Lamo, ristorante total design

Il locale milanese progettato da Gio Pagani: sofisticata atmosfera New Déco e cucina di pesce tra Italia e Giappone. Indirizzo perfetto per il Fuorisalone.

image
Courtesy photo

Il posto giusto per gli amanti del design: sempre, ma in particolare ora che a Milano sta per aprirsi la settimana più creativa del mondo, animata da Salone del Mobile e Fuorisalone. Il ristorante Lamo si trova tra Stazione Centrale e Piazza Repubblica, a un passo, dunque, dalle nuove location di Ferrante Aporti dove saranno in corso molti allestimenti per la Design Week.

Lo spettacolare privé foderato di wallpaper grafica.
Courtesy photo
Il piccolo, delizioso dehors.
Courtesy photo

Lamo è stato completamente arredato e decorato dal designer Gio Pagani, in uno stile Déco contemporaneo di grande eleganza e impatto. I rivestimenti a piastrelle, su alcune pareti in verde bottiglia, su altre in granata, sono una citazione delle finiture usate nelle cucine dei primi Novecento e sono prodotte da Ce.Si. Non poteva mancare la boiserie in legno, evocatrice di vecchi bistrò, firmata GioPagani Surface by Giacobazzi. I divani, riadattati per l'occasione, sono un classico della produzione GioPagani, il brand creato dal designer, come i tavoli Rendez-Vous dal top personalizzato e le luci Eclat D’Eau. Alle pareti, le grandi opere energizzanti dello street artist ligure Tosh.

Decorano il locale le tele di grandi dimensioni firmate Tosh, street artist ligure.
Courtesy photo
Uno degli antipasti a base di gamberi proposti da Lamo The Restaurant.
Courtesy photo
Il lampadario firmato Gio Pagani, collezione Eclat D’Eau, illumina la sala del ristorante.
Courtesy photo

Lo chef Alessandro Obili vanta una lunga esperienza nelle cucine dello chef nippobrasiliano Roberto Okabe e dal geniale patron dei vari ristoranti Finger’s a Milano ha ereditato il gusto del cross-cultural food: ingredienti mediterranei, sapori e presentazioni che ammiccano al Giappone.

Uno scorcio della sala con la boiserie in legno, GioPagani Surface by Giacobazzi.
Courtesy photo
Una succulenta ostrica fritta, tra gli antipasti di Lamo The Restaurant.
Courtesy photo
I tavoli Chat Noir, collezione Rendez-Vous, GioPagani, hanno un rivestimento personalizzato.
Courtesy photo


Qui si gusta soprattutto pesce: crudi delicati e appaganti ostriche fritte, tacos al salmone e branzino. Tra i primi, risotto all’astice e risotto al mandarino, a seguire grigliate o filetto per i carnivori. In un menu ben assortito degno della sofisticata location. E il sontuoso banco bar è lì per ospitare aperitivi: consigliatissimi i cocktail, eclettici come la tendenza odierna impone.

Il banco bar, sempre firmato Gio Pagani, curatore dell’intero progetto di Lamo The Restaurant.
Courtesy photo
Un piatto a base di polpo.
Courtesy photo

Lamo The Restaurant, Via A. Cappellini, 21, Milano, www.lamo.restaurant

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Gourmet