Una tenuta fiamminga, tra green e design

Prati vellutati, aiuole spettinate ad arte e specchi d’acqua. Una residenza in Belgio sfoggia il suo parterre verde, firmato dai più grandi nomi della landscape art.

mireille roobaert, elena luraghi, le zoute, dominique eeman, hans de keyser, case, marieclaire maison marzo 2021
Mireille Roobaert

Vista prato e piscina, la sala sfoggia pavimenti in doghe di rovere, realizzati da Ebony and Co. Sofà Extrasoft, Piero Lissoni per Living Divani; tutti i tavolini sono bespoke. Sulla parete vicino al camino, dipinto del duo Gilbert & George; a destra, l'artwork a "T" è firmato da John Baldessari.



Un rifugio dorato per rigeneranti vacanze a tutto relax. Tra superfici cocoon, mobili essenziali e tonalità protettive



A meno di due ore da Bruxelles, Le Zoute – distretto nella cittadina di Knokke-Heist – è considerata la Saint-Tropez del Belgio: luce nordica, nubi teatrali, spiagge sabbiose e residenze sontuose protette da oasi verdi private, che portano la firma di paesaggisti celebri. Come questa villa di vacanza, originaria degli anni Sessanta e acquistata di recente, arredi inclusi, da una coppia con due figli.

L’ingresso della villa, con la dépendance che accoglie anche una camera per gli ospiti. La vasca, disegnata dal paesaggista Dominique Eeman, è in Belgian Blue Stone; al centro, un Osmanthus Aquifolium circondato da carici e sullo sfondo alti pini neri, naturale barriera visiva a tutela della privacy.
Mireille Roobaert
La cucina inondata di luce e affacciata sul giardino attraverso una vetrata scorrevole a tutta altezza. Nel progetto custom-made, l’isola è completata dalla serie di sgabelli in legno e pelle Laia, del brand Alki. La zona bar è allestita con un suggestivo bancone in Corian retroilluminato.
Mireille Roobaert

La dimora è immersa nella suggestiva cornice green ideata da Jacques Wirtz (fiammingo di fama internazionale, autore del giardino belga all'Expo di Osaka, nonché di quello dell'Eliseo a Parigi) e rivitalizzata dal talentoso Dominique Eeman, che per nulla intimorito dall'illustre predecessore non ha esitato a sostituire le siepi démodé con prati vellutati e aiuole spettinate di Sesleria Autumnalis, simili all'erba che cresce spontanea sulle dune costiere: «Creano prospettive aperte, scandite da eleganti passerelle in mogano e specchi d'acqua dove si riflettono le brume dal cielo», precisa.

Il soggiorno è annunciato dalla cantina in vetro anti UV; sofà Extrasoft, di Living Divani.
Mireille Roobaert

Tavolo di Olivier Lempereur; Saarinen Executive Chairs, Knoll; luci di Kreon. Il muro frontale è in pelle, mentre le boiserie firmate da Lison de Caunes sono in fibra vegetale ottenuta dalla paglia essiccata.
Mireille Roobaert

Lo stesso ritmo lineare domina gli spazi indoor, già in passato oggetto di un importante restyling, voluto (come per il parco) dal precedente proprietario, il fotografo Guillaume Roemaet. Sotto la sua regia, l'architetto Hans De Keyser aveva lavorato sulla parte strutturale, aggiungendo superficie al ground floor (i livelli in totale sono tre, più il seminterrato che accoglie la palestra), ampliando le vetrate a favore del dialogo in/out e modificando il tetto: al posto delle tegole esibisce ora una copertura spiovente in paglia, rimando ai fiabeschi cottage di campagna. Sul layout è poi intervenuto Olivier Lempereur; l'interior designer brussellese ha scelto una sequenza di elementi sartoriali, dalla camera padronale accessibile attraverso una scala indipendente (prima l'ingresso era su un corridoio comune) alla cantina high-tech, preludio al soggiorno spalancato sul patio. Le campiture chiare del pavimento in rovere sono ravvivate dal luccichio delle colonne metalliche, generatrici di riverberi argentei che cambiano intensità al mutare del sole. Nelle ore buie entra in funzione l'impianto domotico pensato per un'illuminazione diffusa, anche dal basso verso l'alto.

La camera padronale al primo piano, di pura ispirazione sartoriale, è un rilassante scrigno candido. La testiera è in nabuk chiaro e poggia su una boiserie in legno scuro, decorata con un’opera di Guillaume Roemaet; dietro, si apre una cabina armadio. Il soffice maxitappeto è di Didden and Co.
Mireille Roobaert

Autentico coup de théâtre è la sala da pranzo. Il tavolo brunito dal piano in Corian effetto cemento è esaltato dal gioco materico delle boiserie in pelle e fibra ottenuta dalla paglia (essiccata e smaltata a mano, secondo una tecnica in voga nel primo Novecento), mentre scenografici pannelli specchianti a soffitto animano i momenti conviviali. «È il corner più gioioso di un'abitazione sorprendente: l'abbiamo amata fin dal primo istante», spiega la padrona di casa. D'accordo con il marito, ha scelto di non toccare nulla del décor preesistente, a partire dalle fotografie XL di Roemaet che si impongono ovunque. Bagni compresi.

This content is created and maintained by a third party, and imported onto this page to help users provide their email addresses. You may be able to find more information about this and similar content at piano.io
Pubblicità - Continua a leggere di seguito