«Ho provato il filler alle grandi labbra. E ora il sesso va a gonfie vele».

La storia di una mamma che ha trovato il coraggio di raccontare quanto un disagio fisico possa pericolosamente incidere sull’intimità della coppia.

image
Getty

Michelle è una donna di 37 anni del North Carolina. Qualche mese fa ha deciso di sottoporsi al Labia Fillers alias l’iniezione di fillerdelle grandi labbra. «Non sono mai stata soddisfatta al 100% dell’aspetto della mia vagina», ha confessato Michelle a Refinery29.com, «e dopo il parto le cose sono andate sempre peggio. L’elasticità della pelle ha modificato l’aspetto delle grandi labbra, private quasi interamente della loro naturale pienezza. Questo cambiamento mi ha reso molto molto insicura. Non riuscivo più a lasciarmi andare, a godere pienamente del momento. Ho iniziato anche ad avere problemi a raggiungere l’orgasmo».

Getty

Courtesy photo Gettyimages.com

Ma come ha scoperto il filler vaginale? «Mi recavo quasi quotidianamente in un centro per la depilazione laser. Un giorno, durante il mio solito trattamento di rimozione definitiva, la mia estetista di fiducia mi ha parlato di questa procedura per il ringiovanimento vaginale. Così ho parlato con una consulente che mi ha subito rassicurata dicendomi che un sacco di donne come me, dopo la gravidanza riscontrano un rilassamento delle labbra. Una prima idea me l’ero fatta, ma avevo bisogno di un’altra testimonianza per valutare al meglio e prendere la decisione giusta senza fretta. Sono andata dal mio ginecologo che mi ha parlato della chirurgia vaginale ma non avendo nessuna intenzione di subire un intervento, ho chiesto se ci fosse una soluzione meno invasiva ma altrettanto efficace. Bingo! Ecco che ha iniziato a parlarmi delle iniezioni di filler, una specie di riempitivo simile a quello usato per il viso.

Dopo essermi consultata con i miei familiari, ho deciso. “Lo faccio!”, mi sono detta. Ed è stata la scelta più giusta della mia vita. In clinica, dopo avermi applicato una crema anestetizzante, ho subìto quattro iniezioni senza provare il minimo dolore. Nessuna attesa, nessun tempo morto, ho visto cambiare la mia vagina all’istante. È stato perfetto!». Il tempo di recupero di Michelle è stato rapidissimo, tre giorni, un po’ di gonfiore e nient’altro. L’unico neo è stata l’attesa ad avere rapporti sessuali subito dopo il trattamento («ho dovuto aspettare circa due settimane… mi è sembrata un’infinità di tempo, perché, voglio dire, mi sentivo più pronta che mai!»).

Il filler vaginale ha avuto un impatto molto positivo sulla situazione estetica e intima di Michelle. La sua vita sessuale è migliorata notevolmente, così come la sua sicurezza a mostrarsi al marito («sono felicissima, e visti i risultati, continuerò a farlo!»). Nient’altro che una storia vera di una donna vera che ha cercato in tutti i modi di risolvere un disturbo che a lungo andare avrebbe compromesso (forse) irrimediabilmente la sua intimità e il suo rapporto con il marito.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e corpo