Trionfo del made in Italy in una residenza ad Amsterdam

Un progetto di Ruud van Oosterhout, che sceglie illustri marchi del nostro paese per ambienti di limpida raffinatezza.

verne photography, marc heldens, ruud van oosterhout, emanuela mastropietro, casa amsterdam, marieclaire maison italia, febbraio 2021
Verne Photography

Nella foto, il soggiorno all'insegna del relax, con il sofà e i pouf Landscape, Piero Lissoni per DePadova; plaid di Teixidors; side table Pek in ottone, Meridiani. Tavolo linea Bourgeois e sedute Colette, tutto di Baxter; sospensione Universe Square, Quasar. Tappeto in seta Bruut, Ruud van Oosterhout Design.

Fuori, una facciata ottocentesca di mattoni rosso cupo, dichiarata monumento nazionale per le sue finestre a mosaico dagli elaborati motivi floreali, le torrette e gli abbaini, le balaustre in ferro battuto. All'interno, forme pulite al servizio di un'eleganza razionale, espressione di massima sobrietà. Varcare la soglia di questo appartamento nel centro di Amsterdam, a poche centinaia di metri dal quartiere dei musei, è come entrare in un tunnel spazio/temporale, intraprendendo un emozionante viaggio visivo tra due universi decorativi antinomici. Artefice dell'esperienza è Ruud van Oosterhout, interior designer e fondatore dello studio omonimo nella stessa metropoli olandese, nonché creatore di una linea di mobili e accessori battezzata Bruut, il quale ha curato il restyling della residenza affacciata sul celebre Rijksmuseum. «Il padrone di casa si è trasferito qui di recente assieme alla famiglia. Businessman forte di una carriera internazionale e innamorato della città, desiderava una dimora con un passato prestigioso, da arredare all'insegna di una raffinatezza discreta», confida.

Nell’ingresso dal pavimento in rovere, specchio Marlene, di Baxter, come il pouf Anais disegnato da Draga & Aurel; sulla parete che fronteggia la scala di fine Ottocento, foto del duo olandese Zuijderwijk/Vergouwe.
Verne Photography

Nella cucina tailor-made, realizzata dall’azienda Nieuwkoop International su progetto di Jen Alkema, sospensione in vetro e metallo, di PSLab.
Verne Photography

Le linee sinuose del tavolo Bourgeois e delle sedute Colette, Baxter, contrastano con le geometrie rettilinee della sospensione Universe Square, di Quasar, e della tela Looking through from two sides, firmata Malin Persson. Vaso Gobi, Quasar, accostato ai piatti di Michael Verheyden, RVO Design.
Verne Photography

I duecentosettanta metri quadri su due dei quattro piani dell'edificio – disegnato nel 1898 da Eduard Cuypers – possedevano tutte le caratteristiche richieste; merito anche dell'ultimo brillante intervento strutturale a opera dell'architetto Jen Alkema, in collaborazione con l'impresa Nieuwkoop International.

La luce candida del Nord filtra dalle vetrate originarie in mosaico e trova un’eco nei divani completati dai pouf, tutto linea Landscape, design Piero Lissoni, DePadova; a sinistra, la celebre lampada Studio 76 in alluminio e acciaio, con treppiede, di Fortuny; qui sotto, mobile a muro bespoke.
Verne Photography

Sollecitato dai precedenti proprietari e convinto assertore della riduzione purista, Alkema aveva concepito un sistema invisibile di vani chiusi e armadi a muro su misura, spogliando i volumi del superfluo. «Su una tale base idealmente neutra, il mio progetto si è innestato in modo quasi spontaneo trovando l'equilibrio tra estetica e comfort», riprende Ruud van Oosterhout. Il risultato è uno spazio caratterizzato da inappuntabile rigore formale, a tratti minimalista, dove l'apparente semplicità è il frutto di un sapiente labor limae. Nell'ampio living sono scolpite con precisione millimetrica geometrie dai contorni netti, mosse da studiate sinuosità. Il mood austero è controbilanciato da rivestimenti sontuosi: rovere pregiato sui pavimenti (a donare un senso di intimità e a completare la palette sussurrata), seta per i tappeti; le sospensioni sono in cristallo, protagoniste di scenografie luminose che competono in bellezza con la luce speciale dell'esterno.

Tavolino Pek, Meridiani. Sul mobile in noce, di Ruud van Oosterhout, da sinistra: vasi in vetro soffiato Koonam, Guaxs; set caraffa e bicchieri di Ruud van Oosterhout; accessori in ottone, da Nijhof Wonen; fotografia di Bastiaan Woudt, da Kahmann Gallery; lume modello Atollo, Vico Magistretti per Oluce.
Verne Photography

verne photography, marc heldens, ruud van oosterhout, emanuela mastropietro, casa amsterdam, marieclaire maison italia, febbraio 2021z
Lo studio con scrivania custom-made in legno e metallo abbinata a una coppia di Aluminium Chairs, di Charles & Ray Eames, Vitra; sospensione Bolle in cristallo e ottone brunito, Gallotti&Radice; a parete, una creazione tessile con intarsi in pelle della fashion designer Fong Leng.
Verne Photography
verne photography, marc heldens, ruud van oosterhout, emanuela mastropietro, casa amsterdam, marieclaire maison italia, febbraio 2021z
Un ritratto di Ruud van Oosterhout, autore del progetto di interiors.
Verne Photography

Assecondando i desideri del committente, il decoratore ha privilegiato pezzi contemporanei, in prevalenza firmati dai grandi nomi del nostro Paese, tra i quali spiccano Baxter con un assolo nella zona pranzo, Meridiani − che esibisce raffinati tavolini − e DePadova per i divani del soggiorno. «Apprezzo moltissimo il made in Italy, inimitabile nella capacità di coniugare forme raffinatissime e funzionalità», conclude Ruud. Un'ode al savoir-faire tricolore, prezioso alleato in un concept di sofisticata eleganza urbana.


Il pannello murale in rovere laccato riscalda la palette declinata nei toni del grigio e bianco. Letto di Nilson vestito con biancheria di Mirabel Slabbinck; sui comodini bespoke, luci Array, CTO Lighting; tappeto di Frankly Amsterdam. Nel bagno, doccia e rubinetteria del brand danese Vola.
Verne Photography

Leggi anche:

Il restyling di una residenza storica ad Amsterdam
Una grandiosa residenza ad Amsterdam

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito