Sono le droghe psichedeliche il vero rimedio ai disastri ambientali?

L'incredibile teoria di come le visioni allucinogene potrebbero dare un contributo decisivo al nostro rapporto col pianeta, inducendoci a renderlo un posto pulito.

view of assorted pills on yellow backgroundstudio shot
FRANCESCO CARTAGetty Images

Questa storia è originariamente apparsa su Thenation.com ed è stata ripubblicata qui come adesione al Covering Climate Now, una collaborazione di giornalismo globale per rafforzare la copertura sulle questioni climatiche.

La grande paura che molte persone provano in questi giorni per il Coronavirus non è una novità per chi sta già vivendo il dramma del cambiamento climatico. Terribili quanto il virus, le ondate di calore, la siccità, gli incendi e le inondazioni su un pianeta surriscaldato hanno già ucciso molte più persone del virus. Se la tendenza attuale dovesse proseguire, il bilancio delle vittime aumenterà esponenzialmente fino alla fine del secolo. Di fronte a così tante perdite è comprensibile essere angosciati.

Nel suo best seller Come cambiare la tua mente, il giornalista Michael Pollan riporta che l'80% dei pazienti con malattie terminali che partecipano a studi clinici presso le università Johns Hopkins e New York, provava meno ansia e depressione dopo aver assunto droghe psichedeliche. Mark Hertsgaard, corrispondente ambientale di The Nation e autore di HOT: Living Through the Next Fifty Years on Earth, ha intervistato Pollan sul fatto che quegli stessi farmaci potrebbero anche aiutare le persone che lottano non per la propria vita, ma con l'idea della morte dei propri cari, la preoccupazione per le generazioni future e per la fine della civiltà come la conosciamo (l'intervista è stata adatta per ridurre la lunghezza e aumentare la chiarezza).

Mark Hertsgaard: Cerchiamo di capire: in quegli studi clinici, i malati terminali hanno assunto farmaci psichedelici sotto stretto controllo medico, giusto? E i risultati sembrano notevoli.

Michael Pollan: Sì. Molti di loro hanno compiuto "viaggi" straordinari che hanno reimpostato la loro idea di morte in molti modi, eliminando completamente la paura. Nella maggior parte dei casi le loro depressioni sono migliorate.

Queste esperienze, unite ad altre tue ricerche, suggeriscono che i farmaci psichedelici possono essere un antidoto al cosiddetto "lutto climatico"?

La prima persona con cui ne ho parlato è l'ambientalista Rachael Petersen. Lavorava presso il World Resources Institute in cui si sviluppava del software che consente di monitorare gli incendi in tutto il mondo in tempo reale, per verificare se gli accordi per proteggere le terre, in particolare in Amazzonia, venissero rispettati o meno. Dice che è stato un lavoro incredibilmente deprimente. Vedeva la terra bruciare in tempo reale e di conseguenza è sprofondata in una grave depressione. Ha ricevuto una terapia psichedelica e sebbene non sia stata una panacea, sentiva che l'aiutava, che le permetteva di resettare tutto e riprendere a svolgere questo difficile compito.

Come avveniva questo "reset"?

Non posso parlare per lei, ma una delle cose che i farmaci psichedelici possono fare è aiutare le persone a ritrovare qualche speranza, in determinate circostanze. Dopo aver vissuto queste esperienze tendono a sentirsi meno isolati e più connessi alle altre persone, alla comunità e alla natura. Per Rachael Petersen ha significato capire che c'era una squadra di persone come lei che lavoravano su questo tema da molto tempo. Quando hanno visto tornare tutto indietro sotto l'amministrazione Trump si sono incredibilmente scoraggiati fino alla disperazione. Definirlo un antidoto è forse un po troppo, ma provare un'esperienza come questa può aiutare a gestire la loro depressione.

Se la parola "antidoto" è troppo, "trattamento" può essere una parola più adeguata?

Sì, penso che sia un potenziale trattamento. Risolve la crisi ambientale? No. Ma mantenere queste persone mentalmente in salute è molto importante per tutti noi. Ciò potrebbe modificare la loro maniera di pensare in modi che consentirebbero loro di continuare a svolgere un compito difficile a cui, altrimenti, potrebbero rinunciare per disperazione. Penso che la sfida dovrebbe essere quella di organizzare uno studio, prendere un campione di persone che lottano contro il dramma dei cambiamenti climatici e vedere se questo può davvero aiutarli a sostenere il loro impegno.

Ma preoccuparsi per il clima è molto diverso da ciò che prova un individuo che affronta una diagnosi terminale. Sentirsi in lutto per il clima non riguarda necessariamente la tua stessa morte, ma piuttosto la morte del mondo che ti circonda: una specie di morte collettiva e civile.

Sì, ma in questo caso le parallele finiscono per divergere perché parte di ciò che la terapia psichedelica sembra fare di solito agli individui è riconciliarli con la morte. Ma quel tipo di accettazione è l'ultima cosa che vuoi in un attivista del clima!

C'è altro in cui le droghe psichedeliche potrebbero essere d'aiuto nel trattamento di questa sensazione?

Sì, e non tanto per gli attivisti sul campo quanto per tutti noi. I ricercatori dell'Imperial College di Londra hanno scoperto che una singola esperienza psichedelica, in particolare con la psilocibina, cambia i parametri di quella che viene chiamata "connessione con la natura", ossia la misura in cui ti senti parte della natura. Nelle persone che hanno avuto un solo viaggio con la psilocibina, decine di "connessioni naturali" sono aumentate in modo coerente e abbastanza drastico. Questo risulta anche me e a molte delle persone che ho intervistato. Dopo un'esperienza psichedelica hai meno probabilità di oggettivare la natura. Un'esperienza psichedelica ad alte dosi spesso ridimensiona l'ego. L'ego in genere ti fa percepire il mondo come se ci fosse un singolo soggetto - tu - mentre tutto il resto è oggetto. Penso che questo tipo di egotismo sia al centro della nostra crisi ambientale: la nostra tendenza a oggettivare la natura e a vederci estranei da essa. Una volta oggettivata, ogni cosa diventa uno strumento per i tuoi scopi, che puoi sfruttare. Se l'esperienza psichedelica può abbattere davvero queste mura dell'ego e aprire questo potente senso di connessione, vuol dire che teoricamente ha il potenziale per smuovere le coscienze riguardo alle questione ambientale. E Dio solo sa quanto ne abbiamo bisogno.

Tu sei un genitore, io sono un genitore; mia figlia ha appena compiuto 15 anni. Gran parte della mia angoscia riguarda il futuro che erediterà. Non solo lei ma tutti quelli della sua generazione. Gli psichedelici possono essere d'aiuto ai genitori che affrontano questo dramma?

Potrebbe funzionare, dipende da quanto sia profondo il solco scavato nella tua mente in anni di lavoro. C'è una bella metafora che mi ha passato uno dei neuroscienziati che lavorano alla ricerca psichedelica di Londra. Pensa alla tua mente come a una collina coperta di neve e ai tuoi pensieri come slitte che scendono da quella collina. Più corse ci sono sulle slitte nel tempo, più profonde diventano le scanalature. Dopo un po' non c'è altro modo per scendere dalla collina se non in quei solchi. Pensa agli psichedelici come a una fresca nevicata che riempie tutti i solchi, permettendoti di percorrere un nuovo sentiero giù per la collina.

Mi occupo di cambiamenti climatici come giornalista da 30 anni e quando le persone mi fanno domande rispondo sempre che l'unica soluzione per l'angoscia climatica, per me, è agire, ho bisogno di sentire che sto avendo un effetto anch'io. Agire è chiaramente una soluzione climatica. Le droghe psichedeliche, in un modo diverso, possono anche essere una delle soluzioni al problema del clima?

No, non andrei così lontano. Penso che potrebbero essere uno strumento per il clima, per aiutarci a combattere la battaglia, mantenere alto il morale. Penso che l'azione che intraprendiamo intorno alle nostre scelte alimentari - rinunciare alla carne, ad esempio - dia garanzie migliori di effetti positivi, rispetto all'assunzione di sostanze psichedeliche... Ma ciò che è eccitante e nuovo è che stiamo arrivando a riconoscere il valore terapeutico dei farmaci psichedelici. Ci troviamo di fronte a crisi esistenziali nell'ordine in cui qualcuno deve affrontare la sua diagnosi terminale. E il fatto che gli psichedelici possano aiutare quelle persone è una ragione sufficiente per esplorare la loro rilevanza, e applicarla con chi affronta il senso collettivo di terrore esistenziale.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito