La storia dei profumi al vetiver, l'essenza legnosa che sprigiona accenti di nocciola

Essenza meravigliosamente sfaccettata, sorprende i maître parfumeur per la complessità degli odori che può evocare.

image
Unsplash.com

Classico e contemporaneo, delicato e potente al tempo stesso, il vetiver è un'essenza meravigliosamente sfaccettata nella creazione dei profumi e sorprende i maître parfumeur per la complessità degli odori che può evocare. "Prevalentemente classificato come legnoso, affumicato e con sentori di terra, il vetiver è una pianta erbacea perenne che cresce in alti ciuffi che raggiungono i due metri di altezza, le cui radici, all’apparenza leggere come capelli d’angelo, stupiscono in quanto sono straordinariamente e fortemente radicate nel terreno spingendosi fino ai cinque metri di profondità", ci spiega la "nostra" guida olfattiva Giorgia Martone, naso e founder de LabSolue, lo scrigno di profumi e storie che vive nell'hotel cinque stelle Magna Pars di Milano.

Vetiver - coltivazione. "La pianta presenta un fusto duro e dritto, foglie sottili e allungate e sono proprio le sue piccole numerose radici bianche odorose, chiamati rizomi, che contengono la fragranza profumata. La raccolta delle radici bionde che paiono capelli d’angelo viene fatta a mano, solitamente due anni dopo la prima coltivazione, nella stagione secca tra dicembre e luglio/settembre, a seconda delle regioni in cui vengono coltivate. Le piante, private di radici, vengono poi celermente riposte di nuovo nel terreno per essere ricoltivate in attesa della ricrescita delle radici. Nativa dell'India e dell'Indonesia, dove vi cresce anche tuttora spontaneamente, questa pianta perenne viene oggi coltivata anche nell'Isola della Réunion, nel Madagascar, in Angola, in Brasile, in Cina, ad Haiti e a Java", prosegue Martone.

Vetiver - utilizzi. "Il suo nome deriva dal termine tamil vettiveru e viene chiamato khus in molte parti dell'India. Paese in cui il suo olio essenziale estratto dalle piante che crescono spontanee viene usato ancora oggi. A Java, grazie alla sua consistenza fibrosa e resistente, veniva utilizzato come tessuto per realizzare le tende delle case e in generale per ripararsi dal calore e dalla luce del sole. Grazie a questa sua struttura ultra resistente veniva anche impiegato nell’ambito dell’ingegneria naturalistica, prima ancora che nella profumeria. Piantato ai bordi della strada evitava, infatti, l’erosione del suolo! Era poi utilizzato anche come profumo d’ambiente. Questo particolare “tessuto di vetiver”, infatti, veniva spruzzato con l’acqua, in questo modo le radici sprigionavano l’intenso profumo della pianta rinfrescando l’aria e dando una sferzata di energia a chi vi soggiornava".

Vetiver - metodo di estrazione. "L’olio essenziale, viscoso e di colore ambrato, è ottenuto attraverso la distillazione in corrente dei vapore dei rizomi lavati, tagliati in pezzi e seccati al sole. La qualità migliore si ricava dalla radici che hanno 18-24 mesi. Il suo caratteristico profumo porta sensualità ed eleganza alle creazioni olfattive. Il processo di distillazione richiede tempo. Sono necessarie, infatti, circa 24 ore per potere distillare l’essenza dal vetiver e occorrono in media 150 kg di radici essiccate per ottenere 1 kg di olio essenziale".

Vetiver - profumo. "Grazie alla sua ricchezza, nobiltà e profondità è considerato una della materie prime essenziali per la grande profumeria. L’essenza assoluta che si ricava dal vetiver si può descrivere come una nota legnosa secca, profonda, con una tonalità terrosa, leggermente affumicata, con accenti nocciola, a tratti fresca e amara al tempo stesso. Come per tutte le materie prime naturali, a seconda del sole e del territorio in cui cresce il vetiver presenterà sfumature olfattive differenti. Importato nei Caraibi nel XVIII secolo, oggi le qualità più rinomate sono: il vetiver di Haiti e il vetiver Bourbon dell'Isola della Réunion, che presentano una sfaccettatura più fiorita rispetto alla qualità di vetiver più affumicata che cresce a Java. In particolare il vetiver di Haiti presenta un profumo legnoso, terroso, vegetale, affumicato, caldo, con sentori fioriti di iris mentre il vetiver Bourbon dell'Isola della Réunion ha un odore terroso e una sfaccettatura leggermente rosata".

Vetiver - proprietà. "Considerato da sempre simbolo di fortezza spirituale ed emotiva il vetiver, in particolare le sue radici, nella tradizione ayurvedica era usato per alleviare il mal di testa e abbassare la febbre. L'olio essenziale di vetiver ha un'azione immunostimolante e aiuta il corpo nella lotta contro lo stress. Agendo anche a beneficio della psiche - gli indiani lo chiamavano “l'olio della tranquillità” - è apprezzato, infatti, per le sue proprietà rilassanti nel bagno o come olio da massaggio“, conclude Martone.

Nella gallery la nostra selezione dei #9 profumi caratterizzati da intense note di vetiver da concedersi dolcemente.

Courtesy photo

L’essenza scelta viene confezionata all’istante: una raffinata etichetta, realizzata con vecchi clichet artigianali in cui splendono ricercati decori a caldo - oro rosa per la collezione fiori, oro giallo per la collezione frutti e bronzo per la collezione legni - suggella l’elegante vaso ambrato di farmacia con l’originale tappo in vetro smerigliato, mentre un speciale sigillo assicura la chiusura del tappo. Diffusore 9 Vetiver, LabSolue (1000 ml 295 euro, disponibile anche in versione candela artigianale 200 gr 65 euro).

Courtesy photo

Un jus maschile, fresco ed elegante che si apre sulla freschezza spontanea e pungente degli agrumi (arancia, bergamotto e limone), matura in accordi di noce moscata e il pepe intensificano la fragranza, prima di cedere il posto al vetiver, al tabacco e alla fava tonka: Vétiver edt, Guerlain (da 93,80 euro il 100 ml).

Courtesy photo

Una dose inedita, spensierata e dall'eleganza maschile, di essenza vetiver haitiana, sandalo, cedro e cashmeran, sono legati dal muschio e sollevati da pepe rosa, bergamotto e arancio amaro in un soffio di accattivante freschezza: Vetiver Extraordinaire by Dominique Ropion, Editions de Parfums Frédéric Malle (100 ml 240 euro).

Courtesy photo

La forza del vetiver si accompagna alla vivacità del pepe di Sichuan e del bergamotto verde. Il vetiver, radicato in Terre fin dalle sue origini, costituisce il culmine di questa nuova espressione. L'equilibrio iniziale di Terre, tra note legnose e minerali, si trasforma in una nuova armonia, fatta di note legnose e vegetali: Terre d'Hermès Eau Intense Vétiver (da 62,86 euro il 50 ml da Douglas).

Courtesy photo

Cécile Zarokian, naso indipendente di Parigi, ha creato una fragranza basata su note legnose (legno di sandalo, patchouli, papyrus, vetiver, cedro), ha un cuore di rosa e lascia una scia raffinata che rimane armoniosa e persistente con il passare del tempo: Private Label, Jovoy (100 ml 130 euro).

Courtesy photo

"Ho sempre voluto cambiare. Quando ero bambino, volevo cambiare famiglia, amici e più tardi, paese. Ah, dimenticavo! Volevo anche cambiare sesso! Tutto, insomma, persino questo vetiver che qui è immerso lascivamente in un velluto orientale, da quando ha abbandonato la Colonia. Il vetiver è una fragranza in sé, profumato di cisto con note simili al catrame, viscoso come una cera!": Vetiver Oriental, Serge Lutens (120 euro il 50 ml).

Courtesy photo

Cattura l'essenza dell'uomo cortese, carismatico e provocante grazie a un cuore caratterizzato dal vetiver grigio, superbamente unito al limone, che esalta le spezie, i legni e il muschio di quercia: Tom Ford Grey Vetiver (da 74,76 il 50 ml da Douglas).

Courtesy photo

In testa mandarino italiano, basilico e pepe verde creano un primo impatto potente e frizzante, il cuore fiorito ha il carattere audace di un bouquet in cui le sfumature verdi del gGiglio convivono con il magnetismo della tuberosa e la voluttuosità appena accennata dell’iris, nel fondo legno di sandalo e orcanox aggiungono un tocco sensuale, il vetiver un accento vibra: Rinascimento, Salvatore Ferragamo.

Courtesy photo

Si apre con note di essenza di petit-grain, cardamomo e noce moscata, matura in accordi di patchouli, mirra e incenso e si chiude in un fondo di cisto labdano, vetiver e cedro rosso occidentale: Parfum Remarquable Valparaiso, Les Couvent des Minimes (da 49 euro il 50 ml nelle profumerie Douglas/Limoni/Gardenia). “Il vetiver boisé impregna le coste del Cile, battute, sempre e ancora, dalle onde del mare”, Hervé Gambs, Direttore della Creazione Olfattiva per Les Couvent des Minimes.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Profumi