Dietro al lancio della linea beauty di Kanye West

Ciglia finte, prodotti per il corpo e viso, maschere, dentifrici e deodoranti: dopo anni e molteplici tentativi, il rapper di Chicago marito di Kim Kardashian pare pronto a lanciare la sua collezione. Cosa ne penserà sua cognata Kylie, imperatrice di Kylie Cosmetics?

american rapper kanye west poses before christian dior 2015 2016 fallwinter ready to wear collection fashion show on march 6, 2015 in paris afp photo  patrick kovarik        photo credit should read patrick kovarikafp via getty images
PATRICK KOVARIKGetty Images

Dopo la musica, le scarpe – in partnership con Adidas – la linea di abbigliamento e quella di merchandising, non poteva mancare la linea beauty. O almeno così sembra. Il cantante Kanye West, rapper eclettico e dalle discutibili simpatie politiche – convinto supporter di Trump dalla prima ora – ha fatto richiesta per depositare il marchio di fabbrica per una sua linea cosmetica, la Yeezy Beauty, almeno secondo quanto sostiene il sito di gossip TMZ, che ha rilanciato per primo la notizia. E, a tornare indietro nel passato, non sarebbe il primo tentativo di avventurarsi nel mondo della bellezza: nel 2017 aveva fatto la stessa richiesta per un altro marchio beauty, chiamato Donda Cosmetics – in onore della madre molto amata e scomparsa nel 2007 – che però poi si era tradotto in un nulla di fatto. Nello stesso modo era andato in fumo l'accordo con l'azienda Parlux, per lanciare un suo profumo, nel 2009. La stessa azienda aveva firmato accordi simili con Rihanna e Jay-Z, ma il suo era stato l'unico prodotto a non esser mai realizzato.

Kanye West con la moglie Kim Kardashian a dicembre 2019 al concerto di Travis Scott
HandoutGetty Images

Trucco, ciglia finte, maschere per il viso, smalti, olii e creme per il corpo, ma anche creme da barba, profumi, dentifrici e persino deodoranti, a quanto pare la linea coprirà tutto il necessario per la cura del corpo e del viso, di lui e lei. Non sembrano esserci limiti per il neo-miliardario, sancito tale solo quest'anno dalla rivista Forbes, nomina che, secondo West, la cui vena polemica è nota a ogni angolo del globo, arriva con colpevole ritardo rispetto ai suoi risultati economici. Il coniuge della matrona del clan Kardashian, Kim, vuole così espandere il su marchio Yeezy, trasformandolo in un lifestyle, dopo aver lanciato anche la linea di merchandising di Sunday Service: un'idea con una sua validità. Peccato che in casa Kardashian ci sia già un'imperatrice della cosmesi, Kylie, che con la sua linea Kylie Cosmetics ha raggiunto status di miliardaria, questione poi dibattuta da Forbes, che in un casuale ma perenne clash con il clan di Calabasas, ha stabilito che in fondo, Kylie non è una miliardaria, e forse non lo è mai stata. Dopo aver venduto a gennaio il 51% della sua azienda di cosmesi a Coty per una cifra monstre (1,2 miliardi di dollari) la documentazione relativa all'affare ha dimostrato che il volume dei ricavi della Kylie Cosmetics è abbastanza più contenuto di quello che appariva all'esterno, tanto che la pubblicazione ha ritirato la giovane dalla sua lista dei miliardari, nella quale era stata inserita nel 2019, e ha stabilito che, anche al netto di questa ultima vendita, che ha fruttato alla imprenditrice 340 milioni di dollari, al netto delle tasse, Kylie Jenner non possa considerarsi una miliardaria. In famiglia, in fondo, uno può essere più che sufficiente.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Celebrity beauty