Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo qui.

Arriva il congedo mestruale anche in Italia ed è cosa buona e giusta

Finalmente potremo avere tre giorni al mese di permesso per dismenorrea; in Giappone è previsto dal 1947...

Getty

Dismenorrea: una parola, mille tormenti. Tutti in rosa. È vero, da donne che ascoltano altre donne possiamo considerarci fortunate quando il ciclo mestruale si presenta cadenzato, puntuale, “rigoglioso”. Eppure, endometriosi a parte, se il ciclo fa rima con il concetto di essere donna in maniera più ancestrale, il ciclo-mestruale-doloroso va a braccetto con la nostra mensile dose di routine nera, una scala di grigi costante che spesso non lascia tregua. A soffrire di dismenorrea in Italia è una percentuale altissima: tra il 60 e il 90% delle donne. Dolori addominali, mal di testa, mal di schiena, umore nero, malessere articolare, mentale, cerebrale: non c’è antidolorifico che possa far scemare sintomi così insiti e puntuali nella nostra natura di donne. Ecco perché “quei giorni lì” sono difficili per tutte e non c’è abitudine o anzianità che tenga. Concetti semplici, ma non ancora condivisi da tutti, che hanno portato diverse nazioni ad adottare il cosiddetto congedo mestruale, un periodo "in più" cioè di malattia pagata che consente alle donne di astenersi dal lavoro durante le fasi del periodo mestruale. Un concetto portabandiera di progresso e sostenibilità sociale.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Getty

Così, mentre una frangia femminista è sempre più impegnata nel creare nuove forme di protesta a tema ciclo (vedi i tampax "manifesto" spediti a Trump) e una frangia ben più numerosa di donne si domanda quanto posticipare il ciclo alla lunga faccia bene, in Italia il dibattito sembra avere una cadenza da ciclo, appunto, con qualche spiraglio di luce: le deputate del Partito Democratico Romina Mura, Daniela Sbrollini, Maria Iacono e Simonetta Rubinato, sono le firmatarie cioè di una proposta di legge in discussione alla Camera dei Deputati sul congedo mestruale proprio in queste ore. Certo, è strabiliante pensare che in Giappone alcune aziende avevano adottato il “seirikyuuka”, cioè il congedo mestruale, addirittura nel 1947 e un anno dopo la stessa pratica era stata introdotta in Indonesia. Più recentemente, il congedo per le donne che soffrono di dismenorrea è stato adottato anche in Sud Corea (nel 2001) e a Taiwan (nel 2013) e, per dire, ci sono aziende che lo praticano anche in Italia (vedi alla voce Louis Vuitton). La speranza non ha mai fine.

Getty
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

La proposta di legge - Le donne lavoratrici che soffrono di dolori invalidanti durante il ciclo potranno stare a casa nei giorni in cui sono indisposte. Come si potrà fare domanda? Non tutte le donne ne potranno fare richiesta: la lavoratrice, infatti, deve presentare un certificato medico che attesti la dismenorrea. «Il congedo prevede fino a tre giorni di permesso al mese: in questo periodo la donna ha diritto ad avere il 100% della retribuzione. Non le verranno detratti i soldi dallo stipendio. Come prevede la proposta di legge, i giorni in cui si resterà a casa non possono essere equiparati ad altre cause di assenza dal lavoro, a partire dalla malattia: non deve esserci nessuna assimilazione tra i due tipi di permessi, né dal punto di vista retributivo né dal punto di vista contributivo. Il certificato va rinnovato ogni anno entro il 31 dicembre, mentre entro il 30 gennaio dell’anno successivo va presentato al proprio datore di lavoro».

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Salute