Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy, che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra Cookie Policy, inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie. Accedi alla Cookie Policy.

Le donne intelligenti sono destinate a restare sole?

Una mente femminile molto brillante è percepita come una minaccia alla mascolinità.

Le donne intelligenti sono destinate a essere single?
Getty Images

Ne sono attratti, ma le tengono lontane. Eh sì, gli uomini temono le donne più intelligenti. Lo ha rivelato un'équipe di scienziati di tre atenei americani: University at Buffalo (New York), California Lutheran University (Thousand Oaks) e University of Texas(Austin). Secondo i ricercatori, gli uomini ne temerebbero il confronto e preferirebbero, quindi, donne meno brillanti.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Per arrivare a questo risultato gli scienziati hanno proposto due situazioni differenti a 105 uomini etero. Nel primo, ai partecipanti è stato chiesto di immaginare un appuntamento romantico con una donna, scegliendo tra una più o meno brava nel risolvere problemi di matematica. L'86% ha risposto di preferire le donne più intelligenti.

Nella seconda parte dell'esperimento hanno completato un test di intelligenza. Poi è stato detto loro che avrebbero incontrato una donna che aveva superato il test con un punteggio più alto. Gli uomini l'hanno valutata meno attraente e hanno mostrato meno interesse all'incontro. La ragione, secondo i ricercatori, sta nel fatto che gli uomini, avverteno l'interazione con una donna più intelligente come una pericolosa minaccia alla propria mascolinità.

Attenzione, però, uomini: stare con una donna più intelligente, secondo uno studio condotto in Gran Bretagna, può rivelarsi un tonico per il cervello maschile. Il professore Lawrence Whalley del College of Medicine and Life Sciences dell’Università di Aberdeen (Scozia) ha spiegato, infatti, che una continua stimolazione intellettuale aiuta a mantenere il cervello attivo e a prevenire patologie quali la demenza.

Credito foto: Getty Images

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute