Menopausa precoce (a 40 anni)? Come individuarla tra sintomi, cause e cure

Quando l'orologio biologico corre (troppo).

image
Getty Images

Non c’è una regola. La menopausa quando arriva (ahinoi) arriva. Ma i sintomi per riconoscerla sono diversi e piuttosto evidenti. Può manifestarsi in età tutt’altro che avanzata e in questo caso si può parlare di menopausa precoce o premenopausa. La menopausa si verifica quando una donna smette di ovulare e le mestruazioni cessano per un periodo di almeno 12 mesi consecutivi. L'inizio della menopausa nella maggior parte delle donne è tra i 45 e i 55 anni di età. Tuttavia, circa l'1% può sperimentarla prima dei 40, il che è considerata appunto una menopausa precoce. In alcuni casi, la menopausa precoce è causata da un intervento chirurgico per rimuovere le ovaie o trattamenti medici come radiazioni e chemioterapia. In altri casi, le ovaie della donna smettono di produrre uova spontaneamente e la causa è ignota.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Quando la menopausa si verifica prima dei 40 anni può essere devastante per molte donne che ancora desiderano avere una gravidanza. Oltre i sintomi più comuni, come vampate di calore e sbalzi d'umore, le donne con menopausa precoce possono anche soffrire di problemi fisici ed emotivi. I sintomi della menopausa precoce sono spesso gli stessi di quelli vissuti dalle donne in menopausa normale, ma più intensi. Sono: periodi irregolari, periodi meno abbondanti o più abbondanti del normale, vampate di calore, sensazione improvvisa di calore, secchezza vaginale, vescica irritabile e peggioramento dell'incontinenza urinaria, cambiamenti emotivi, secchezza di fauci e pelle, insonnia, diminuzione del desiderio sessuale, variazioni di peso (la maggior parte delle donne inizierà ad accumulare più grasso nella zona del ventre). La menopausa prematura è causata nella maggior parte dei casi da una mancanza ovarica prematura, quando l'ovaio inizia il suo lavoro insufficientemente o quando le tube di Falloppio vengono rimosse. Può anche essere dovuta a cause mediche, come trattamento per il cancro, radiazioni e chemioterapia.

Getty Images

In questi casi, le ovaie possono tornare al lavoro dopo un certo periodo di tempo. Anche se questo dipende da molti fattori quali l'età, il tipo di farmaci che sono stati utilizzati e la dose erogata. Come si diagnostica? Per diagnosticare la menopausa precoce il medico eseguirà un esame fisico e dovrebbe anche fare un esame del sangue per escludere altre condizioni, come la gravidanza e la malattia della tiroide. Il test diagnostico più importante è un esame del sangue che misura l’ormone follicolo stimolante. Questo fa sì che le ovaie producano estrogeni e alti livelli di questo ormone indicano un guasto nelle ovaie e la menopausa prematura. Come menopausa precoce trattata? Non esiste un trattamento. Ma in rari casi, le ovaie possono iniziare a funzionare spontaneamente. Secondo alcuni studi, 1 donna su 10 con diagnosi di menopausa precoce può restare incinta, anche se i motivi non sono chiari.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Le donne colpite hanno una lunga vita davanti e quindi un aumento del rischio di problemi di salute come l'osteoporosi o malattie cardiache. Per queste donne, si raccomanda la terapia ormonale sostitutiva (HRT), sia per alleviare i sintomi che per ridurre il rischio di insorgenza precoce dei problemi di salute menzionati. Considerando che il principale responsabile dei sintomi della menopausa è la diminuzione di estrogeni, la maggior parte dei trattamenti comportano la loro somministrazione.

Alcuni dei trattamenti per alleviare i sintomi sono: ma terapia ormonale - disponibile in diversi formati, come pillole, cerotti transdermici o gel. Questo trattamento è uno dei più efficaci nel controllare i sintomi quali vampate di calore e secchezza vaginale. Le pillole contraccettive orali, utilizzate anche per alleviare i sintomi della menopausa. I farmaci antidepressivi – Studi hanno dimostrato che sono efficaci nel controllare le vampate di calore fino al 60% delle donne. O ancora gel, creme e lubrificanti che possono aiutare a prevenire la secchezza vaginale. Infine la riproduzione assistita, per quelle donne che vogliono una gravidanza, queste tecniche con ovuli sono un'opzione.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e corpo