La donna protagonista assoluta del design

Le abbiamo incontrate al Salone del Mobile 2018: fascino, garbo e genialità.

image
Grafica di Silvia Reppa

Sara Ricciardi: allure regale. Le cineserie del castello austriaco di Hollenegg, set di questo ritratto, hanno ispirato a Sara Ricciardi uno stile dai sofisticati orientalismi, che attraversa le sue installazioni e i vasi minimal, ideali per eleganti ikebana. sararicciardi.org
Foto, Attilio Cusani

Bethan Laura Wood: palette caleidoscopica. Pattern che evocano stratificazioni di graniti, marmi e pietre dure. I tappeti (qui, Super Rock) di Bethan Laura Wood per cc-tapis sono un trionfo di colori, come i tessuti dal mood messicano creati dall’artista per Moroso. bethanlaurawood.com
Foto, Giulia Soldavini

Cristina Celestino: romantic mood. Quasi uno spazio sospeso nel tempo: Cristina Celestino ha rivestito un classico tram milanese con tessuti Rubelli e passamaneria MV1843. Uno stile raffinato il suo, che caratterizza anche le nuovissime wallpaper per LondonArt.cristinacelestino.com
Foto, Mattia Balsamini

Nel Verbeke: pensiero dark. Al centro della sua ricerca c’è un décor introspettivo reso unico da materiali come il legno fossile. Nel Verbeke ha presentato Embrace Melancholy, accessori che si interrogano sullo scorrere del tempo, tra mini e maxiclessidre, oltre a enigmatici specchi di rame che non riflettono l’immagine. nelverbeke.com
Foto, Alexander Popelier

Elena Salmistraro: pattern divertenti. Le sue opere (nella foto, l’acrilico su tela Il giorno del giudizio) hanno un vivace tratto grafico. Cifra stilistica che Elena Salmistraro, qui vestita MaxMara, ha impresso pure alle statuine Most Illustrious di Bosa, omaggio ai big del design. elenasalmistraro.com
Foto, Bakerstreet, bakerstreetstudio.com

Federica Biasi: trame preziose. Il suo è un codice estetico all’insegna dell’essenzialità, in grado di esaltare i colori e le geometrie del tappeto Óm per cc-tapis (nella foto) oppure trasformare in maxigioielli la luce a sospensione Decolamp e la libreria Marianne: novità Mingardo, di cui Federica Biasi cura la direzione artistica. federicabiasi.com
Foto, Run Lola

Alessandra Baldereschi: tocco artistico. Ispirata dagli affreschi di Giambattista Tiepolo e Sebastiano Ricci, Alessandra Baldereschi ha realizzato ’700 Veneziano per Nodus, linea di tappeti in lana dallo spiccato segno pittorico (nella foto, Gloria d’Angeli). alessandrabaldereschi.com
Foto, Antonio Di Canito

India Mahdavi: vento d’Oriente. Foglie mosse dalla brezza in un’oasi dell’antica Persia. India Mahdavi ha creato i tappeti annodati a mano Garden of Eden per Golran (qui, il modello March). Inoltre, ha vestito di charme la collezione Bisazza Bagno che porta il suo nome e una linea living dalle forme sinuose ideata per Nilufar. india-mahdavi.com
Foto, Colombe Clier

Patricia Urquiola: codice architettonico. Vanta la sua firma lo splendido revamping dello showroom Cassina in via Durini, a Milano. Nuova attrazione di questo spazio: la scala elicoidale che sale fino alla cupola, ora aperta per ricavare un ambiente esterno e far entrare la luce. patriciaurquiola.com
Courtesy Photo
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Incontri