Le ciglia di Michelle Obama ovvero il programma politico che nessuna First Lady ha mai avuto

Sale sul palco, incanta, rimane a lasciarsi guardare: e in quello sguardo da ciglia XXL regala le chicche che ogni donna vorrebbe sentire.

image
Getty Images

Michelle Obama è l'unica First Lady degli Stati Uniti d'America che, a mandato concluso, ha scelto di proclamarsi presidente di un'altra repubblica: quella degli Stati Uniti delle Donne. Basta guardarla sul palco dell'Essence Fest di New Orleans, festival annuale di arte, musica e intrattenimento, per decretare il suo nuovo programma politico di bellezza libera, onesta, fieramente afro, profondamente femminile. Dopo essere stata presa di mira dagli haters per gli stivali dorati (che dire: con quelli era sublime) ora le ciglia lunghissime di Michelle Obama saranno il prossimo scandalo-no-scandalo? Il nome del mascara (un prodotto iper celebre) è già una rivelazione (a cui possiamo ambire tutte).

Come rivela Into the Gloss, il make up artist di Michelle Obama Carl Ray non solo ha utilizzato Glossier Lidstar nella tonalità Cub, ma ha anche aggiunto un velo di Glossier Lip Gloss in una nuovissima tonalità Red e sugli zigomi l'highlighter Extra Dimension Skinfinish di MAC. Per il trucco occhi ha utilizzato gli ombretti della Just Peachy Velvet Palette di Too Faced, e poi lui, il mascara Better Than Sex di Benefit Cosmetics che è un cult tra le under 30 figlie del tocco magico in punta di penna. Come dire: beauty-case à porter di Michelle Obama è rivelato...

"Volevo che Michelle apparisse fresca, levigata e luminosa. Dato che Essence Fest si svolge a New Orleans a luglio, volevo che resistesse al caldo estivo e all'umidità, così ho fatto in modo che si mantenesse intatto e radioso. Sulle labbra ho applicato Artist Nude Creme Liquid Lipstick di Make Up For Ever poi il nuovo Lip Gloss in Red di Glossier. Mi piace applicare il rossetto liquido in crema per la sua durata e sopra un tocco di lucidalabbra per aggiungere luminosità e idratazione".

La scelta di Michelle Obama di girare il mondo presentando il suo best-seller, Becoming, si sta rivelando quale la più onesta e politicamente pop di tutta la storia degli States? Il suo aspetto, perfetto e volutamente imperfetto, la sua fierezza nel liberare i capelli curly (lei , perennemente liscia a eccezione delle ultime apparizioni) è il miglior discorso politico che potesse regalarci?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Makeup