La data di uscita di The Crown 4 su Netflix è fissata per il 15 novembre, il trailer ha già fatto salire l'hype alle stelle, la storia (reale) ce la stiamo ripassando per cogliere le discrepanze con la finzione (spoiler: ce ne sono, ci sarà da divertirsi). Di sicuro non sono solo le immagini del ritorno di Olivia Colman nei panni di Elisabetta II ad aver caricato di aspettative i fan della serie, ma soprattutto il periodo storico raccontato nella quarta stagione. 1977-1990, tredici anni densi di avvenimenti, interregno che ha contrapposto la sovrana indissolubile all'unica premier donna della storia d'Inghilterra. Elisabetta II e Margaret Thatcher, cui dona corpo e voce Gillian Anderson (in una performance che già nei pochi frame del trailer si candida a vincere tutti i premi di categoria): stessa età, nate a pochi giorni di distanza come svela con insopportabile superiorità la stessa Iron Lady nel primo incontro con la regina, accomunate da un destino troppo difficile da gestire. Le anticipazioni di The Crown 4 lo rivelano: la quarta stagione è un triumvirato al femminile, tre diverse rappresentazioni del potere e del fascino di possederlo/subirlo. Che lo si desiderasse, come nel caso di Thatcher, che piombasse in mano per ereditarietà, come avvenne per Elisabetta. O che fosse coercitivo e imposto dall'alto, come nel caso di Lady Diana, la gigantesca new entry di questa stagione.

The Crown 4, il cast. Riconfermati anche in questa stagione Olivia Colman (Elisabetta II), Helena Bonham-Carter (Principessa Margaret), Tobias Menzes (principe Filippo), Josh O'Connor (principe Carlo), Emerald Fennel (Camilla Parker-Bowles). Le novità sono le due protagoniste principali, Gillian Anderson nei tailleur di Margaret Thatcher e Emma Corrin che interpreta Diana Spencer: i loro ruoli saranno conclusivi, le vedremo in quarta stagione e non oltre, rompendo così lo schema di due anni per personaggio. Arrivano anche Angus Imrie (principe Edoardo, l'ultimo figlio di Elisabetta II) e Tom Byrne (il principe Andrea).

The Crown 4 anticipazioni, cosa sappiamo. Dettagliatamente, qualcosa è emerso già dalle prime recensioni: la vera protagonista è principalmente l'Inghilterra nel lungo periodo di politica restrittiva, privatizzante e aggressiva di Margaret Thatcher che smantellò il sistema sanitario pubblico, fece battaglie con i minatori, mandò soldati giovani a morire nella guerra delle Falkland del 1982. C'è la vita privata di Elisabetta II, i suoi rapporti con i figli, l'ingresso di una nuora mercuriale come Diana che scuoterà gli equilibri di palazzo fin da prima del royal wedding. Un episodio è dedicato al caso Michael Fagan, l'uomo che superò indenne la sicurezza di Buckingham Palace e si introdusse nella stanza della Regina Elisabetta mentre dormiva per parlarle dei problemi della working-class (nella realtà non ci riuscì, la Regina fuggì e l'uomo fu catturato dalla polizia, ma SPOILER per esigenze narrative nella fiction andrà in modo leggermente diverso). Il principe Carlo avrà molto più spazio rispetto alle storie precedenti, la sua storyline personale di marito recalcitrante sarà in primo piano. E (SPOILER) pronuncerà davvero la celebre frase "whatever love means" che il vero Carlo avrebbe detto commentando il suo amore con Diana.

The Crown 4 anticipazioni, i set delle riprese. La maggior parte delle riprese non si sono tenute nelle residenze ufficiali della royal family per questioni di privacy. Poco male: VisitEngland ha scovato tutte le location di The Crown 4, tra cui la Winchester Cathedral (dove viene ricreata la cattedrale di St. Paul, luogo del royal wedding tra Carlo e Diana), Wilton House per gli interni di Buckingham Palace, un'abbondanza di castelli e palazzi privati per ambientare gli interni. New entry la città di Manchester, per simulare la New York del 1989 dove Lady Diana fuggì in solitaria.

The Crown 4 anticipazioni, gli abiti. La serie ha abituato ad una cura maniacale per i dettagli per immergersi nel momento storico. In questa stagione Peter Morgan, l'autore e regista, ha addirittura voluto la stessa lacca di Margaret Thatcher per ricreare l'hairstyle peculiare della premier britannica. Stesso discorso di massima attenzione per i look di Diana, autentica icona di stile: per la costumista Amy Roberts ricreare l'abito da sposa di Lady Diana ha significato mettersi sulle tracce degli eredi dello stilista, che hanno messo a disposizione del vestito della fiction i metri di pizzo e tessuto originali. Complessivamente, la Diana di Emma Corrin veste circa 80 look lungo tutta la serie, ricreati fedelmente; Olivia Colman la supera con ben 120. Tutti gli abiti sono visibili nella mostra virtuale del Brooklyn Museum The Queen and The Crown dedicata a The Crown e alla serie tv Queen's Gambit, sempre su Netflix.

E dopo The Crown 4, ci sarà The Crown 5? Gli affamati di royal history sono accontentati: ci saranno ben altre due stagioni, la 5 e la 6, concentrate praticamente sulla storia recente. Per ora si sa soltanto che la stagione 5 ricoprirà l'arco di tempo fino alla morte di Lady Diana e la successiva si concentrerà sulla storia degli ultimi vent'anni, spostando necessariamente il focus sui nipoti di Elisabetta II (incluse ovviamente Kate Middleton e Meghan Markle). Per ora il cast annunciato comprende Elizabeth Debicki Lady Diana, Imelda Staunton nel ruolo di Elisabetta II e Lesley Manville quello della principessa Margaret. Ma bisognerà aspettare almeno tre anni per vedere la penultima, e qualcosa in più per l'ultimissima: chissà quante cose succederanno ancora...