I segreti della bellezza orientale

Dall'Asia arrivano i nuovi rituali e i prodotti per prendersi cura del viso e avere una pelle perfetta.

image

Un rinnovamento culturale da Levante ci ha già piacevolmente travolti in cucina, nell’arte e nella moda e la cosmesi non fa eccezione: l’agenzia di ricerche Euromonitor International parla infatti di “asianificazione” della bellezza. Anche se i segreti della bellezza orientale suscitano da sempre grande interesse, nell'ultimo periodo i rituali e i prodotti che arrivano dall'Asia, soprattutto da Corea del Sud e Giappone, per la cura della pelle sono diventanti estremamente popolari. L’influenza di tutto ciò nelle nostre abitudini di skincare conferma questo cambio di direzione delle tendenze cosmetiche che ora viaggiano da est verso ovest.

Chiunque abbia visitato l’Estremo Oriente avrà notato una certa propensione alla perfezione estetica dei nostri alter ego orientali: mediamente una signora che si reca in ufficio a Tokyo assomiglia per accuratezza alla versione nostrana da matrimonio. Addirittura in alcune fermate della metro di Seul ci sono specchi per gli ultimi ritocchi prima di uscire. Esprimendo una solida ammirazione per chi riesce a mantenere tali stati di impeccabilità a tali tassi di umidità, dovremmo sentirci spronate e ispirate da questo ideale che va ben oltre la semplice bianchitudine.

«Nel volto pubblico le donne asiatiche credono che l’aspetto sia un segno di rispetto, per sentirsi in armonia nel gruppo. Noi pensiamo più in termini di sicurezza e felicità personali. Per esempio, consideriamo il profumo una nostra firma, mentre per loro le profumazioni non devono essere invadenti. Spesso mi chiedono come facciamo a essere così sicure da uscire senza trucco», spiega Florence Bernardin, consulente di tendenze specializzata in Estremo Oriente. «In Giappone la bellezza è sofisticata e codificata dalla tradizione», racconta Katalin Berenyi, fondatrice di Erborian, brand dagli ingredienti ed expertise coreani che ha conquistato le parigine, «in Cina c’è la prima generazione di donne con libertà e ricchezza per godersi i prodotti cosmetici. Le coreane sono curiose e preparate, per cui è il mercato più dinamico in cui le aziende si sfidano a colpi di innovazioni».

Le stesse che poi arrivano alle nostre latitudini, come BB e CC Cream, il makeup cushion, il revival delle maschere (in Corea se ne trovano di 800 tipi), le formule schiarenti contro macchie e opacità e tra poco sarà il momento delle “essence”, uno step di idratazione intensa dopo il tonico: ne esistono anche per capelli e infatti “la cura del cuoio capelluto sarà la nuova frontiera dello skincare”, conferma Bernardin.

Charlotte Cho, americana e coreana di seconda generazione, ha fondato il blog ed e-store di prodotti coreani Sokoglam.com e ha appena pubblicato The Little Book of Skin Care (William Morrow): «Praticamente tutte abbiamo iniziato a preoccuparci della pelle solo dopo un attacco di panico (sto diventando come mia madre), per tamponare danni già fatti (queste macchie scure non c’erano il mese scorso) o, nel mio caso, dopo un commento di un collega di Seul, terribilmente schietto come solo gli asiatici sanno essere in fatto di immagine. Da loro, si va dal medico per non ammalarsi e l’unica motivazione a spronarli è il benessere di lungo corso della pelle. Non usano termini come “combattere” brufoli o rughe: non siamo noi contro qualcuno!».

A Charlotte è servita buona volontà per ritrovare splendore visto che la beauty routine coreana per il viso include dieci passi: «Ma non tutti i giorni! E quando si prende la mano ci vogliono dieci minuti. Ritrovate il piacere di un momento per voi, mica stiamo pulendo la cucina!», ci sprona. Tra questi step c’è la doppia detersione, rituale che condividono con le giapponesi: «Prima uno struccante a base d’olio e poi un detergente a base d’acqua», continua Charlotte, che insiste «chi ha la pelle mista non deve spaventarsi, l’olio è un alleato e rimuove trucco e sebo in maniera delicata». Oppure se ne usa uno naturale come oliva, argan, camelia e poi un sapone (al latte d’asina, di Aleppo con l’alloro), come spiega la francese Elodie-Joy Jaubert nel libro Sette riti di bellezza giapponese (Sonzogno), adatto a chi vuole applicare la teoria del “layering” (la paziente arte della stratificazione cosmetica) questa volta in soli, si fa per dire, sette passi. Il risultato sarà raggiunto, racconta l’autrice, quando qualcuno vi dirà che avete «la pelle come un mochi», compatta, setosa e candida come il dolce di riso giapponese. Più mochi, meno tiramisù.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
1

La bellezza orientale

Prodotti e rituali che arrivano dall'Asia insegnano a prendersi cura della pelle del viso.

Courtesy photos

2

Shiseido Ultimune Eye

Ricerca made in Japan. La formula hi-tech di Shiseido Ultimune Eye rafforza il sistema immunitario della pelle (65 euro).

Courtesy photos

3

Sensai Ultimate

The Cream è un trattamento ricco che dona vitalità con "Sakura Eternal Complex". Nel kit deluxe con The Emulsion e The Lotion (741 euro).

Courtesy photos

4

Erborian maschera Pâte au Ginseng

Dona elasticità alla pelle (da 17 euro, da Sephora).

Courtesy photos

5

Yves Saint Laurent Rouge Pur Couture

Questa è la Collector Kiss & Love Edition, nel tono Le Rouge (34,20 euro).

Courtesy photos

6

Vagheggi Phytocosmetici cipria

In polvere, in un tono universale, ha un effetto riempitivo e levigante (35,50 euro).

Courtesy photos

7

Vichy Ideal White Meta Whitening Essence

Unisce l'acqua termale a un complesso schiarente in una texture inedita che viene da Oriente (42,50 euro).

Courtesy photos

8

Sunday Riley Ceramic Slip Clay Cleanser

Purifica e minimizza i pori (35 sterline, cultbeauty.co.uk).

Courtesy photos

9

Plinest Care Peel

Un gel concentrato esfoliante e anti-aging che riduce le discromie e compatta la pelle (40,40 euro).

Courtesy photos

10

Fresh Sake

Questo profumo celebra i rituali delle geishe con un cuore di fior di loto (88 dollari, fresh.com).

Courtesy photos

11

Kenzo L'Elixir

Nel sinuoso flacone rosso un mix di mandarino, rosa bulgara e assoluta di vaniglia bourbon (da 65,50 deuro).

Courtesy photos

12

Cosme Decorte AQ Meliority Intensive Eye Cream

Una formula nata dall'expertise orientale per una zona troppo spesso trascurata (360 euro).

Courtesy photo

13

Lancôme Miracle Cushion

Un prodotto di ispirazione coreana che rende l'applicazione del fondotinta più semplice, garantendo la giusta dose di prodotto e copertura. Questa è la nuance Pure Porcelaine (48,50 euro).

Courtesy photos

14

Sk II Essential Power Cream

Stimola il rinnovamento della pelle (215 dollari, sk-ii.com).

Courtesy photos

15

Son & Park Beauty Water

Son e Park sono due makeup artist delle dive coreane: la loro Beauty Water deterge e idrata (30 dollari, sokoglam.com).

Courtesy photos

16

Altaia Yu Son

Yu Son è il titolo di un poema cinese: Il duo di nasi di Altaia lo traduce olfattivamente con note di tè verde, mandarino e iris (175 euro).

Courtesy photos

17

Rilastil Progression HD contorno occhi illuminante

Attenua i segni del tempo e distende lo sguardo (36,90 euro).

Courtesy photos

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Viso e corpo