"Ho provato il collagene da bere con il caffè, ma ho avuto idee migliori..."

Da quando è scoppiata la (buona) moda di bere il collagene idrolizzato, gli errori su come assumerlo spuntano da dietro ogni angolo.

image
Valentina ValdinociImaxtree

Di superfood e super ingredienti se ne sono visti a bizzeffe, di questi ultimi tempi. Poi la star delle star degli integratori è diventata qualcosa di cui si parla almeno dagli anni 70: il collagene. La differenza, rispetto ad allora, è che prima si metteva sulla pelle, con creme e fiale. Il collagene è una proteina importante, tiene insieme (letteralmente incollati) le ossa, le cartilagini, gli strati della pelle e i vasi sanguigni. Più ne abbiamo sottopelle, più tardi la pelle cede all’insolenza del tempo. Adesso abbiamo scoperto i grandi benefici che ricaviamo dal berlo. Il collagene da bere è diventato così popolare che oltre alle fialette professionali, ora si compra anche al supermercato nelle acque funzionali.

Va tutto benissimo, fa benissimo alla pelle, fa benissimo alle articolazioni, se non vogliamo quello animale c’è quello vegetale, si sta persino studiando come sintetizzarlo in laboratorio, insomma, tutti contenti, anche perché il corpo comincia ad abbassare la quantità di collagene intorno ai 25 anni, per cui non facciamo altro che rifornirlo nella misura in cui lo conteneva da bambini. Ma fino a ora nessuno ha parlato delle controindicazioni del collagene. Perché ci sono delle situazioni in cui assumere collagene idrolizzato, o comunque liquido, non è una buona idea, soprattutto in combinazione con altri alimenti. E uno di questi è – oh oh – il caffè. A farcelo sapere è un articolo di Quartzy, che parla di chi beve il caffè bollente subito dopo aver assunto il collagene, o ha pensato addirittura di aggiungerlo nella tazzina. Cosa da non fare MAI. Vediamo perché. Come spiega Brooke Russel su Quartzy, il motivo per cui non si usa più il collagene nelle creme, ma in drink, è perché la molecola del collagene del tipo 1, quello della pelle (il 2 è quello delle articolazioni), è troppo grande per penetrare nei pori, per cui tutte le creme usate fino a qualche tempo fa creavano solo un film di proteine che poi lavavamo via la sera. Benefici: quasi zero.

Il collagene solubile o idrolizzato, invece, è stato scomposto in frammenti più piccoli, che potrebbero anche penetrare nella pelle, ma che non sono ancora abbastanza efficaci. Meglio berlo, allora. Ma quello che non ci hanno detto è che il collagene si disgrega a temperature superiori a quella corporea. Il risultato, quando esposto ad alte temperature, è un'inutile gelatina senza alcun valore cosmetico. Attenzione, quindi, a come assumiamo la nostra fialetta, mai prima o dopo il caffè, mai NEL caffè. Stesso discorso per l’acqua funzionale: mai pensare di bollirla per farci la tisana, convinte di aggiungere altre proprietà. Evitiamo anche di bere l’acqua funzionale durante pasti caldi! Limitiamoci ad assumerla così com’è, senza niente prima e dopo. O avremo buttato il nostro denaro.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e corpo