Un allestimento di arredi nella splendida cornice della Casa degli Atellani a Milano

Rivive l'eleganza quattrocentesca di un palazzo storico. Marie Claire Maison l'ha reinterpretata così, con mobili dalla raffinatezza senza tempo.

image
Lorenzo Pennati

La location: Casa degli Atellani a Milano. Cenni storici

Eccezionale scenografia del nostro shooting Arredo (vedi oltre), Casa degli Atellani è una solenne architettura del Rinascimento milanese, situata in Corso Magenta 65. Uno scrigno delle meraviglie, che racconta cinquecento anni di storia cittadina attraverso capolavori e aneddoti unici. La costruzione della sontuosa residenza si deve a Ludovico Sforza duca di Milano, detto il Moro, che volle edificare un quartiere elegante intorno alla Basilica di Santa Maria delle Grazie, per alloggiare i cortigiani più fedeli. Nel 1490 decise di donare l'abitazione alla famiglia Atellani e, pochi anni più tardi, regala la vicina vigna a Leonardo da Vinci, al quale aveva chiesto di rappresentare l'Ultima Cena nel refettorio del convento. Nei secoli successivi la proprietà passò più volte di mano; fino al 1919, quando fu acquistata dal senatore Ettore Conti, che ne affidò il restauro al genero, l'architetto Piero Portaluppi. Il geniale progettista dell'alta borghesia milanese visse qui a lungo, trasformando i due appartamenti originari in un unicum. "Ha disegnato tutto ad hoc, dal cancello con il motivo dell'orifiamma ai pavimenti decorati. La sua regia è stata talmente accurata da rendere difficile l'individuazione degli elementi autenticamente rinascimentali da quelli riprodotti", spiega Jacopo Ghilardotti, autore del libro La casa degli Atellani e la Vigna di Leonardo (Rai-Eri).

Tra i suoi tesori citiamo la Sala dello Zodiaco: un'immersione nell'universo astrologico affrescato nel Cinquecento dagli Avogadro di Tradate; lo studio di Ettore Conti, con boiserie secentesche; la Sala dello Scalone, ricca di manufatti collezionati dallo stesso Portaluppi.

Anche il giardino rispecchia il disegno originario, compresi i vitigni di Malvasia ripiantati e aperti alle visite − assieme al resto del complesso, tuttora abitato dagli eredi Conti − nel 2015. vignadileonardo.com

L’ingresso di Casa degli Atellani e della Vigna di Leonardo. Attraverso il cancello in ferro battuto, disegnato da Piero Portaluppi con l’iconico motivo dell’orifiamma, s’intravede il primo cortile.
Lorenzo Pennati

Da sinistra, panchetta, da Raimondo Garau, cm 90x75x45h, €900, e tavolino Emily, nella finitura oro lucido, Jumbo Collection, cm 49Øx75h, €4.130. Poltrona Fringes, Munna, distr. Urban mint, cm 94x85x90h, €3.590; sopra, cuscino firmato Gucci Décor. Coffee table Dedalus, con top in onice bianco, di Jumbo Collection, cm 65x65x70h, €8.180; sul piano, sfera in pietra, da Studio Dimore Collection. Nella libreria: vasi in porcellana della dinastia Qing (anche a destra), da Mario Consolo, €732 l’uno. Divano in velluto Norman, di Zanaboni, cm 245x105x97h; ai lati, cuscini di Zanaboni; cuscino in tessuto Alumnus, Dedar, cm 315h, €200/m; cuscino rettangolare in velluto rosa, di Gucci Décor. Coppia di tavolini Yari, Flou; sul primo, posacenere da Studio Dimore Collection; calici Gala Prestige, Versace Home, distr. Rosenthal; vaso in cristallo Madison, Christofle. Nella libreria, zuppiera in porcellana, da Atelier Bellinzona. Pouf Fringes, di Munna, cm 50x50x50h, €1.330. Poltrone in velluto Club, Poltrona Frau, cm 79x80x68h, €4.400 cad; plaid Biella Frange, di Masserano, €710. Consolle modello T108, in ottone, con piano in marmo, di Zanaboni, cm 140x45x80h; appoggiati, bottiglia Lago, in vetro di Murano, Armani/Casa, cm 135Øx17h, €480; scatola dai motivi a rilievo in oro e bronzo, da Mario Consolo, cm 44x29x25h, €1.830.
Lorenzo Pennati

Candelabro con palchi di cervo e base in bronzo, Atelier Klaus Dupont, cm 66h, €4.400 la coppia; vaso in vetro soffiato Opalino, di Venini, cm 17Øx36h, €590; contenitore in porcellana, Jonathan Adler, su Yoox.com; obelisco in cristallo di rocca con elementi in bronzo, di Atelier Klaus Dupont, cm 30h, €3.800; alzata portafrutta Ottavia, in vetro di Murano, Fendi Casa, distr. Luxury Living, cm 40Øx32h, €2.574. Come cornice: tessuto Hermoso, in viscosa e cotone, Casamance, cm 136h, €93/m.
Lorenzo Pennati

Sedie in velluto Sofia, Paolo Castelli, cm 49x60x91h. Tavolo in ottone, acciaio e specchio, Anni 70, da Robertaebasta, cm 127Øx77h; sul piano, vaso Gold Leaf, di Vetrerie di Empoli, cm 32Øx50h, €2.226; fiori da Numero 9; vaso I Heart Baroque, Versace Home, cm 34h, da €320; sfera Onyx, in onice giallo, di Fendi Casa, da €2.575 la coppia. Panchetta in ottone, da Raimondo Garau, €650.
Lorenzo Pennati
Da sinistra, vaso in porcellana Clair de lune, Cina, dinastia Qing, da Mario Consolo, cm 25Øx55h, €4.880. Tappeto Versailles, in lana e seta, coll. Modern Classic, Golran, cm 360x250, €10.400. Dormeuse Orus, con rivestimento in velluto, Paolo Castelli, cm 165x68x83h; sopra, plaid Biella Frange, di Masserano, cm 140x195, €710; cuscino in cotone Erbusco Mopane, coll. Black Edition di Romo, cm 50x50, €134; vassoio Vanity, di Riviere, cm 16x32, €370; calice Mille e una notte, NasonMoretti. Lampada da terra Temi, con paralume in fusione di bronzo, di Laudarte, cm 60Øx188h, €2.608. Side table in ottone Embrace (anche a destra in ottone), Ginger & Jagger, distr. Urban mint, cm 50Øx71h, €1.460; sopra, corno di orice africano, Atelier Klaus Dupont, cm 105h, €5.900 la coppia. Paravento Mirror, con specchio sulle ante, di Heritage Collection, distr. Luxury Living, cm 245x200. Pouf in nabuk I20/P, linea Gondola, Arte Veneziana, cm 100x100x40h; sopra, cuscini in velluto Carré, collezione Vision, l’Opificio, cm 43x43, €169 cad. In primo piano, di Armani/Casa, tavolino in rovere vintage Melrose, cm 100Øx38h, €7.900; sul top, scatola tonda Déco, in argento, da Ganci; vaso Samarcanda, di NasonMoretti; lampada Alluminia, di G Lab, cm 60h, €390; portagioie, di Fendi Casa, e scatola per scacchi in silver-plated, da Ganci.
Lorenzo Pennati

Tappeto Agata, Golran, cm 300x200, €2.930. Scrittoio Proust, Oasis, cm 145x58x85h; quaderno di Pinetti; lente di Walking Sticks; portacandela di Gucci Décor; portapenna La Piuma, da Ganci, €400. Nella libreria dall’alto: Nautilus di Atelier Klaus Dupont, €2.000; orologio da tavolo di F.lli Consonni, €302; barboncini in porcellana, da Atelier Bellinzona; gru con obelisco di Atelier Klaus Dupont; vaso di Jonathan Adler. Sedia di Angelo Cappellini, €3.437; con cuscino in velluto Carré, l’Opificio, cm 33x33, €135. Pouf in nabuk Zeno, Zanaboni, cm 45Øx50h.
Lorenzo Pennati
Cuscino in velluto, di Gucci Décor; quaderno di Pinetti; portasigarette da Ganci; stilografica Antonio Canova, Montegrappa, €2.100; portacandela in porcellana Richard Ginori, di Gucci Décor; gru con obelisco di ametista, Atelier Klaus Dupont, cm 42h, €3.200; cuscino Carré, l’Opificio. Cornice: tessuto Alumnus, Dedar, €200/m.
Lorenzo Pennati
Pubblicità - Continua a leggere di seguito