Economia & tecnologia, le donne che sanno creare con intuito e empatia

Marianna Palella ha ideato Citrus con cui vende bergamotti in tutta Italia; Eve Andersson Director di Google Accessibility, progetta strumenti per sordi e ciechi.

marianna palella di citrus
courtesy citrus

Della passione per la sua terra, la Sicilia, ne ha fatto un lavoro. Parliamo di Marianna Palella, 28 anni, e degli agrumi di Citrus, l’azienda creata nel 2015 con la madre per vendere eccellenze come il limone verdello e il bergamotto. Marianna crede alla bontà dei suoi prodotti tanto da investire i profitti anche nella ricerca scientifica. Risultato: in 5 anni assume 24 persone e finanzia 34 borse di studio per medici della Fondazione Umberto Veronesi (citrusitalia.it).

Una tecnologia più inclusiva

Eve Andersson, Director di Google Accessibility
Courtesy Google

L’Oms ha stimato che i disabili siano il 15% della popolazione mondiale: oltre un miliardo di persone con gravi deficit visivi, uditivi, cognitivi e motori. Progettare per loro degli strumenti è da tempo la missione di Eve Andersson, Director di Google Accessibility. C’è Lookout, l’app che offre la descrizione vocale di tutto ciò che si vede, o la Trascrizione istantanea, un’app che riproduce il testo di una voce su uno smartphone. Fino all’Action Blocks, un tasto unico che collega a un assistente Google. Spiega Eve: «Vogliamo aiutare le persone attraverso la tecnologia, per un mondo più accessibile a tutti».

Le gigantesse dei diritti

La scultrice newyorkese Meredith Bergmann mentre realizza la sua monumentale opera il Women’s Rights Pioneers Monument.
Courtesy Monumental Women

Sono grandi, alte quasi 5 metri. «Opere per la giustizia sociale e il risarcimento storico», le definisce l’autrice, la scultrice newyorkese Meredith Bergmann: per realizzarle, come si vede, deve issarsi sulle scale. Rappresentano le protagoniste del Women’s Rights Pioneers Monument, tre suffragette in bronzo. L’artista, forte di 25 anni di carriera, le ha modellate per celebrare il centenario del voto femminile americano. Il monumento è stato di recente collocato a Central Park, dov’è il primo dedicato a donne veramente esistite. La speranza, dice Meredith, è che sia un invito ai giovani: cambiate il mondo (monumentalwomen.org).

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito