No poo o quando i capelli si possono lavare solo con balsami o creme lavanti

Accanto al bicarbonato e all'aceto di mele si fa strada anche questa tecnica no poo.

no poo
Courtesy Photo

Tecnica made in USA amata dagli hairstylist di modelle e attrici, prima tra tutte Amanda Seyfried, il low poo o no poo (poco o zero shampoo) o cowash (conditioner wash) è un metodo per detergere i capelli che prevede l'uso del balsamo al posto dello shampoo. È indicato per tutti i tipi di capelli, perché rispetta la fibra capillare, e può essere utilizzato ogni giorno perché il balsamo non contiene tensioattivi.

How to. La tecnica prevede l'uso di un balsamo senza siliconi (una tazzina da caffè) e zucchero (stessa dose) che svolge una leggera azione esfoliante

Su misura. Per i capelli secchi aggiungere un cucchiaio di miele e uno di olio di karité, per quelli delicati o fragili un cucchiaino di olio di cocco, per quelli grassi una tazzina di bicarbonato o 3 gocce di Tea Tree Oil o un cucchiaino di aceto di mele.

Mandorla indiana, uva spina e Soya e oli essenziali puri di lavanda e patchouli rivitalizzanti e ristrutturanti: Lavender Patchouli Hair Conditioner - Les Jardins D’Inde, Kama Ayurveda (20 euro). Una formula dagli attivi 100% naturali e senza siliconi: Lumicia Balsamo Rivelatore di Brillantezza, René Furterer (18 euro). Formula superarricchita, ripara i danni senza intaccare il colore: Mending Conditioner, Bumble and bumble (36,50 euro).
Courtesy Photo
Con Aminexil che tonifica le radici, vitamine e ceramidi: Dercos Energizzante Balsamo Fortificante, Vichy (14,20 euro, da settembre). Contiene proteine vegetali, foglie di menta, bacche di ginepro: Classic Conditioner, Aesop (20 euro). Balsamo Anti-Rottura per capelli sottili e sfibrati Con Estratti Biologici di Bacche di Goji e Maqui, L’Erbolario (12 euro).
Courtesy Photo
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Capelli