E sia, rossetto rosso come Léa Seydoux

La nuova dea di Wes Anderson non farebbe una sbavatura neanche da bendata...

image
Getty Images

Scegliere, mettere, star bene con un rossetto rosso per noi è solo la fine del mondo. Per Léa Seydoux, La fine del mondo, è “solo” un film a-generazionale girato di fronte agli occhi (e alla cinepresa) diretta da Xavier Dolan e i suoi 29 prodigiosi anni. Applicare, illuminare, non sbavare tutt’attorno, mentre mettiamo un rossetto rosso per noi è una missione (im)possibilissima. Per Léa Seydoux, la Bond girl dal dna francesissimo, la Mission Impossibile è la prova su pellicola cinematografica che anche la sesta femme fatale a strisce blu bianche e rosse può far capitombolare, sotto le sue pump da manuale, uno 007. Il caschetto come Léa Seydoux ovvero il taglio di capelli Parigi 1998 andata e ritorno, il rossetto rosso come Léa Seydoux ovvero il lipstick mat che vira sull’arancione papaya e, quindi, il colore che trasforma in una pellicola d’azione le premesse e lo svolgimento della stesura del rossetto su labbra sottili o carnose che siano.

Getty Images

Come mettere il rossetto rosso tangerine secondo lo stile di Léa Seydoux, la donna che a ogni red carpet abbina una sfumatura di red sempre diversa, sempre ricercata e sempre portabilissima. A patto che prendiate le giuste misure. Dove “giusto” sta per occhi e guance nude, e accessori mignon, vedi gli orecchini a bottone di Buccellati indossati alla prima di Isle of Dogs a Parigi. Al cinema Gaumont Capucines, a due passi da Place Vendôme, l’attrice a 32 anni e (già) una Palma d'Oro è arrivata in minigonna très très mini, camicia giallo vaniglia (aka la nuance totemica con cui dipingeremmo l'armadio di tutte le prossime settimane) e francesissimo caban nero military-inspired. Musa del nuovo capitolo della vita di Wes Anderson, quello in cui da regista di nicchia è diventato it-film maker del Millennio e dei millennials, Léa Seydoux presta pronuncia e intonazione per il film d’animazione di Anderson, che strizza l’occhio (ma anche due…) alle produzioni di Akira Kurosawa. Dallo spot di Prada Candy a The Grand Budapest Hotel, la combo Anderson-Seydoux è oggi essenziale, determinante, complementare. Come un soffio di illuminante appena sopra l'arco di cupido.

Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Celebrity beauty