Fabrice Juan, allievo di Jean-Louis Deniot, ristruttura un appartamento a Parigi

Look tutto nuovo: luminosi spazi aperti, decorazione eclettica e una collezione d’arte astratta dal piglio cosmopolita.

image
Stephan Julliard

Nella fotografia in alto, la sala con sedute disegnate da Fabrice Juan: il divano è rivestito in tessuto Carson, la poltrona in Tweed, entrambi di Nobilis; tavolo centrale bespoke; side table Promises, di Wendell Castle, da Carpenters Workshop Gallery, come la consolle qui sotto, DC1713, di Vincenzo de Cotiis. A parete, Lumière, opere gemelle, Hitomi Uchikura.


Ricorre in ogni locale una sapiente alternanza di forme tondeggianti e squadrate: studiato contrasto, fonte di dinamismo

Viali alberati, il lungofiume, i landmark del paesaggio parigino che svettano sull'intersecarsi dei tetti. Il XVI arrondissement è uno dei luoghi più affascinanti dell'intero pianeta, nonché il quartiere privilegiato della ricca borghesia cosmopolita. Qui, a pochi passi dal Musée Guimet, sorge anche questo pied-à-terre haussamanniano: trecentottanta metri quadrati disposti su due livelli, di proprietà di un facoltoso uomo d'affari delle Filippine con famiglia. La ristrutturazione è stata affidata a Fabrice Juan, allievo del guru dell'interior designer Jean-Louis Deniot.

Sedute e coffee table abbinato, tutto di Fabrice Juan; il tavolino tra le poltrone è Saving Grace, firmato Wendell Castle; lampade modello Dunn, di Arteriors. Camino in ceramica con, a muro, Miroir Froissé JC, Mathias Kiss, scultura di Wouter Hoste e portacandele di Delatour Design Lab. Tappeto XL di Stepevi.
Stephan Julliard

Consolle di Marc de Berny, con vaso da Asiatides e lume Nico, di Arteriors, come i due lampadari Ramirez. Le opere d’arte: a sinistra, tela Untitled (Transfer), Anne Neukamp; a destra, 2007, Hannover (Phosphorbrandbombe), Adam McEwen; sul fondo, sculture di François Stahly. Pavimento in marmo di Carrara e Nero Marquina.
Stephan Julliard
Credenza su misura con lampade Culloden, Circa Lighting.
Stephan Julliard
Fabrice Juan.
Stephan Julliard



Poltrone bespoke e coffee table di Marc de Berny.
Stephan Julliard

«Nonostante i due precedenti restyling, eseguiti negli anni Ottanta e Novanta, le potenzialità della residenza non erano state sfruttate al meglio e la rendevano un luogo senz'anima», confida Fabrice. Il suo intervento ha puntato ad aprire gli spazi, eliminando molte pareti divisorie per lasciare scorrere la luce naturale. La zona living è diventata il cuore pulsante della casa, in un libero fluire di sala da pranzo, salone centrale e home cinema, decorati con pezzi di design da tutto il mondo: dal vintage italiano di Vincenzo De Cotiis ai lampadari di Kelly Wearstler. Il professionista stesso ha firmato alcuni interventi architettonici (il camino in ceramica), oltre a una sofisticata serie di arredi, in una composizione che alterna garbatamente sinuosità e nette linee ortogonali.
E non poteva mancare un tributo concettuale agli anni Settanta (epoca di grande fervore, particolarmente amata da Fabrice), costituito dalle sue poltrone gemelle ispirate a un celebre modello di Pierre Cardin.

Panca bespoke; wallpaper Intona, Villa Nova; tendaggi in tessuto Shiso firmato Lelièvre.
Stephan Julliard


Tavolo su disegno (con vasi Lichen, Sandra Zeenni) e sedie di Marc de Berny, in velluto Pierre Frey, modello George; chandelier Strada, Kelly Wearstler; qui sotto, Wind Study (Hilbert Curve), tela di Jitish Kallat.
Stephan Julliard

«Ho affidato la produzione dei mobili custom-made solo ad aziende francesi. Pur essendo per metà italiano, da parte di madre, sostengo l'inimitabile savoir-faire del mio Paese», dichiara con orgoglio. E per le finiture di porte e soffitti ha coinvolto gli artigiani che hanno collaborato alla realizzazione della chiesa ortodossa visibile dall'appartamento, la Cathédrale de la Sainte-Trinité. In questa atmosfera di confortevole eleganza, il rovere laccato dialoga con velluti e lane bouclé, il parquet accoglie soffici tappeti e l'ottone di certi dettagli si specchia sui pavimenti in marmo, materiale che ritorna sulle lampade e sui tavoli ornati da una raccolta di porcellane. I quadri della collezione privata sono disseminati lungo gli ambienti, con una predilezione per l'astrattismo di autori della scena internazionale (Asia compresa), mentre intriganti geometrie si sintonizzano sul décor diventandone coprotagoniste, come nel caso dei pannelli in carta lavorata a sbalzo del giapponese Hitomi Uchikura. In una sequenza studiatissima, degna di una galleria d'arte.

Gli arredi della camera padronale sono tutti su progetto, con lampade gemelle Babette, design Aerin per Circa Lighting. Tendaggi di Maishaa; tappeto in fibra vegetale, Ateliers Picot. L’opera sopra il letto è un acrilico su tela della pittrice Désirée Engelen, mentre il quadro a destra è Sans titre, di Guy Leclercq.
Stephan Julliard
Pubblicità - Continua a leggere di seguito