Quando è meglio fare sport se si vuole dimagrire?

I consigli del personal trainer per bruciare più calorie.

image
Getty Images

La cronobiologia, nota per il riequilibrio alimentare, può anche migliorare le prestazioni sportive. Secondo questa branca della biologia che studia i fenomeni periodici negli organismi viventi e il loro adattamento ai relativi ritmi solare e lunare, infatti, nel giro di 24 ore le funzioni del corpo (temperatura, secrezioni ormonali, pressione sanguigna..), la forza muscolare, la reattività e la resistenza subiscono delle variazioni. E se fare gli addominali

Dalle 7 alle 8: allenamento soft. Al risveglio, i livelli di cortisolo, adrenalina e noradrenalina, gli ormoni dello stress, sono al massimo. Appena esce dal sonno il corpo "funziona" senza alcun apporto glucidico. Se si esagera si rischiano vertigini o malessere. Durante le prime ore della giornata la pressione sanguigna, che stimola naturalmente il muscolo cardiaco, aumenta. Inutile aggiungere altro!
L'attività ideale: le cosiddette ginnastiche dolci (tai chi, yoga...), nuoto e camminare da 20 a 40 minuti.

Dalle 12 alle 13: allenamento moderato. Intorno a mezzogiorno, poco prima di pranzo, gli ormoni che promuovono lo smaltimento dei grassi funzionano a pieno regime. I livelli di insulina sono bassi e le capacità motorie e di coordinamento sono ottimali. La colazione è stata fatta almeno da tre ore, quindi, non c'è nessuna interazione tra sforzo fisico e digestione, due attività che richiedono molta energia se avvengono a pochi minuti di distanza. Se si ha fame a metà mattina, un'ora prima di andare a fare sport, si può sgranocchiare una barretta proteica o della frutta secca. Questo permette dopo avere fatto sport di non essere esageratamente affamati e di fare un pranzo leggero ed equilibrato.
L'attività ideale: uno sport di intensità moderata (jogging, aquabike...) per un'ora. Non concentrarsi sul ritmo, ma sulla durata. Per 30 minuti dopo la seduta, i muscoli sono ancora "caldi", il metabolismo ancora alto, quindi, le calorie del pranzo saranno bruciate facilmente.

Dalle 18 alle 19: allenamento intenso. Con l'aumento della temperatura e della glicemia, la forza muscolare e l'ossigenazione sono al massimo delle loro possibilità. Non è un caso che proprio in questo lasso di tempo si registra la maggior parte dei record.
L'attività ideale: uno sforzo di intensità elevata (pesi, step, boxe...), da concludersi con 20 minuti di relax o stretching. Dopo le 19, quando il corpo comincia a essere a stanco, è meglio optare per uno sport di resistenza (bici, corsa...) sempre preceduto e seguito da stretching. Dopo le 20 ore, si entra nella fase del "no sport", perché l'eccitazione indotta dall'attività fisica può alterare la qualità e la durata del sonno.

Via marieclaire.fr

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute