Le trecce della sfilata di Prada raccontato una storia d'amore (dark)

"Il contrasto rende più sovversiva la bellezza. È l'estetica di Prada", Guido Palau.

image
Alessandro ZenoImaxtree

"Queste ragazze sono nell'età in cui vogliono essere ribelli, giusto?", dice Guido Palau nel backstage della sfilata di Prada Autunno Inverno 2019/2020 mentre pettina lunghissimi e lucidissimi capelli neri come la pece, come si legge su Vogue.com. L'interminabile chioma corvina è quella di Claudia Bonetti, una ragazza italiana di 18 anni, uno dei numerosi volti passati sotto i pettini e i pennelli di Guido Palau e Pat McGrath.

Alessandro ZenoImaxtree

A dipingere i propri capelli di nero come Claudia sono state una decina di modelle, mentre altre dieci sono diventate bionde, una scelta cromatica dell'hair stylist per fare emergere meglio le caratteristiche più estreme della donna Prada. Insieme a Josh Wood, il colorista che ha anche creato le ciocche colorate di Mary Katrantzou, Palau ha preparato delle extension lunghe 55 centimetri. Una volta fissate alla testa delle modelle, ha applicato Dry Shampoo Paste di Redken per poi realizzare le lunghe trecce che a moltissimi hanno ricordato quelle di Mercoledì della Famiglia Addams.

Ma a sfilare a Milano non c'erano solo lunghe trecce, ma anche caschetti super scultorei ispirati agli anni Venti. Lucidissimi e super precisi, come tagliati a laser, alcuni sfioravano lo zigomo, altri arrivavano sotto il mento. Fil rouge delle due acconciature una rigorosa riga centrale e le sopracciglia sbiancate dalla make up artist Pat McGrath che si è focalizzata sulla pelle, pochissimo sul make up, rendendola perfetta per lasciare protagonisti i tagli capelli. "Il contrasto rende più sovversiva la bellezza. È l'estetica di Prada", ha aggiunto Palau.

Alessandro ZenoImaxtree
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Capelli