In Costa Azzurra la villa realizzata da Andrzej Zarzycki

Una casa abbracciata dalla vegetazione provenzale, dove ogni dettaglio invita a vivere vacanze di appagante serenità.

image
Richard Powers

Nella fotografia in alto, la piscina a sfioro in granito Nero assoluto riflette la dolcezza del paesaggio mediterraneo. A sinistra, i carpini bianchi sono allineati per definire lo spazio del parco. Sul fondo, oltre il patio, spiccano invece filari di cipressi e un pino silvestre accostato a un olivo, in uno studiato layout geometrico.


Come un diamante incastonato tra le mura medievali, Saint-Paul-de-Vence è un gioiello nell'entroterra della Costa Azzurra. Patria d'elezione di intellettuali quali Jacques Prévert e Marc Chagall, ma pure romantica scenografia della storia d'amore tra Yves Montand e Simone Signoret, il borgo domina il paesaggio collinare mediterraneo, che in lontananza sfuma fino alle vette alpine del Mercantour. Qui, su un'altura, sorgeva una struttura degli anni Cinquanta, circondata da ulivi e cipressi. Innamorarsi del panorama idilliaco è stato facile per una coppia londinese in fuga dalle piovose estati inglesi, alla ricerca di una residenza in cui riunire per le vacanze gli amici, oltre alla famiglia, e che potesse divenire in prospettiva un buen retiro. La raggiungibilità del paese a piedi, l'esposizione al sole da mattina a sera, nonché la possibilità di abbracciare con lo sguardo il mare sono stati elementi decisivi nella scelta.

Arredi ideati da Andrzej Zarzycki, in tessuto Natté Charcoal 10063, e tendaggi in Velum Natural VLM 2000, tutto Sunbrella.
Richard Powers

Opera dal titolo Now Close Your Eyes, di Garry Fabian Miller, da HackelBury Fine Art, a Londra. Applique dello studio Collett-Zarzycki, in metallo e pergamena.
Richard Powers

«L'edificio, tuttavia, appariva obsoleto e inadeguato. I proprietari mi hanno così affidato l'incarico di ripartire da zero, per realizzare una nuova abitazione. È stata un'esperienza esaltante; avevo già lavorato per loro, sia a Londra sia in campagna, e conoscevo alla perfezione le esigenze», racconta Andrzej Zarzycki dello studio Collett-Zarzycki (sempre nella capitale del Regno Unito), curatore del progetto in ogni dettaglio: dall'architettura all'interior & garden design. Il risultato è una prestigiosa villa dal tetto a coppi, che rievoca esteriormente il tipico casale country del sud della Francia. All'intonaco dei muri è stata aggiunta ad arte della ghiaia, per donare un gradevole mood rustico. Zarzycki è partito dal layout, fissando la funzione dei singoli ambiti. «È una costruzione anticonvenzionale, perché l'ingresso è al livello superiore, in cui sono collocate la camera padronale e un'altra stanza da letto».

Sofà modulabili Wall, Living Divani, rivestiti in tessuto Alabama; sedie danesi anni Cinquanta; coffee table gemelli, design Andrzej Zarzycki; portariviste vintage, dal marché Paul Bert Serpette, Parigi. Tappeto Knots Abstract, di Knots Rugs. Qui sotto, sulla parete, Untitled, foto firmata Walead Beshty.
Richard Powers

La scalinata in pietra locale che conduce alla piscina.
Richard Powers

Tavolo bespoke dal top in legno africano Zebrano e base in acciaio creata da Paul Jobst; vasi di Jesse Wine; sedie scandinave anni Cinquanta, di Niels O. Møller; chandelier Seventies, Angelo Lelli; a parete, fotografia Jemma Black Slip, Richard Learoyd e, sullo sfondo, il dipinto Untitled, John Virtue
Richard Powers

Al piano terra – dove la zona notte prosegue con altri tre locali destinati agli ospiti – si accede attraverso una scala in pietra calcarea estratta nella vicina cava di La Sine, completata da una raffinata balaustra in ferro battuto forgiata dal maestro artigiano Paul Jobst: immette direttamente nel salone, che senza barriere si prolunga verso il dehors. Come nell'antichità, i soffitti sono altissimi (fino a sette metri e mezzo), trasmettendo una sensazione di luminosa vastità. La palette spazia dal bianco delle pareti al beige dei tessuti sui divani, passando per i toni più scuri declinati nel rovere del parquet e nel teak della vasca da bagno freestanding; flash di colore si accendono solo sugli artwork.

La residenza vanta un panorama spettacolare sul villaggio, fino alla linea costiera, godibile anche dalle terrazze della camera padronale al primo livello e dai saloni e dehors al piano terra. Le siepi di bosso e mirto seguono un disegno grafico, mentre il perimetro della casa è sottolineato dagli ulivi.
Richard Powers

Scrivania su progetto, con scultura di Salvatore Arancio e lampada Snoopy, di Achille e Pier Giacomo Castiglioni, Flos; sedia anni Cinquanta e, sul terrazzo, chaise-longue Roger, Unopiù.
Richard Powers

Vasca in teak stile Giappone, di William Garvey; dipinto dell’artista aborigeno australiano Freddie Timms; a soffitto, scultura cinetica dello spagnolo Manuel Marin.
Richard Powers
Nella camera degli ospiti, letto tailor-made in rovere e coppia di lampade vintage, Flos. Il tappeto, realizzato in un cotone di estrema morbidezza, è di Coral Stephens, azienda nello Swaziland. Sulla parete, le quattro opere fanno tutte parte del portfolio Cheerleaders, di Gary Hume per Louis Vuitton.
Richard Powers



Affacci e passaggi verso l'esterno si aprono ovunque, seguendo una dinamica fluidità per onorare la vera protagonista: la natura, in una sorta di affettuoso tributo alla memoria dell'infanzia africana di uno dei coniugi padroni di casa. Le siepi di bosso e mirto disegnano rigorosi grafismi e sul lato meridionale baciato dal sole affiancano l'articolato sistema di terrazze che digrada verso la piscina a sfioro, costruita in granito Nero assoluto, citazione contemporanea delle tradizionali cisterne per la conservazione dell'acqua negli uliveti. Immergendosi in questo colore profondo e suggestivo, si suggella un'unione simbiotica con l'ambiente circostante, mentre il patio elegantemente arredato con i mobili concepiti dallo stesso Andrzej – rilassanti sofà e chaise-longue – invita all'ozio creativo.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito