Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Cosa accade al corpo durante il primo mese di gravidanza?

Dal test ai primi sintomi passando per la dieta ad hoc e il desiderio sessuale.

Getty

Nessun campanello d'allarme durante la prima settimana di gravidanza. È dalla terza che di solito si possono verificare sintomi quali nausea, spossatezza, sbalzi di umore e/o più appetito. Di seguito alcune trasformazioni che avvengono nel corpo della donna nei giorni successivi al concepimento e alcuni consigli da mettere in pratica anche prima, ovvero durante la ricerca di un figlio.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

→ Amenorrea. Il primo mese di gravidanza inizia dal concepimento che si verifica circa 14 giorni dopo l'inizio dell'ultima mestruazione, in corrispondenza dell'ovulazione. Nella maggior parte dei casi la futura mamma non si accorge di nulla fino al mancato arrivo delle mestruazioni perché la prima settimana è asintomatica. I test di gravidanza sono sensibili già dal primo giorno di ritardo delle mestruazioni o qualche giorno prima. Per un risultato attendibile, però, devono essere trascorsi almeno 12-14 giorni dall’ovulazione.

→ Sintomi. Nella seconda settimana può presentarsi un leggero sanguinamento dovuto alle "perdite da impianto". Sbalzi d'umore, stanchezza, salivazione, tensione al seno, minzione frequente, sonnolenza, nausea sono sintomi che possono comparire dalla terza settimana di gravidanza. Alcuni odori o cibi potrebbero fare venire la nausea e il colore dei capezzoli potrebbe essere diventato più scuro.

Getty
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

→ Dieta. Sarà sana ed equilibrata. Il ginecologo, in base agli esami del sangue, potrà prescrivere integratori di vitamina D e acido folico che riduce il rischio di difetti del tubo neurale. La futura mamma, se fumatrice, dovrebbe smettere di fumare quanto prima. Niente alcol perché questa sostanza «arriva direttamente nel cervello della madre e del feto dove distrugge i neuroni ancora prima che si sviluppino», afferma Emanuele Scafato, direttore dell'Osservatorio nazionale alcol dell'Iss.

→ Sport. Se la gravidanza procede senza problemi è possibile continuare a praticare attività fisica, evitando sforzi eccessivi. Lo sport aumenta la capacità di trasporto di ossigeno e sostanze nutritive indispensabili per il feto e aiuta a tenere sotto controllo il peso della futura mamma. Semaforo verde a nuoto, aquagym, pilates e yoga. Semaforo rosso a salti, sollevamento pesi, jogging, sci, equitazione, scherma...

Getty
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

→ Desiderio. «In genere, la riduzione della libido tende a interessare soprattutto il primo e il terzo trimestre. Il primo, per i dubbi e le paure che colgono ogni donna. Soprattutto se soffre di piccoli malesseri fisici, come le nausee. Nel terzo trimestre, perché aumentano l’ingombro fisico ed emotivo del pancione e le preoccupazioni per l’imminente parto», spiega la professoressa Alessandra Graziottin, direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica H. San Raffaele Resnati di Milano.

→ Infezioni e infiammazioni. Contrarre la candida non comporta rischi particolari durante i nove mesi, né per la mamma né per il nascituro. Solo al momento del parto il bambino, al passaggio per via vaginale, potrebbe esserne infettato. In caso di cistite, invece, una volta individuatane l’origine, la terapia tradizionale è quella antibiotica, antimicotica o antiprotozoaria, a seconda del germe responsabile.

→ Rapporti sessuali. «Non ci sono controindicazione ad averne e non c’è alcun rischio per il bambino. I dati scientifici dicono che le donne che in gravidanza hanno avuto rapporti desiderati e frequenti hanno minori complicanze sia in gravidanza sia nel parto, e hanno più frequentemente parti a termine con bambini con più elevato Apgar, il voto che il pediatra dà al bimbo alla nascita e che indica il suo stato di benessere», assicura Graziottin.

→ Embrione. Alla fine della prima settimana misura circa 0,1 mm, durante la seconda 0,2 mm, durante la terza 1,5 mm. Nella terza settimana iniziano a svilupparsi il sistema nervoso, il cervello e il midollo, mentre il cuore comincia a battere molto lentamente. Alla quarta settimana l'embrione misura circa 4 mm e i suoi arti, i suoi occhi, la colonna vertebrale e i suoi sistemi digestivo e polmonare cominciano a delinearsi.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e corpo