Robyn Lawley "Victoria's Secret deve portare in passerella tutti i tipi di donne"

"È importante incoraggiare la diversità per il bene delle ragazze di domani e rifiutare questi ideali limitati".

Around Kennedy Oaks Day
Getty ImagesGraham Denholm

"Unisciti a me, proviamo a cambiare Victoria's Secret, che deve portare in passerella tutti i tipi di silhouette e fare scelte più inclusive". Con queste parole la modella australiana Robyn Lawley, considerata una taglia forte nel mondo della moda (porta la 44!), chiede alle colleghe (Sara Sampaio, Gigi Hadid e Kendall Jenner per citarne solo tre), usando come megafono il suo profilo Instagram, di boicottare l'attesissima sfilata che si terrà l'8 novembre a New York e a firmare una petizione su change.org. "Victoria's Secret ha dominato la scena per 30 anni dicendo alle donne che esiste un solo tipo di bellezza. È importante incoraggiare la diversità per il bene delle ragazze di domani... Mi rifiuto di fare crescere mia figlia con questi ideali limitati e di pensare che potrebbe non realizzarsi nella vita preoccupandosi di adattarsi a questa idea ridicola che una taglia di reggiseno sia più importante della sua salute fisica e psicologica!".

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
View this post on Instagram

I have started an online petition -link in bio 👆 JOIN ME and lets help change the minds of Victoria’s Secret to be more diverse and inclusive of body shapes and sizes on their runways! Victoria Secret have dominated the space for almost 30 years by telling women there is only one kind of body beautiful. - you can read more in the link of my bio why it’s so important to encourage diversity for our future daughters sake. Until Victoria’s Secret commits to representing ALL women on stage, I am calling for a complete boycott of this year’s Victoria’s Secret Fashion Show. It’s time Victoria’s Secret recognized the buying power and influence of women of ALL ages, shapes, sizes, and ethnicities. The female gaze is powerful, and together, we can celebrate the beauty of our diversity. It’s about time Victoria’s Secret celebrated the customers that fuel its bottom line. Will you join me? 1 Sign the petition! 2 Encourage your friends not to tune in or attend the Victoria’s Secret Fashion Show share a photo of yourself on Instagram, as you are (not airbrushed and beautiful), use the hashtag #weareallangels to share what makes you uniquely beautiful, please tag me so I can see (@robynlawley) and @ThirdLove For every person who shares a post with #weareallangels hashtag, ThirdLove will donate one bra to @isupportthegirls (a national non-profit that collects and distributes bras to homeless women and girls around the country !!!)

A post shared by Robyn Lawley (@robynlawley) on

Sì per Lawley, che non ha mai nascosto la sua disapprovazione verso il celeberrimo brand di lingerie, TUTTE le DONNE sono angeli, ogni donna con le sue curve e la sua cellulite. Qualche giorno prima, ospite del programma Tommy Little, aveva anticipato il concetto affermando che gli uomini sono parte del problema e che sono in parte responsabili se questa meravigliosa diversità non è contemplata oggi nella moda e se le donne non si riconoscono nelle modelle che vedono in passerella. "Lo sto facendo per amore di mia figlia!", ha detto qualche giorno fa al programma tv The Morning Show, come si legge su dailymail.co.uk. Ok, dice Robyn, Victoria's Secret ha fatto salire in passerella modelle provenienti da diversi Paesi, come la filippina Kelsey Merritt, e Winnie Harlow nota per la vitiligine, ma è necessario che sfilino anche modelle curvy finora escluse dal mondo della lingerie. Modelle che possano sfilare, orgogliose delle proprie forme, in un costume creato ad hoc come quello di Rihanna Savage x Fenty.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

"Sei anni fa ho partecipato a un casting per Victoria's Secret. Mi sono sentita molto criticata per il mio corpo", ha rivelato Robyn a dailymail.co.uk.

Ma cos'ha fatto Robyn Lawley per cercare di cambiare qualcosa? Il 17 ottobre la modella 29enne, che in passato è apparsa (anche) sulle copertine di Elle Francia e Vogue Italia e Vogue Australia, ha posato per fotografi del calibro di Greg Kadel e Steven Meisel e per un numero speciale dedicato alle modelle in costume da bagno di Sports Illustrated, ha postato una foto dove appare con la figlia e il manifesto #weareallangels, un hasthag che sta diventando un album fotografico virtuale che esalta la bellezza dell'individualità, della diversità e dell'inclusività. Per ogni foto condivisa con questo hashtag, il brand che produce tutte le taglie ThirdLove donerà un reggiseno a Support The Girls, una onlus che regala alle donne senzatetto reggiseni in tutto il Paese. Ci piace!

Getty ImagesFrazer Harrison

Robyn Lawley - Hammock 2017 Collection at SwimMiami

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e corpo

Pubblicità - Continua a leggere di seguito





Skincare di lusso non solo per le over 50 Skincare di lusso non solo per le over 50

image Pelle à la page in viaggio