Ecco quali sono i danni del fumo passivo

Come prevenire danni indiretti come malattie respiratorie croniche e disturbi cardiocircolatori.

rischi fumo passivo
Courtesy Photo

Sui danni che il fumo passivo produce ormai non sembrano esserci più dubbi. Sappiamo che chi viene esposto a lungo al fumo di sigarette altrui - soprattutto se ciò accade nella prima infanzia - può andare incontro a una serie di grossi problemi di salute a breve e lungo termine. È provato che il fumo passivo è uno dei fattori che aumenta il rischio di SIDS (Sindrome della Morte Improvvisa del Lattante) e che alla lunga può contribuire a fare insorgere malattie respiratorie croniche e disturbi cardiocircolatori. Inoltre, secondo quanto scoperto da uno studio della Brigham Young University di Salt Lake City, il fumo di seconda mano farebbe anche ingrassare.

Il 25% della popolazione italiana (il 52% dei bambini sotto i 2 anni) è esposto ai pericoli del fumo passivo e 8 cittadini su 10 non sanno che provoca il cancro del polmone. Il 71% fuma regolarmente in luoghi chiusi, mentre per il 43% smettere con le sigarette non riduce il rischio di sviluppare la malattia. Il livello di conoscenza sui fattori di rischio è scarso, infatti quasi la metà delle persone (48%) pensa che questo tipo di tumore non si possa prevenire. Una diffusa ignoranza che preoccupa, visto che il 49% dichiara di fumare in presenza di bambini e solo il 45% cambierebbe il proprio stile di vita per prevenire la neoplasia. Sono alcuni dei dati emersi da un sondaggio nazionale condotto dall’

Courtesy Photo

Ector The Protector Bear, promosso da Roche con il patrocinio di WALCE – Women Against Lung Cancer in Europe – e la collaborazione di Trudi, tossisce quando qualcuno fuma vicino a lui.

«Con circa 38mila nuove diagnosi ogni anno nel nostro Paese, il tumore del polmone è la terza neoplasia più frequente, dopo quelle al colon retto e al seno. Ma, a differenza di altre, si caratterizza per un forte stigma sociale. Infatti il 59% degli intervistati ritiene che chi è colpito dalla malattia, soprattutto se si tratta di un fumatore, sia colpevole della sua condizione. Ricordiamo che respirare sigarette, proprie e altrui, determina il 90% del totale dei decessi per tumore del polmone. E il fumo passivo è un importante fattore di rischio, che aumenta fino al 30% le probabilità di sviluppare la malattia. Ma, come risulta dal sondaggio, troppi ignorano le regole fondamentali della prevenzione. Per questo abbiamo deciso di promuovere un progetto nazionale rivolto a cittadini, oncologi e Istituzioni», spiega il professor Carmine Pinto, presidente eletto AIOM e Direttore Oncologia Medica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma.

L’AIOM ha previsto la diffusione in tutti i centri di oncologia della penisola di due opuscoli informativi: uno sui danni del fumo passivo (e attivo), da distribuire anche negli ambulatori dei medici di medicina generale, l’altro su come affrontare al meglio questa neoplasia, destinato ai pazienti e ai familiari. Il bisogno di informazione è molto alto: l’89% degli intervistati vorrebbe infatti ricevere maggiori notizie sulla malattia e per il 72% servono più campagne di prevenzione. Il fumo passivo rappresenta il principale fattore inquinante degli ambienti chiusi e provoca nel mondo oltre 600mila morti l’anno.

«Le sigarette possono trasformare il salotto di casa o l’abitacolo dell’automobile in vere e proprie camere a gas. Sarebbe opportuno estendere i divieti antifumo a tutti gli ambienti chiusi o troppo affollati come

Credito foto di apertura: Conac.cl

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute