferico all'aperto. Nel corso di una vita, l'aria malsana danneggia i polmoni e aumenta i rischi per una serie di malattie, dall'asma alla polmonite. E a causa delle loro inferiori dimensioni corporee e dei fattori sopra citati, i bambini assorbono maggiormente questo inquinamento rispetto agli adulti.

Allo stesso modo, il rapporto Lancet rileva che i bambini sono particolarmente vulnerabili agli effetti del calore. In particolare, i bambini piccoli sono maggiormente a rischio di sviluppare squilibrio elettrolitico, febbre, malattie respiratorie e malattie renali durante i periodi di caldo estremo. Le percentuali di decessi correlati al calore sono quattro volte più elevate tra i bambini di età inferiore a un anno rispetto alle persone di età compresa tra 1 e 44 anni. Il cambiamento dei modelli di temperatura e di precipitazione influenza anche la trasmissione della malattia dagli insetti all'uomo. In particolare, la malaria e la febbre dengue sono diffuse dalle zanzare e l'idoneità climatica alla trasmissione di queste malattie è in aumento in numerose parti del mondo. Poiché i bambini tendono a trascorrere più tempo all'aperto, hanno maggiori probabilità di contrarre queste malattie. Nel 2017, i bambini hanno rappresentato il 61% dei decessi per malaria in tutto il mondo e il cambiamento climatico sta mettendo a rischio ancora più bambini.

Anche i cambiamenti climatici, la siccità e gli incendi minacciano di ridurre i raccolti e aumentare l'insicurezza alimentare. Inoltre, l'aumento del biossido di carbonio sembra diminuire la qualità nutririva di alimenti base cruciali, come grano e riso. Insieme, queste tendenze potrebbero esacerbare il già grave problema di malnutrizione globale, che attualmente rappresenta quasi un quinto dei decessi prematuri e cattive condizioni di salute a livello globale. Le conseguenze della malnutrizione sono particolarmente gravi tra i bambini. Nel 2018, il 22% dei bambini di età inferiore ai cinque anni era sottosviluppato, il che significa che hanno avuto una crescita e uno sviluppo compromessi. L'arresto della crescita è in gran parte irreversibile e implica gravi conseguenze, dalla scarsa capacità cognitiva all'aumento del rischio di malattie croniche legate all'alimentazione, più avanti negli anni.

Infine, il rapporto The Lancet osserva che il cambiamento climatico ha altre implicazioni per la salute che sono più difficili da quantificare ma cruciali da affrontare, come gli effetti sulla salute mentale. I ricercatori hanno scoperto che i bambini sono ad alto rischio di problemi di salute mentale a causa dei tipi di catastrofi naturali che potrebbero aumentare a causa dei cambiamenti climatici. Ad esempio, uno studio ha scoperto che il 31 percento di un gruppo di bambini evacuati durante l'uragano Katrina ha riportato sintomi clinicamente significativi associati alla depressione e al disturbo post traumatico da stress. Secondo il Centers for Disease Control, i bambini sono particolarmente a rischio di stress dopo un disastro perché spesso comprendono meno ciò che sta accadendo, si sentono meno in grado di controllare gli eventi e hanno meno esperienza nell'affrontare situazioni difficili.

La protezione dei bambini dall'inquinamento atmosferico, dai rischi di decessi dovuti al calore, dalle malattie infettive, dalla malnutrizione e dagli effetti sulla salute mentale associati ai cambiamenti climatici comporterà la mobilitazione di tutti i settori della società per ridurre drasticamente le emissioni e investire in sistemi e infrastrutture sanitari. Il rapporto Lancet rileva alcuni segnali promettenti, come un maggiore impegno pubblico e politico e un aumento della spesa per l'adattamento alla tutela della salute e per migliorare la resilienza delle comunità a un clima che cambia. Sfortunatamente, tuttavia, gli sforzi attuali sono molto al di sotto di quanto necessario per ridurre significativamente le emissioni di carbonio sulla scala necessaria per affrontare la minaccia alla salute umana. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite del 2019, le emissioni di gas serra devono iniziare a diminuire del 7,6 per cento quest'anno per raggiungere gli obiettivi più ambiziosi stabiliti nell'accordo di Parigi del 2015 sul clima. Ma il mondo non è vicino a questo obiettivo e molti paesi stanno andando nella direzione opposta. In particolare, nel 2018, le emissioni di biossido di carbonio legate all'energia sono aumentate del 2,7% negli Stati Uniti. Le Nazioni Unite hanno avvertito che ogni anno di ritardo "comporta la necessità di tagli più rapidi, che diventano sempre più costosi, improbabili e poco pratici".

Aspettare che intervenire diventi più difficile, o forse addirittura impossibile, ha conseguenze morali spaventose. Più a lungo non riusciamo ad agire per affrontare i rischi del cambiamento climatico, più vite umane mettiamo in gioco. E la maggior parte di quelle vite apparterrà alle persone più vulnerabili tra noi. Non sorprende quindi che i giovanissimi di tutto il mondo abbiano preso l'iniziativa sostenendo azioni urgenti e necessarie. La posta in gioco per loro - e per tutte le persone - aumenta ogni anno che passa. La nostra salute è fondamentalmente legata alla salute del nostro pianeta. Dobbiamo quindi considerare tutte le azioni che è possibile intraprendere per proteggere il nostro pianeta, e quindi le nostre comunità, i nostri figli e noi stessi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito