Cosa mangiare e in quale momento della giornata per dimagrire

È finita l'era delle porzioni mignon, è tempo di cronoalimentazione.

image
Getty Images

Per dimagrire o mantenere il peso forma non sono necessarie porzioni lillipuziane, né frustranti privazioni, basta scegliere gli alimenti giusti nel momento giusto.

Magnesio (in ogni momento della giornata). Una delle sue principali funzioni è attivare alcuni enzimi del pancreas necessari per convertire l'energia dai cibi ingeriti. Traduzione: con 360 mg di magnesio al giorno si bruciano molte più calorie. Il magnesio aiuta a eliminare le tossine che ostacolano la lipolisi, ovvero lo scioglimento dei grassi. Le concentrazioni più elevate si trovano nel cacao amaro (410 mg / 100 g), nei semi di sesamo e di girasole(350 mg), nelle mandorle (270 mg), nelle nocciole (150 mg), nel cioccolato fondente (due quadratini = 130 mg), nel riso integrale(110 mg), nel pane integrale (90 mg) e negli spinaci (80 mg).

Tè verde (in ogni momento della giornata). Il suo alto contenuto di polifenoli, il suo 2% di caffeina e le catechine aumentano la termogenesi del 10%. Si possono bruciare fino a 200 calorie in più al giorno se se ne bevono da quattro a sei tazze.

Getty Images

Alcanizzarsi al risveglio. Venti minuti prima di colazione, bere un bicchiere d'acqua a temperatura ambiente con succo di limone. Alcalinizza, ripristina l'equilibrio acido-alcalino interrotto dall'acidità che si deposita nel corpo e che blocca la combustione dei grassi. Due volte a settimana, alternare con due cucchiaini di aceto di sidro di mela biologica. L'acido acetico che contiene stimola il sistema digestivo.

Getty Images

Sera. I germogli contengono la forza embrionale della pianta, forza vitale in grado di bruciare i grassi ed eliminare le tossine in eccesso. In particolare i germogli di betulla. Per problemi di gonfiore diluire 15 gocce di estratto di castagno ogni sera in un bicchiere d'acqua.

Dormire le ore "giuste". Avere un cattivo sonno ostacola il lavoro degli ormoni che informano il cervello circa il nostro fabbisogno energetico. Risultato: ciò che mangiamo non ci sazia e abbiamo quindi più fame. Il cortisolo, inoltre, stimola lo sviluppo del tessuto adiposo. Tradotto: da 300 a 500 calorie in più al giorno.

Pomeriggio e sera. Gli omega 3 (alghe, salmone, sgombro, pesce spada, acciughe, trota, semi di lino, noci...) producono una grande quantità di prostaglandine, sostanze che riducono l'infiammazione del tessuto adiposo. Uno studio ha dimostrato che si possono perdere 600 grammi di grasso in tre settimane assumendo 6 grammi di omega 3 al giorno.

Getty Images

Mai abbuffarsi. Moltiplicando il processo digestivo si aumenta del 30% il consumo energetico della giornata. In pratica: il pranzo e la cena devono avere razioni non esagerate, uno spuntino a metà mattina e uno a metà pomeriggio dove alternare un tè verde, una tisana, una manciata di mandorle, due quadratini di cioccolato fondente o uno yogurt.

Eliminare gli zuccheri raffinati. Gli zuccheri industriali innalzano rapidamente i livelli di glucosio nel sangue. La glicemia stimola la produzione di grassi saturi a partire da zuccheri, favorisce l'accumulo di grassi saturi nel tessuto adiposo e impedisce l'utilizzo dei grassi presenti nel nostro corpo.

Detossinarsi con il guaranà. I suoi attivi accelerano la combustione di calorie. Si tratta di una sorta di caffeina più concentrata (cinque volte più concentrata del caffè).

Via: marieclaire.fr

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute