La nostra guida ai luoghi segreti di Milano: venti tappe per un tour molto speciale

Biblioteche, cappelle, palazzi e chiese minori, inseguendo la bellezza nascosta.

image
Rielaborazione grafica di Silvia Reppa

1) Albergo Diurno Venezia Atmosfere Déco

Il complesso termale sotterraneo firmato da Piero Portaluppi fa rivivere l'eleganza anni Venti. Superlativa la sala del barbiere.

• Piazza Oberdan 3, faidiurno@fondoambiente.it

2) Archivio Storico della Ca’ Granda – Nuovi percorsi

Da poco svelati al pubblico: il Sepolcreto e le altre sorprese dell'antico Consiglio di amministrazione dell'Ospedale Maggiore, del 1637.

• Viale Francesco Sforza 32, arsemilano.it

3) Biblioteca Ambrosiana – La poesia della carta antica

La Sala Federiciana della Pinacoteca, inaugurata dal cardinale Federico Borromeo nel 1609, custodisce le librerie colme di manoscritti di una delle biblioteche più antiche al mondo. Tra i must: Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci e Canestra di Frutta di Caravaggio.

• Piazza Pio XI 2, ambrosiana.eu

La Biblioteca Ambrosiana.
Courtesy photo

4) Biblioteca nazionale Braidense – Salone d'onore

Annessa alla Pinacoteca e all'Accademia, la biblioteca − del 1776 − cela la straordinaria Sala Maria Teresa, disegnata da Giuseppe Piermarini, con lampadari in cristallo di Boemia e molti manoscritti, tra cui quelli di Alessandro Manzoni.

• Via Brera 28, b-brai.didattica@beniculturali.it

5) Cappella Portinari – Cromie divine

Nel complesso di Sant'Eustorgio, questo gioiello quattrocentesco a pianta quadrata accoglie un ciclo di affreschi di Vincenzo Foppa. La solenne cupola è decorata con scaglie policrome colorate a fasce concentriche, per rappresentare l'irradiarsi della luce divina.

• Piazza Sant'Eustorgio 1, santeustorgio.it

6) Casa degli Atellani – Pura milanesità

La dimora acquistata nel 1490 da Ludovico il Moro e poi passata di mano in mano, fino al restauro firmato da Piero Portaluppi − architetto della borghesia milanese − regala un incredibile spaccato di storia cittadina. Punte di diamante: la Vigna di Leonardo e la Sala dello Zodiaco, con i segni raffigurati in senso orario nelle lunette.

• Corso Magenta 65, vignadileonardo.com

7) Casa Verdi – Accenti musicali

Dimora voluta da Giuseppe Verdi per i musicisti a fine carriera, con i cimeli del maestro, che riposa nella cripta Liberty.

• Piazza Buonarroti 29, casaverdi.it

Un’opera d’arte a Casa Verdi.
Marco Passi


8) Cimitero Monumentale – Stile eclettico

È un museo di sculture a cielo aperto. Imperdibili: il famedio dei milanesi illustri e la tomba di Antonio Bernocchi.

• P.le Cimitero Monumentale, comune.milano.it

9) Cripta del Santo Sepolcro – L'ombelico della città

Indicata nel Codice Atlantico come il vero centro di Milano, serba le reliquie riportate dai Crociati. In più, conserva i pavimenti dell'antico Foro romano.

• Piazza Santo Sepolcro, arse@milanocard.it

10) Fonderia Napoleonica Eugenia – Età del bronzo

L'imponente Fonderia del 1806 ospita un museo dedicato alla storia dell'arte fusoria, con un carroponte da dieci tonnellate e i forni utilizzati per realizzare molti capolavori, dalle campane di San Marco a quelle di Santa Maria del Fiore.

• Via Thaon di Revel 21, fonderianapoleonica.it

11) Palazzo Clerici – Affreschi e arazzi

A soffitto nella Galleria degli Arazzi (detta del Tiepolo), il palazzo secentesco custodisce il capolavoro rococò Corsa del carro del Sole, affrescato da Giambattista Tiepolo nell'anno 1741 .

• Via Clerici 5, ispionline.it

Dettaglio a Palazzo Clerici.
Courtesy photo

12) Palazzo Isimbardi – Tiepolo privato

Tra i tesori dell'edificio risalente al XVI secolo − oggi sede della Città Metropolitana − c'è l'Apoteosi di Angelo della Vecchia nel segno delle Virtù, di Giambattista Tiepolo; il dipinto a olio su tela decora l'intero soffitto della Sala Giunta.

• Via Vivaio 1, cittametropolitana.mi.it

13) Palazzo Litta – Settecento deluxe

Superato lo Scalone d’Onore, il Salotto Rosso, la Sala degli Specchi e il Salotto della Duchessa conservano strepitose tappezzerie, stucchi e tele del Settecento.

• Corso Magenta 24, palazzolittacultura.org

14) Palazzo Serbelloni – Ascesa al piano nobile

Icona del Neoclassicismo milanese, sorprende con gli interni del piano nobile. La scintillante sala da ballo di fine Settecento sfoggia affreschi, specchiere dorate, pavimenti intarsiati e lampadari in cristallo di Boemia.

• Corso Venezia 16, fondazioneserbelloni.com

Palazzo Serbelloni.
Courtesy photo

15) Sala Alessi – Tra sacro e profano

Nel Salone d'onore di Palazzo Marino − intitolato all'architetto che ha firmato l'edificio: Galeazzo Alessi − spiccano gli affreschi consacrati alle Nove Muse e agli dei Apollo, Bacco e Mercurio. In più, il gonfalone del Comune, con il patrono Sant'Ambrogio e la leggendaria scrofa semilanuta, simbolo di Milano prima dell'età comunale.

• Piazza della Scala 2, comune.milano.it

16) Sala delle Asse – Trionfo rinascimentale

L'ambiente riccamente decorato da Leonardo da Vinci al Castello Sforzesco rappresenta la glorificazione del buon governo del Moro, con lo stemma araldico degli Sforza sotto un pergolato di gelsi. Da non perdere, nel vicino Cortile delle Armi, anche la Pietà Rondanini di Michelangelo.

• Piazza Castello, milanocastello.it

17) San Bernardino alle Ossa – Toni solenni

L'impatto è impressionante, con pareti, nicchie, cornicioni, pilastri e porte ricoperti di teschi, nell'Ossario della chiesa del 1269. I resti appartengono alle persone decedute nell'ospedale del Brolo.

• Via Verziere 2, turismo.milano.it

18) San Maurizio al Monastero Maggiore – La "Cappella Sistina"

Alla facciata anonima contrappone il tripudio di dipinti, stucchi e affreschi degli interni, firmati Bernardino Luini. Nel Coro delle Monache, l'organo del Cinquecento.

• Corso Magenta 15, touringclub.it

In Corso Magenta, San Maurizio al Monastero Maggiore cela la ricchezza decorativa di quella che Vittorio Sgarbi ha definito la Cappella Sistina di Milano.
Getty Images


19) Santa Maria dei Miracoli – La chiesa delle spose

Nascosto agli sguardi da un imponente quadriportico cinquecentesco, il santuario, anche noto come la "chiesa delle spose", sorge a ridosso dell'antica basilica romanica di San Celso. All'interno, opere di Antonio Campi, Bergognone e Giulio Cesare Procaccini.

• Corso Italia 37, santamariadeimiracoliesancelso.it

Santa Maria dei Miracoli.
Courtesy photo

20) Santa Maria presso San Satiro – Trompe l'æil

Al primo sguardo, questa chiesa di fine Quattrocento sembra avere una tradizionale pianta a croce latina, con abside dietro l'altare; in realtà, osservando da vicino, ci si accorge che il coro è realizzato in stucco, dipinto da Donato Bramante con effetto prospettico.

• Via Torino 17/19, turismo.milano.it

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Cooltravel