Com'è nato l'eyeliner, croce e delizia di ogni donna che ha desiderato avere gli occhi di Mina

Dal khol usatissimo fin dall'età del Bronzo al Liner x di Kat Van D ecco la storia delle formule e delle tendenze del tratto "magico".

image
Photo by Mihai Stefan on Unsplash

Se il rossetto, il fondotinta e gli ombretti per alcune donne sono out l'eyeliner è sicuramente il prodotto di bellezza più democratico e amato della storia del make up. Perché? È modulabile, ovvero puoi creare un tratto sottilissimo, a mo' di "il trucco c'è ma non si vede", oppure una linea spessa e impertinente, fermarti alla fine della palpebra mobile oppure spiccare il volo realizzando ali più o meno curve, più o meno fini. Infine più prodotto e più applicazioni significa nero-nerissimo. Ok, ora abbiamo a disposizione formule super tecnologiche come quella del nuovo, ma già apprezzatissimo, Liner x di Kat Van D, ma com'era il primo eyeliner? Quando è nato? Di cosa era fatto?

General Photographic AgencyGetty Images

La sua prima manifestazione risale all'Età del Bronzo (dal 3500 al 1200 a. C.) in una vasta area che comprende il Vicino e Medio Oriente, il Nordafrica, l'Africa subsahariana e l'Asia meridionale. Di cosa si tratta? Il khol (o kajal) - questi sono i suoi primi nomi - è una polvere composta da galena, malachite, zolfo e grasso animale. Quando comincia a essere usato non è un belletto, ma una sorta di farmaco naturale per prevenire le infezioni ma anche una specie di amuleto per proteggere i bambini dal malocchio. Nell’Antico Egitto viene utilizzato sia dagli uomini sia dalle donne che sono soliti disegnare la sua linea oltre l’occhio creando una curva verso l'alto che va quasi a unirsi al sopracciglio, formando il cosiddetto "occhio di gatto", animale venerato dagli antichi egizi. Il suo uso prettamente decorativo risale al Rinascimento quando le donne cominciano a truccarsi gli occhi con il bistro organico, una polvere nera ricavata dalla fuliggine del legno di faggio, ma il suo vero e proprio momento di gloria è il Novecento, in particolare gli anni 20 prima e gli anni 60 e 70 poi.

Michael Ochs ArchivesGetty Images

Marilyn Monroe portava un trucco allungato che lei amava definire "infinito"

Negli anni 20 è l'effetto speciale più importante nei film muti perché dà maggiore espressività ad attrici, ballerine e performer. Nel decennio successivo il tratto si allunga e si incurva verso il basso, negli anni 50 diventa più spesso nella parte centrale della palpebra e si incurva verso l’alto per disegnare la, ai tempi frequentatissima, flick eye. Ad amarlo e (stra)usarlo in questi anni sono attrici del calibro di Marilyn Monroe, Audrey Hepburn, Elizabeth Taylor, Brigitte Bardot e la "nostra" Claudia Cardinale.

PotterGetty Images

Twiggy incurvava il tratto dell'eyeliner verso il basso ed enfatizzava lo sguardo mettendo moltissimo mascara.

Negli anni 60 il tratto di eyeliner diventa molto spesso e audace e a volte viene applicato anche nella rima inferiore. Negli anni 80 viene associato a ombretti colorati e brillanti e chiome voluminose, mentre negli anni 90 torna, ma si fa più sobrio. Dal 2000 ai nostri giorni rimane un must-have usato, a seconda dei propri gusti e quindi con tratti più o meno spessi e più o meno lunghi e/o arrotondati, da donne comuni, modelle e attrici. Le star che non ne possono fare a meno? Dita Von Teese, Lana del Rey e Angelina Jolie, per citarne alcune.

Imeh AkpanudosenGetty Images

La regina del burlesque Dita Von Teese amante della bellezza rétro sfoggia sempre un trucco anni 50

Courtesy photo

Il suo plus? Un polimero frutto della tecnologia del lattice che crea una pellicola sulla superficie della palpebra per garantire lunga tenuta e flessibilità: Ligne Graphique de Chanel Eyeliner Liquido Intensità e Precisione, 10 Noir-Noir, Chanel (35 euro su chanel.com/it). Il suo applicatore, a forma di rotella, scivola sulla palpebra in un batter d’occhio per disegnare tratti sottilissimi oppure spessi: La Petite Robe Noire Roll'ink Liner, Guerlain (22,95 euro da Douglas).

Courtesy photo

La sua formula è arricchita da un Peptide vitaminizzato, estratto di Rosa canina, Arginina per ciglia più forti, folte e spesse giorno dopo giorno: So Intense Eyeliner, Sisley (40 euro da Douglas). Grazie alla sua punta flessibile e ultra sottile, questo eyeliner, intensamente pigmentato e waterproof, si applica facilmente e senza sforzo: Tattoo Liner, Kat Von D (19,90 euro su sephora.it).

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Makeup