La campagna beauty "fare spazio alle donne" dell'ex astronauta Nicole Stott è un'idea cosmica

Astro Nicole indossa la tuta appesa al chiodo nel 2015 per mandare in orbita un messaggio moooolto speciale.

image
Getty Images

Ha lavorato per la Nasa per quasi tre decenni durante i quali ha preso parte a due missioni spaziali. Oggi l'ingegnere ed astronauta statunitense Nicole Stott, 57 anni, ha lanciato un messaggio cosmico molto speciale attraverso la campagna beauty #MakeSpaceForWomen firmata Olay. Insieme alla youtuber Lilly Singh, alla giornalista tv Katie Couric e alle attrici Busy Philipps e Taraji P. Henson ha lanciato, infatti, un appello alle aziende in particolare quelle scientifiche e tecnologiche perché facciano spazio alle donne. "Sono grata all'azienda che mi ha contattato. Spero che chi guarderà questo spot capisca che sono veramente un'astronauta e consideri questa e altre professioni un'opportunità reale per tutti", ha detto Stott che ha sperimentato personalmente il fatto di essere l'unica donna nelle sue missioni spaziali e che ora spera che il suo coinvolgimento in questo spot incoraggi un maggiore numero di donne a entrare in tutti in qualsiasi settore professionale desideri.

Olay donerà un dollaro fino 500mila dollari a Girls Who Code ogni volta che verrà usato l'hashtag #MakeSpaceForWomen

La campagna che mostra una missione spaziale con sole donne è stata creata dal beauty brand americano per sensibilizzare sul divario tra i sessi soprattutto nei campi scientifici e tecnologici. Intervistata dal DailyMail.com Stott ha confessato di non essersi mai immaginata protagonista di una campagna beauty ma che le piace vestire questi panni - indossando di nuovo la tuta da astronauta che aveva appeso al chiodo nel 2015 - se lo scopo è ispirare potenziali future scienziate, ingegnere, programmatrici o esploratrici dello spazio. Stott ha dichiarato poi che il suo settore in particolare ha fatto passi da gigante negli ultimi anni per essere più inclusivo verso le donne. Gli uffici della NASA, come sottolinea Denise, ora sono composti da donne per il 36%, ma la strada è ancora lunga. "Ero sempre l'unica donna in missione. Mi sarebbe piaciuto avere delle colleghe. Vorrei che non dovessimo parlare di come incoraggiare le donne. Vorrei che accadesse e basta".

Uomini, donne, ragazzi e ragazze avranno l'opportunità di vedere lo spot durante il prossimo Super Bowl che si terrà il 2 febbraio 2020 all'Hard Rock Stadium di Miami

La NASA ha subìto un duro colpo lo scorso marzo quando è stata costretta a rimandare la sua prima passeggiata spaziale tutta al femminile perché le tute della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) erano troppo grandi. Stott ha dichiarato di essere stata orgogliosa dell'organizzazione della passeggiata spaziale per sole donne che è avvenuta poi a ottobre perché non è stata "forzata", cioè lo scopo non era che vi partecipassero solo donne, ma perché erano proprio quelle due astronaute le professioniste più adatte per quella missione. Olay è stata ispirata da questa passeggiata al femminile e ha deciso di focalizzare la sua campagna su questo momento storico. "Sono felice che Olay abbia scelto una missione spaziale con sole donne per diffondere questo messaggio di empowerment. Ho un figlio di 17 anni. Vorrei che gli arrivasse il messaggio che chiunque gli siede accanto ha il diritto di avere le stesse opportunità", ha concluso Stott.

      Pubblicità - Continua a leggere di seguito
      Altri da Viso e corpo

      Pubblicità - Continua a leggere di seguito


      Lancôme Genifique "I buoni propositi per il 2020"


      Darphin Stimulskin Plus Il segreto della giovinezza vien dal mare